Caos, conflitti fondamentali, resistenze e dubbi. – Portale sul clima

Dirk Lorbach.

Da uno dei nostri corrispondenti.

attraverso Dirk LorbachDirettore di DRIFT e Professore di Trasformazioni Sociali ed Economiche presso l'Università Erasmus di Rotterdam

Il Programma Nazionale RES pubblica una serie di articoli in cui gli studiosi riflettono in modo critico sulla transizione energetica nei Paesi Bassi. Dirk Loerbach inizia con un'analisi storica. Decentralizzato o decentralizzato, questo è il problema. Segnali Climategate.nl.

Per molti partiti, compreso il governo, questi problemi rappresentano in una certa misura il loro modello di entrate e il diritto di esistere.

Lorbach:

“Stiamo entrando in una fase di transizione davvero caotica, in cui prevalgono conflitti fondamentali, resistenze e sospetti. Ciò influenza sempre più il ruolo e la posizione del governo eliminazione graduale, e il governo è anche in grado di ricostruire la propria base di potere e le proprie dipendenze finanziarie?

A quali condizioni entreremo nella fase successiva e cosa significherà questo per il futuro sistema energetico?

Lorbach:

“Ciò richiede un nuovo tipo di leadership, indipendenza da interessi acquisiti e modelli di pensiero, capacità di ispirare e mobilitare, nonché l’arte di tradurre tendenze e pratiche in strategia istituzionale e cambiamento.

Finora, gli sforzi congiunti per ridisegnare il sistema energetico sulla base delle capacità locali non sembrano decollare.

Lorbach:

“Esiste un conflitto tra due mondi: la centrale elettrica fossile contro la centrale decentralizzata e sostenibile

Le tensioni sociali relative all’accessibilità economica e all’equità (ma anche alla necessità e al desiderio) si aggiungono alla lentezza delle procedure e alla frammentazione delle politiche.

Lorbach:

“Ciò che sembra essenzialmente vedere finora è un movimento del sistema che vuole diventare sempre più sostenibile e un movimento del settore privato che ha un’alternativa sempre migliore. Ma come potranno questi due trovare e rafforzarsi a vicenda? il sistema futuro deve essere centralizzato Fondamentale, ma decentralizzato Nella pratica quotidiana, sembra un chiaro ibrido che combina i vantaggi di entrambi i mondi per lasciarsi alle spalle gli svantaggi di ciascuno.

La vecchia stabilità scompare mentre la nuova non si è ancora formata, con tutte le sensazioni, i dubbi e i disagi che questo comporta.

READ  La concorrenza non giova a questa conoscenza

Lorbach:

“Ma finora, l’impegno condiviso per ridisegnare il sistema energetico sulla base delle capacità locali non sembra decollare: il modo di vedere (centralizzato) è stato così profondamente radicato nella politica energetica, nella ricerca e nel mondo degli affari che è molto difficile capire come sviluppare capacità, desideri e bisogni dalla decentralizzazione”.

***

Per l'intero articolo, cfr Qui.

***

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24