Bibi de L’Aia vive in Italia da 34 anni: “Vivo spesso in moto in alta montagna”

Baby Cigar si è trasferita a Roma 34 anni fa e poi ha perseguito l’amore a Teramo, ma non ha mai dimenticato la sua città natale, L’Aia. Ritorna ancora regolarmente nel suo vecchio quartiere: Archipelport.

Olga Baby Cigar è nata nel 1965 a Emmakliniek all’Aia. “Vivo in Italia dal 1987. Vent’anni a Roma e ora quasi quattordici anni a Teramo, al confine tra Marche e Abruzzo.

Perché hai lasciato L’Aia?

“Da bambino ho sentito tante storie sull’Italia da Bruno Marinello, della famosa gelateria. Ha studiato con mio padre alla Royal Academy of Arts (KABK). Nel 1987 durante le mie “Vacanze Romane” mi sono innamorato di Roma e un artista italiano. Poi ho vissuto vent’anni a Roma, in uno dei posti più belli di fronte al Pantheon.

Com’è la tua vita in Italia?

“A Roma ho lavorato nel cinema e nel mondo della moda. Mi sono divertito a lavorare per anni alla Fashion Academy di Roma, dietro Piazza Navona. Circa 14 anni fa ho lasciato l’artista romano nella ‘città eterna’. L’Amore era ambientato per lui e Roma dietro.Pensavo che la città fosse diventata molto affollata e molto turistica.

Soggiornando in un castello in Abruzzo, ho conosciuto mio marito Maurizio, architetto teramano. Era lì per ristrutturare il castello dopo il terremoto dell’Aquila.

Il testo continua sotto l’immagine >>>

Sigaro bambino. L’immagine è privata

“L’Abruzzo è una bellissima zona con molta natura incontaminata, a circa due ore da Roma. Sono spesso in viaggio in bicicletta o in moto, in alta montagna, sulle colline fino alla costa. Amo fotografare e parlare della vita qui nella mia zona sul sito Dolcevia.com.

E da qualche anno aiuto gli stranieri a trovare e ristrutturare la loro casa italiana. Sulla mia pagina Facebook “Casa della Felicità nelle Marche e in Abruzzo” Ci sono belle case in vendita qui. Esco regolarmente con gli stranieri che cercano casa. Dirò di più sulla vita qui durante una passeggiata nella proprietà della loro futura casa”.

READ  Amber Heard si trasferisce a nuovo avvocato per fare appello

>>>

Sigaro bambino. L’immagine è privata

Hai portato con te un pezzo di L’Aia?

“L’Aia è sempre nei miei pensieri, mia sorella gemella Monique vive lì con i suoi figli e anche con zia Neil, la sorella gemella di mio padre. Nella mia casa c’è una cicogna dell’Aia e libri sull’Aia e le foto di mio padre che ha scattato dalla città.”

>>>

Angolo dell’Aia. L’immagine è privata

Qual è la differenza con l’Aia lì?

“Certo che l’Italia è molto diversa dall’Olanda. Roma è come un vassoio pieno di tazzine e piattini antichi con tutti i monumenti ravvicinati al centro. Qui in Abruzzo ci sono gli orsi in montagna dietro casa mia. La gente qui è molto ospitale e quasi insultato se non continui a mangiare con loro, In passato all’Aia ho spesso sperimentato che dopo un giro di biscotti con il caffè, il coperchio veniva rapidamente rimesso …. La Coppa dell’Aia!

Il cibo qui è molto buono, compro verdura, latte, formaggio e carne dalle fattorie dietro casa mia. Ci sono molti villaggi abbandonati qui, ovunque lungo la strada incontrerai alberi da frutto e noci, nessuno ci fa niente, tranne me! “

>>>

Sigari per bambini nel Gran Sasso. L’immagine è privata

“Personalmente penso che gli olandesi abbiano un gusto migliore per l’interior design. Sono ancora stupito che gli amici moderni che indossano l’ultima moda e gli accessori vivano in una casa vecchio stile, nella mia città ci sono ancora dei negozi degli anni ‘ qui sembra che il tempo si sia fermato'”.

È stato difficile abituarsi?

“No, mi sono sentito completamente a casa. Sono abituato a viaggiare. Ho vissuto tre anni a Parigi prima di venire in Italia. Sono una persona curiosa e si adatta bene Guardando sempre il lato positivo! Naturalmente ci sono stati molti momenti di nostalgia per la mia famiglia e in particolare per mia sorella gemella o per una deliziosa o abbondante crocchetta alla griglia durante, ad esempio, le mie giornate a cavallo all’Aia! “

READ  I candidati italiani a X Factor non sono più ordinati per età e sesso العمر

Cosa ti manca a L’Aia e cosa non ti manca affatto?

“Ripenso con nostalgia ai miei anni felici della mia infanzia all’Aia: giocare all’aperto nel bellissimo arcipelago, vicino al centro dell’Aia, Denneweg, Noordeinde e nei boschi. In spiaggia dopo la scuola, sulla schiena di mamma e papà una bicicletta, piedi nei cestini, fare i compiti in Cottage e cenare sulla spiaggia, che bel momento!

>>>

Sigari per bambini all’Aia. L’immagine è privata

Da piccola andavo sempre in giro per L’Aia, conoscevo quasi tutte le strade, giravo spesso con mio padre che faceva sempre foto. Al mercato dell’Aia, al mercato dell’antiquariato a Lange Voorhout, ai graziosi quartieri con bei edifici, a Eat at Toko e a molti eventi culturali.

Quello che non mi manca affatto sono gli ‘hae zekerds’, che emettono un suono scontroso e alzano il dito medio se non guidi veloce, qui in Italia ho imparato ad avere molta pazienza”.

Sei mai tornato all’Aia?

“Sì, certo, anche un paio di volte l’anno. Vado per il centro storico con mia sorella, giro per la città e mangio delle patatine, vado a trovare amici e parenti. Ma anche per organizzare ogni tanto un evento italiano e promuovere il nostro regione al “Ristorante Gran Tour in Italia” de L’Aia, il ristorante del fratello e della sorella di mio marito.”

Leggi anche…

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24