Cantante dei Pussy Riot: “Noi rappresentiamo l’Ucraina” | proprio adesso

Maria Algoshina è la cantante del famigerato gruppo di attivisti russi Pussy Riot. Sta girando l’Europa con il suo gruppo dopo essere fuggita dal suo paese d’origine travestita da servizio di consegna pasti a metà maggio. L’orchestra raccoglie fondi per l’ospedale pediatrico di Kiev. “Vogliamo essere presenti per l’Ucraina”, ha detto Aljochina a NU.nl.

Maria Algochina, 33 anni, ha suonato in case affollate in Germania per una settimana. Le Pussy Riot sono arrivate giovedì sera ad Amsterdam dopo un volo di dieci ore e lei e i suoi membri della band Olga Borisova e Diana Burkut si sono seduti al tavolo del talk show. in 1

Venerdì mattina, sembrano pallidi insieme, in procinto di volare a Leuven in Belgio per un altro spettacolo. Sabato, i Pussy Riot torneranno ad Amsterdam per suonare lì.

“Sono felice di poter cantare ovunque con la band”, dice Aljochina. “Qui abbiamo una piattaforma, possiamo far sentire la nostra voce. Siamo ovviamente contro il dittatore Putin e la sua guerra. Ma vogliamo anche dirvi qui in Europa occidentale che dovete smettere di comprare gas russo. Ho comprato i soldi. da te. Le armi che ora vengono usate in Ucraina. Ho guardato nell’altra direzione per anni. Francia, Italia e Germania hanno persino venduto armi alla Russia”.

Non chiamatela partenza dalla Russia un viaggio

Aljochina è apparsa sulla stampa internazionale a metà maggio dopo la sua incredibile fuga dall’appartamento in cui era agli arresti domiciliari. Ha deciso di tagliarsi le cavigliere, lasciare il telefono a casa e, vestita con un abito verde da uomo di consegna dei pasti, è scivolata attraverso la porta sul retro del complesso di appartamenti dove era agli arresti domiciliari.

READ  Un cittadino franco-siriano è stato arrestato con l'accusa di aver fornito ad Assad materiale per armi chimiche

Ha apertamente descritto la sua partenza dalla Russia come nessun viaggio. “Voglio far sentire la mia voce, ecco perché sono qui. Siamo in tour per 21 giorni. Voglio stare con la band, cantare la nostra nuova canzone contro la guerra. Non so cosa sono faremo il prossimo.”

Pussy Riot mette in guardia da anni sui crimini commessi da Putin e dalla sua cricca al Cremlino. Nel 2012, Alyoshina e i suoi compagni membri della band sono stati condannati a due anni in un campo penale per aver protestato contro il potere assoluto del leader russo cantando la canzone. Madre di Dio, liberaci da Putin suonare in chiesa.

Dopo il loro rilascio dal campo penale, hanno annunciato che avrebbero smesso di esibirsi. Hanno già creato un’organizzazione che ha difeso gli attivisti per i diritti umani in Russia.

Da allora, i membri delle Pussy Riot hanno continuato a protestare e sono stati regolarmente arrestati. Aljochina è stata arrestata sei volte dal solo luglio scorso, ogni volta senza un vero motivo. “Lo chiamiamo circuito di arresto”, dice Aljochina. “Ci arrestano, ci portano in una stazione di polizia, poi si scopre che abbiamo ‘resistito’ a qualcosa e andiamo in prigione per due settimane”.

A febbraio, Alyoshina è stata arrestata per un post su Instagram che criticava il leader bielorusso Alexander Lukashenko. Il giudice ha stabilito che si trattava di “propaganda nazista”. Alyochina: “Per anni ho protestato contro i nazisti e ora secondo Putin sono uno di loro? Proprio come tutto il popolo ucraino?”

“Sapevamo che sarebbe stato un periodo difficile”

Alyoshina era sola in una cella quando Putin ha tenuto un lungo discorso il 21 febbraio, accusando l’Ucraina di ospitare neonazisti e di prepararsi per attacchi alla Russia. Ha sentito il discorso alla radio ed era arrabbiata, sola in quella cella. “Tutti sapevano che avremmo passato un periodo difficile, e non c’è niente che tu possa fare al riguardo. E quel che è peggio: ogni giorno arrivano notizie di stupri e omicidi”.

READ  Gent è stanca della spazzatura in giardino e non la ripulirà più: "Spero che questo gli apra gli occhi" | All'estero

Il 22 febbraio, un giorno dopo il discorso di Putin, Alyoshina è stata rilasciata e posta agli arresti domiciliari. È stata quindi trattenuta per altri quindici giorni e nuovamente posta agli arresti domiciliari. La situazione è diventata più difficile. Soprattutto dopo l’approvazione di una nuova legge che potrebbe mettere i critici del Cremlino in prigione per 15 anni se diffondessero “notizie false” secondo le autorità.

All’inizio di maggio, la cantante dei Pussy Riot è riuscita a scappare sotto mentite spoglie. Con l’aiuto di un’ambasciata occidentale (che non dirai) ho ricevuto i documenti corretti e alla fine sono stato in grado di attraversare il confine tra Bielorussia e Lituania senza problemi.

Soldi per l’ospedale pediatrico ucraino

Durante questo tour, Pussy Riot raccoglie fondi per l’ospedale pediatrico della capitale ucraina, Kiev, dove giacciono le vittime degli attentati russi. Inoltre, parte dei proventi della vendita di beni andrà in Ucraina.

Alyoshina vorrebbe andare lei stessa in Ucraina, ma non sa se al momento è la benvenuta lì come russa. Questa guerra ha lasciato ferite profonde che potrebbero richiedere generazioni per guarire”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24