“Attenti al ‘rallentamento’ della produzione dovuto alla politica dell’UE” – Cenni sull’azoto



Klaasvdhorst


sfondo azoto



Oggi 08:00 1 Commento

Gli studi scientifici condotti finora indicano che il green deal e la strategia dal produttore al consumatore avranno un impatto negativo sulla sicurezza alimentare globale. Roel Jongeneel di Wageningen Economic Research sottolinea che si tratta di analisi tipiche e che ci sono molte incertezze, ma secondo lui rappresentano una buona esplorazione iniziale.

Jongeneel ha presentato questi risultati alla conferenza SGP “Chi nutrirà il mondo domani…?” che si è tenuto a Puten venerdì 20 gennaio. Lo scienziato ha sottolineato che il Green Deal e la strategia dal produttore al consumatore, e la relativa strategia per la biodiversità, non sono ancora legislazione, ma hanno un effetto guida.

La crescita della produzione è richiesta dal 2% al 3% annuo
Man mano che la popolazione mondiale cresce, è necessario più cibo; Molto di più se si vuole anche ridurre l’insicurezza alimentare, che colpisce un quarto della popolazione mondiale. Jongeneel calcola cosa questo significhi per i cereali: da 7 gigatonnellate di grano nel 2020 (mentre circa il 10% delle persone è gravemente malnutrito) a 12 gigatonnellate nel 2050. Ciò presuppone che più persone abbiano una dieta più generosa, ma non ancora la dieta dell’UE. Presuppone che il 10% del consumo energetico sarà quindi costituito da biocarburanti, che richiederebbero anche altri 5 gigatonnellate di grano. Questo è un totale di 17 Gt. Ma per nutrire tutti la dieta attuale nell’Unione Europea richiederebbe 23 gigatonnellate di grano. In definitiva, la crescita della produzione richiesta sarà del 2-3% annuo.

READ  La sonda su Marte trova prove di gravi inondazioni su Marte

Gli obiettivi europei per il 2030 sono: dimezzare l’uso di prodotti fitosanitari, ridurre del 50% le perdite di nutrienti (con conseguente riduzione del 20% di fertilizzanti), dimezzare l’uso di antibiotici e portare la superficie biologica a un quarto della superficie agricola totale. Secondo Jongeneel, ciò significa che la crescita della produzione rallenterà o la produzione si contrarrà. Ciò può anche tradursi in coordinamento i prezzi.

Jongeneel cita vari studi sulle potenziali conseguenze della politica dell’UE di WUR, USDA, Kiel e JRC. Sostiene che si tratta di analisi tipiche e che ci sono molte incertezze, ma secondo lui costituiscono una buona esplorazione preliminare. Riducendo i fertilizzanti sintetici, i raccolti diminuiscono dal 10% al 15%, afferma Gongenell. La riduzione dell’uso dei prodotti fitosanitari ha anche un impatto negativo sulla resa e forse anche sulla qualità. E per quanto riguarda gli antibiotici mirati, l’Europa è ragionevolmente sulla buona strada, secondo lo scienziato, ma ciò farà aumentare i costi. Si prevede inoltre che le norme sul benessere degli animali aumenteranno i costi e potenzialmente renderanno problematiche le importazioni da paesi terzi. Quando solo i mangimi biologici sono consentiti per il bestiame biologico, ciò ha anche l’effetto di far salire i prezzi. Si nota che il bersaglio biologico non dice assolutamente nulla sugli animali, ma solo sulla superficie. Dopotutto, la riduzione stimata della produzione dovuta agli obiettivi di biodiversità è compresa tra il 2% e il 4%, secondo Jongeneel. Secondo lui, il sostegno finanziario del governo può limitare le conseguenze sul reddito agricolo.

Il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti ha esaminato il significato della politica dell’UE. Non solo per la stessa Unione Europea, ma anche per il resto del mondo. Sono stati analizzati anche altri due scenari: quando i paesi extra UE prendono il controllo della politica e quando succede in tutto il mondo. L’effetto complessivo è che la produzione diminuisce e i prezzi aumentano. L’Unione europea è colpita più del resto del mondo. Se il mondo intero adotta la strategia, i prezzi raddoppieranno, secondo Jongeneel.

READ  L'astronauta della Stazione Spaziale Internazionale Pesquet condivide un'immagine spaziale dettagliata dei Paesi Bassi

Secondo lo scienziato, non dovremmo stare attenti a nessuno produttività Più lentamente Abbiamo già visto, nell’Unione Europea e nel mondo. A proposito, non lo sentirai dire che non dovremmo fare nulla per i problemi ambientali. “Avere una buona politica agricola è fondamentale, sia con l’obiettivo della sostenibilità sia con l’obiettivo di sviluppare la produttività”, afferma Gongenell. Secondo lui, “l’innovazione deve essere una parte importante della soluzione” e anche la comunità imprenditoriale deve svolgere un ruolo importante in questo. Tra le sue altre raccomandazioni a questo proposito: “Formulare precondizioni chiare per la sostenibilità e introdurre politiche di mercato, prezzi e premi”.

Hai consigli, suggerimenti o commenti riguardo a questo articolo? Facci sapere
Farmersbusiness.nl

Linda Van Eckeres

Linda Van Eckeres è co-sceneggiatrice. Si concentra principalmente sugli sviluppi macroeconomici e sull’impatto della politica sul settore agricolo.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24