Cellule T killer: la gravità dell’infezione di Omikron dipende molto da questi uomini. Quindi è il momento di conoscere

Nel frattempo sono stati raccolti dati sufficienti per dimostrare che la nuova variante del virus Corona Omikron può minare alcuni dei meccanismi di difesa che costituivano i corpi immunitari. Ma questa non è la storia completa. Quanto lontano colpirà Omicron, e stiamo parlando di quanto siamo suscettibili alle malattie, dipende in gran parte dal miglior killer del nostro sistema immunitario: le cellule T killer. Quindi è tempo di conoscere questi ragazzi.

Perché questo è importante?

Le cellule T killer, innescate con un vaccino o una precedente infezione, possono aiutare a resistere a ricoveri e decessi, fornendo una rete di sicurezza che può scongiurare alcuni dei peggiori effetti del coronavirus.

Le cellule T o linfociti T sono cellule immunitarie e possono essere divise in quattro gruppi principali: cellule T helper, cellule T inibitorie, cellule T di memoria e cellule T citotossiche note anche come Killer T Silen. È l’ultimo di cui parleremo. Le cellule T killer non sono note per la loro grazia. Quando questi killer immuni incontrano una cellula dirottata da un virus, il loro primo istinto è quello di provocare il caos. Killer T perfora la cellula infetta e inietta tossine per distruggerla dall’interno. la cellula muore In un modo sorprendente e terrificante, così come le particelle di virus all’interno.

La carneficina sopra descritta può fare la differenza tra una persona con un’infezione lieve e una grave. Ed è esattamente ciò che gli esperti ora sperano che accada alle persone vaccinate i cui anticorpi potrebbero vacillare omicron, la variante del nuovo Corona virus che si sta diffondendo in tutto il mondo. Le cellule T killer da sole non possono prevenire completamente l’infezione, quindi abbiamo ancora bisogno delle altre strategie che usiamo per tenere a bada il virus. Ma le cellule T killer, rafforzate da un vaccino o da una precedente infezione, possono aiutare a mantenere la resilienza contro i ricoveri e i decessi, fornendo una rete di sicurezza che potrebbe evitare alcuni dei peggiori effetti del coronavirus.

Il modus operandi violento di Killer T ha seri benefici

Sono stati raccolti sufficienti dati preliminari per dimostrare che Omikron può minare alcuni dei meccanismi di difesa che hanno costruito corpi fortificati. La proteina spinosa della variante – la chiave molecolare utilizzata dal virus per aprire le cellule – contiene più di 30 mutazioni rispetto alla SARS-CoV-2 originale. La scorsa settimana, diversi team di scienziati, oltre a Pfizer, hanno rilasciato i primi dati di laboratorio che suggeriscono che queste modifiche potrebbero rendere la variante fino a 41 volte migliore nel bypassare gli anticorpi neutralizzanti prodotti dai vaccini. Nel corpo reale, questo può rendere più facile per Omikron avviare un’infezione.

READ  Non immune al passaggio di Corona e al black code: ``Sto solo prendendo più confidenza'

Ma l’infezione non sempre garantisce una malattia grave. Né gli anticorpi neutralizzanti sono l’unica difesa che il sistema immunitario può mobilitare. Le cellule T killer sono diverse e la loro modalità d’azione violenta ha seri vantaggi: apprendono aspetti diversi e diversi del virus dagli anticorpi e combatterle con le mutazioni è molto più difficile. Sebbene la protezione delle cellule T contro Omikron possa essere leggermente ridotta secondo diversi immunologi, non è qualcosa di cui dobbiamo davvero preoccuparci.

Quando gli anticorpi falliscono, le cellule T killer sopraffanno

Gli anticorpi sono potenti ma semplici. Dopo essere stati schiacciati dai linfociti B, trascorrono le loro giornate vagando per il corpo, cercando di trovare un pezzo anatomico super-specifico dell’agente patogeno. Quando lo fanno, alcuni di essi – agenti neutralizzanti – possono aderire così strettamente che il virus non può interagire o invadere le cellule. Gli anticorpi possono prevenire l’infezione da soli; Il resto del sistema immunitario non ha mai bisogno di intervenire.

Tuttavia, questo scenario ideale non è sempre raggiunto. Dopo una vaccinazione o un’infezione, i livelli di anticorpi aumentano, ma poi lentamente ma costantemente iniziano a diminuire, dando agli agenti patogeni maggiori opportunità di sfuggire. Gli anticorpi neutralizzanti possono anche essere facilmente ingannati dalle mutazioni. Una volta tenuti stretti, sono scivolati. Quindi i virus hanno tempo e mutazioni dalla loro parte: l’infezione diventa più facile quando gli anticorpi sono spariti e i virus mutano. Una volta che l’agente patogeno si fa strada nella cellula, le parti rilevanti di esso non sono più visibili agli anticorpi, quindi indugiano oltre.

Ma quando gli anticorpi falliscono, le cellule T killer prendono il sopravvento. Il motivo per cui sono tutti lì è eliminare le cellule infette, non i virus fluttuanti. Come segno di angoscia, le cellule infette possono tagliare parte del virus di cui hanno bisogno per produrre e mostrare i pezzi distorti all’esterno. Queste forbici sono rudimentali ma efficaci: per le cellule T killer, sono come uno straccio rosso per un toro.

READ  Le donne sono più inclini alla fatica e secondo i ricercatori questo è perché | la salute

Un altro asso nella manica

Tutto ciò rende difficile per il virus eludere le risposte dei linfociti T. SARS-CoV-2 dovrebbe cambiare gran parte della sua fisiologia per mascherarsi con successo, qualcosa che il virus potrebbe non essere in grado di ottenere senza compromettere la sua capacità di penetrare nelle nostre cellule.

Anche se in qualche modo il coronavirus subirà una trasformazione importante, dovrà superare un altro trucco: grazie all’aberrazione genetica, le cellule infette di persone diverse mostreranno diversi pezzi del virus davanti alle cellule T. Ciò significa che una versione del virus che elude le cellule T killer in una persona può ancora essere completamente distrutta nella successiva. In questo modo, le cellule T killer possono prevenire la diffusione dell’infezione all’interno e tra il corpo.

Ad essere onesti, non abbiamo ancora il quadro completo di Omikron. Tuttavia, ciò che è noto finora sembra promettente. I nuovi dati mostrano che la maggior parte dei frammenti virali che le cellule T killer sono state addestrate a riconoscere, compresi quelli nella proteina spike, sono ancora perfettamente conservati su Omikron, con poche eccezioni. Di conseguenza, circa il 95% delle cellule T nelle persone precedentemente infette raggiungerà ancora il loro obiettivo; Tra i due vaccinati, sarebbe l’86 per cento.

Inizia a volare con il booster

Quindi è probabile che ci sia un calo nella misura in cui le cellule T killer possono rilevare Omikron, ma non una diminuzione significativa. È in linea con quanto osservato dai ricercatori con altre varianti di SARS-CoV-2. L’Omikron è un’anomalia e gli scienziati devono ancora testare quanto bene si comportano le cellule T contro la variante – ma, cosa più importante, gran parte della risposta delle cellule T deve rimanere funzionale – il che significa che la capacità del sistema immunitario di controllare la diffusione del virus sarà ancora essere preservato. .

READ  L'influenza aviaria estremamente pericolosa è fiorente nel nord del paese e sono stati trovati centinaia di uccelli selvatici morti

Le cellule T killer diventano ancora più importanti quando gli anticorpi non funzionano correttamente. L’infezione cellulare può iniziare a diffondersi a un ritmo rapido, ma le cellule T possono arrivare a installare l’agente patogeno sul posto, di solito entro pochi giorni. Questa rapida difesa può fermare la progressione della malattia e possibilmente rallentarne la trasmissione; Acquista anche il tempo rimanente dal sistema immunitario per autoregolarsi. I linfociti B, dopo essersi svegliati dal sonno, inizieranno a produrre più anticorpi per sostituire quelli sbiaditi. Un altro gruppo di cellule T, chiamate cellule T helper, arriverà per aiutare a coordinare il resto della risposta immunitaria. Anche ottenere un booster può avviare questo processo.

Presto si fermerà

Tutto ciò probabilmente significherà che più persone che sono state vaccinate possono essere infettate da Omicron mentre il mondo continua la sua battaglia per contenere il delta altamente contagioso. Ma è probabile che le persone vaccinate abbiano un rischio molto più basso di malattie gravi rispetto ai loro coetanei non vaccinati, un modello a cui i primi studi sudafricani sembrano adattarsi. Ciò è coerente con il modo graduale in cui la protezione immunitaria tende a svanire: le difese contro le infezioni – solitamente anticorpi neutralizzanti – falliscono per prime. Ma la protezione da malattie gravi e dalla morte è l’ultima cosa che va; Per ottenere questi risultati molto pericolosi, i virus devono rimanere nel corpo e spesso frustrare i numerosi difensori che il sistema immunitario si fa strada.

Ma le cellule T addestrate al vaccino non dovrebbero durare per sempre. Troppe persone in tutto il mondo non sono ancora immuni, il che offre al virus molte maggiori opportunità di mutare. SARS-CoV-2 può eventualmente imparare a ingannare le cellule T killer.

(kg)

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24