Apple supporta gli app store di terze parti installati al di fuori dell'UE per un massimo di 30 giorni – Tablet e Telefoni – Notizie

Ti stai contraddicendo: controlla localmente sul dispositivo se l'iPhone si trova nell'UE o meno. Invia risposta al server Apple: Non va bene.

Quindi Apple sa dove si trova l'iPhone, l'utente? Cosa c'è di così locale secondo te?

Inoltre, la nostra normativa olandese prevede che tu possa considerarti non più registrato nei Paesi Bassi solo dopo 8 mesi.

Allora da dove prende Apple quei 30 giorni? Durante il mio servizio sono stato in mare per un anno e come consulente estero sono stato all'estero per 3-8 mesi.

https://www.rvig.nl/veelg…20buitenland%20woning.

A parte questo, probabilmente non utilizzerò uno store di terze parti: Apple lascerà stare questa scelta o continueranno ad aggiornare la posizione del mio dispositivo?

Penso che questo sia un possibile problema di uscita poco chiaro per iOS. Si tratta di un livello di registrazione inaccettabile, perché fino a che punto la funzionalità del sito sarà sufficientemente sicura da non poter essere hackerata o utilizzata da soggetti malintenzionati?

Ho già pensato al fatto che un iPhone spento fornisce informazioni sulla posizione, ma è troppo vago per un'Apple attenta alla privacy e, a mio avviso, particolarmente ostile.

Non capisco davvero di cosa abbiano paura le persone perché su Android questi negozi di terze parti non hanno quasi alcun controllo sugli utenti finali e sui creatori del software di cui i clienti hanno bisogno dal Play Store.

Non ho numeri o fonti enormi per questo, ma chiedi a qualsiasi utente Android quale negozio utilizza e immagino che 9/10 dirà PlayStore.

READ  Samsung annuncia Exynos 2200-soc con presunta GPU AMD per Galaxy S22 - Computer - Notizie

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24