Bolsonaro di nuovo distoglie lo sguardo da Trump e semina dubbi sui computer di voto

Il presidente brasiliano Jair Bolsonaro lo scorso fine settimana nella capitale, Brasilia, durante un ricevimento per il presidente capoverdiano in visita.Foto AFP

Il presidente Jair Bolsonaro guarda sopra le teste di un gruppo di sostenitori di un metro e ottanta e grida: “Non capisco, perché tutta la resistenza?” Martedì ha detto ai suoi sostenitori nel giardino del palazzo presidenziale Alvorada nella capitale, Brasilia, che la sua crociata contro i computer con cui il Brasile seleziona i suoi politici dal 1996 è motivata esclusivamente da nobili motivi democratici. Non ha proprio nulla contro le istituzioni, il Tribunale Elettorale (TSE) e la Corte Suprema – ma il presidente della TSE, Luis Roberto Barroso, dice, sta cercando di imporre la sua volontà al popolo brasiliano. Il suo pubblico annuì in segno di approvazione.

Il politico Bolsonaro si nutre di nemici, persone con un nome e un volto, che possono essere attribuiti a una varietà di vaghe intenzioni. Lo fa capire al mondo: il presidente di fronte ai suoi avversari. In questo senso, non sta combattendo con il sistema di sostegno alla democrazia brasiliana dalla fine del governo militare a metà degli anni ’80, ma con un uomo, in questo caso, il giudice Barroso, che offenderebbe il Brasile. Mentre Bolsonaro gioca sulla persona, il regime cerca una risposta agli attacchi di sabotaggio del presidente.

La sua ultima battaglia contro lo stato di diritto (il millesimo numero di una lunga serie) ha a che fare con l’affidabilità del voto elettronico. A più di un anno dalle elezioni presidenziali, Bolsonaro da diversi mesi solleva dubbi infondati sul sistema elettorale. È sempre più in ritardo nei sondaggi rispetto al suo rivale di sinistra, l’ex presidente Lula da Silva. Lula ha fatto un sorprendente ritorno sulla scena politica questa primavera dopo che la Corte Suprema ha annullato una serie di condanne per corruzione nei suoi confronti. Secondo i sondaggi, il leader del partito laburista Laburista otterrà il doppio dei voti di Bolsonaro al secondo turno.

READ  La CDU si stava dirigendo verso una storica sconfitta

Copiato da Trump

Se non puoi vincere se giochi secondo le regole, puoi sempre attaccare il gioco stesso. Bolsonaro afferma che i computer saranno vulnerabili alle frodi basate su “indicatori”. Ha avvertito che le elezioni non possono aver luogo senza schede elettorali. La strategia sembra essere stata copiata individualmente dall’esempio del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che sostiene ancora che i democratici abbiano “rubato” le elezioni, anche se Bolsonaro ha rilasciato dichiarazioni simili come membro del Congresso sei anni fa.

Inizialmente, la Corte Elettorale richiedeva al presidente di presentare prove. Questa settimana, dopo che gli indizi di Bolsonaro non erano arrivati, sono passato all’artiglieria pesante. La corte sta indagando sul possibile abuso di potere da parte del capo dello Stato. Inoltre, l’istituto ha chiesto alla Corte Suprema di indagare se Bolsonaro possa essere citato in giudizio per diffusione di notizie false. “Il sistema sta resistendo”, afferma il politologo Nao de Azevedo dell’Università di Brasilia. “I giudici stanno cercando di tracciare una linea: fino a questo punto e non oltre”.

Il Brasile sta andando alla deriva in nuove acque inseguito da un populista che cerca sempre di suscitare polemiche. De Azevedo afferma che il tribunale elettorale non ha mai interrogato un presidente. Mai prima d’ora, afferma il tribunale che vigila sulla legalità delle elezioni, ciò è stato necessario. In una dichiarazione congiunta all’inizio di questa settimana, il presidente Barroso ei suoi predecessori – dall’istituzione della corte nel 1988 – hanno negato le accuse. I giudici affermano che il tribunale elettorale è appena riuscito a porre fine a una lunga storia di elezioni fraudolente. I computer di voto hanno aiutato con questo per 25 anni: “Da allora, non è stato osservato nessun caso di frode”.

Barroso ha fatto firmare la lettera a tutti i suoi predecessori nel tentativo di non essere esposto alle sabbie mobili di Bolsonaro. Invano, vi era già annegato fino al collo. Per un giorno dopo, il capo rimase di nuovo lì, chiedendosi ad alta voce perché la gente avesse resistito così duramente. La risposta è stata lui stesso: il presidente Barroso e la sua missione personale contro il Brasile. Pensate: Barroso è stato uno dei massimi giudici a ribaltare le condanne contro Lula. “Le stesse persone che hanno rilasciato Lula conteranno e controlleranno i voti l’anno prossimo”.

politica di fallimento

Scienziati politici come de Azevedo guardano sconcertati. Ancora una volta, Bolsonaro è riuscito a distogliere l’attenzione dei media su di lui. “Funziona sempre. Ottima strategia: basta che ne parlino. La conversazione telefonica che hanno avuto con lui de Volkskrant sostiene il suo punto di vista. Le provocazioni di Bolsonaro distraggono da tutte quelle altre cose che lo influenzano nella sua popolarità: una commissione parlamentare che indaga sulle politiche fallimentari del suo governo sul coronavirus ed espone accordi corrotti sui vaccini; L’elevata disoccupazione, un’economia in declino, la rapida inflazione stanno rendendo la vita più costosa per tutti.

Finora, il presidente ha superato ogni crisi creandone di nuove ogni volta. Seguendo l’esempio di Trump, il rivale Lula ha dato un’occhiata più da vicino alla campagna di Biden lo scorso anno. In mezzo alla lotta di Bolsonaro con le istituzioni democratiche del paese, Lula sta esortando i suoi follower su Twitter a indossare maschere. “Non chiedo per me, ma per te.” Non ha bisogno di menzionare il nome del suo avversario per ricordare al Brasile i 560.000 morti.

Tracciando il paragone americano, si fermerà prima di Bolsonaro dopo le prossime elezioni. In teoria, le indagini elettorali e la Corte Suprema potrebbero squalificare Bolsonaro anche prima delle elezioni. Il Parlamento può anche decidere di metterlo sotto accusa temporaneamente. Ma il presidente del parlamento, che può muovere il caso, è un alleato politico del presidente. De Azevedo dice che il Brasile è il Brasile. “Tutto può succedere, anche niente.”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24