Centinaia di paesi, compresi i Paesi Bassi, si impegnano a porre fine alla deforestazione entro dieci anni | All’estero

Cento paesi, inclusi i Paesi Bassi, hanno raggiunto un accordo per porre fine alla deforestazione e al degrado del suolo entro la fine di questo decennio. I paesi stanziano miliardi per questo.




L’accordo annunciato al Glasgow Climate Summit ha il sostegno dei leader di paesi forestali come Brasile, Russia, Canada, Indonesia e Congo.

I paesi partecipanti possiedono l’85% delle foreste mondiali. Copre un’area di circa 34 milioni di chilometri quadrati. Il primo ministro britannico Boris Johnson, che ospiterà la conferenza sul clima COP26, ha descritto l’accordo come una “pietra miliare per la protezione e il ripristino delle foreste della Terra”. Un’area di circa 27 campi da calcio è ormai persa a causa della deforestazione ogni minuto.

Per mantenere la promessa saranno stanziati 10,2 miliardi di euro di fondi pubblici fino al 2025. Inoltre, saranno investiti 6,2 miliardi di euro di fondi privati.

Buone notizie per la regione amazzonica

Si dice anche che le foreste siano i polmoni della terra, assorbono gran parte dell’anidride carbonica. Il fatto che sia coinvolto anche il Brasile significa buone notizie per l’Amazzonia, la più grande foresta pluviale tropicale della Terra. Lì, le foreste sono state ampiamente abbattute per l’agricoltura.

L’accordo ora raggiunto è più completo di un precedente accordo firmato da 40 paesi nel 2014.

READ  Il nuovo sindaco di Kabul ordina alle dipendenti di rimanere a casa

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24