Ancora nessun accordo sull’asilo • Ecco come l’Italia affronta la crisi dell’asilo • L’impatto dell’aborto nel Medioevo

AP

Dopo mesi di consultazione, non esiste ancora una legge sull’asilo

I quattro partiti della coalizione (VVD, CDA, ChristenUnie e D66) stanno ancora discutendo la legge del segretario di Stato van der Burgh, attraverso la quale il gabinetto vuole diffondere l’accoglienza (obbligatoria) dei richiedenti asilo in tutti i comuni. Il partito VVD non vuole accettare la nuova legge per la difficoltà di forzare i comuni. Il gruppo vuole anche parlare di limitare l’arrivo dei richiedenti asilo.

L’accordo sull’asilo è stato negoziato per mesi. Quando entrerà in vigore la nuova legge sull’asilo? Ospite in studio Jorid RijpmaProfessore di diritto europeo all’Università di Leida.

Affrontare la crisi dell’asilo in Italia

In Italia, gli immigrati sono trattati duramente e spesso non possono entrare nel paese. Il governo di destra, guidato da Georgia Meloney come primo ministro, si rifiuta di mandare al porto quasi tutti i migranti in barca. Di conseguenza, ci sono ancora molte navi sulle coste italiane, che trasportano centinaia di profughi. La politica potrebbe attirare molte critiche, ma Meloni spera ancora che il resto dell’UE segua la sua strategia.

Gli attivisti difendono i migranti sulla nave degli aiuti: “È disumano”

Quanto è importante per gli elettori il diritto all’aborto?

Domani negli Stati Uniti si terranno le elezioni di medio termine. Nelle elezioni di medio termine, i democratici sperano di corteggiare gli elettori con il tema dell’aborto. La scorsa estate, la Corte Suprema ha annullato un diritto nazionale all’aborto. Ma: quanto è importante per gli elettori questo tema in un momento in cui si tratta principalmente di inflazione? ora delle notizie Ha visitato la Pennsylvania, dove le cliniche per aborti sono sempre più affollate.

READ  Incontri d'affari internazionali con buyer al dettaglio a Bergamo, Italia

Sessismo e comportamento scorretto o no: “Sta arrivando una pilota di F1 donna”

Sono passati quasi cinquant’anni da quando una donna ha gareggiato in Formula 1 oltre le qualifiche. Anche le possibilità che le donne si trasferiscano nei prossimi anni sembrano scarse. Allo stesso tempo, sia le donne guidatrici che le fan donne devono fare i conti con commenti sessisti e, nel caso delle fan, comportamenti trasgressivi.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24