Assen rimane un punto caldo per la zanzara tigre asiatica nel nord dei Paesi Bassi

L’Autorità olandese per la sicurezza alimentare e dei prodotti di consumo (NVWA) ha adottato misure contro la zanzara tigre asiatica in 27 località in questa stagione. Nel nord dei Paesi Bassi, Assen è l'unico luogo in cui viene effettuato il cosiddetto “posttrattamento” per uccidere le larve e le pupe dell'insetto.

Il sito nel capoluogo di provincia visitato dalla NVWA è un indirizzo noto per la zanzara tigre asiatica. È un'azienda di pneumatici dove da 11 anni compaiono strane zanzare. Oltre all'azienda, nel trattamento successivo fornito dalla NVWA è incluso anche l'ambiente circostante. Nel raggio di 500 metri dall'azienda si trovano complessivamente 514 indirizzi.

La zanzara tigre asiatica può trasmettere più di due dozzine di malattie virali, tra cui dengue e Zika, ed è quindi sotto controllo. Gli insetti venivano originariamente trasportati dall’Asia ai Paesi Bassi tramite pneumatici per automobili e alcune piante di bambù. Attualmente nelle regioni mediterranee sono presenti numerose zanzare tigre. Vengono nei Paesi Bassi in auto, roulotte e campi di vacanza.

L'anno scorso sono state segnalate la zanzara tigre asiatica in 37 località del nostro Paese, il doppio rispetto all'anno precedente. Più della metà di questi siti (22) erano aree residenziali. I 27 luoghi in cui le zanzare tigre sono state finalmente controllate in questa stagione rappresentano un record.

Durante questo successivo trattamento, come è stato fatto ad Asen, gli ispettori della NVWA lavorano con i disinfestatori per cercare potenziali siti di riproduzione per la zanzara tigre asiatica. Un portavoce dell'Autorità per la sicurezza alimentare e dei prodotti di consumo afferma: “Consideriamo, occasionalmente, solo piccole quantità di acqua negli annaffiatoi, sottovasi e barili per la pioggia. Ma anche nei rifiuti come lattine, bottiglie o contenitori”.

READ  Mammaprint nel pacchetto base: il test avrebbe potuto salvare Sabine dalla chemioterapia

“I potenziali siti di riproduzione vengono prima controllati per individuare larve di zanzara. Queste larve vengono raccolte e inviate al laboratorio di Wageningen per l'identificazione. L'acqua viene quindi rimossa ove possibile. Quando ciò non è possibile, l'unità di disinfestazione utilizza un prodotto che uccide solo le zanzare larve.” Verranno inoltre posizionate trappole per zanzare per continuare a monitorare la presenza della zanzara tigre nei prossimi mesi.

Poiché il controllo è quasi stato raggiunto, la NVWA chiede aiuto ai cittadini e ai comuni. “Stiamo facendo molta attenzione ai cittadini per creare maggiore consapevolezza e vigilanza nell'identificazione delle zanzare tigre”, ha detto il portavoce. “Con alcuni comuni continuano le discussioni sulla possibilità di compiere ulteriori sforzi in materia di monitoraggio e controllo”.

Secondo la NVWA le zanzare esotiche non si sono ancora insediate nei Paesi Bassi, poiché il servizio effettua il controllo delle zanzare immediatamente dopo ogni segnalazione. Secondo l'autorità, le persone possono aiutarsi evitando di lasciare ciotole o contenitori con uno strato di acqua stagnante, perché costituiscono un terreno fertile ideale per le zanzare. “Il rischio di sviluppare una malattia grave dopo una puntura di zanzara tigre è attualmente basso nei Paesi Bassi, ma la situazione potrebbe cambiare se qui si stabilissero specie esotiche”, ha affermato la NVWA.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24