Come aspirano alla giustizia i parenti della mafia che uccidono l’Italia

I parenti delle vittime innocenti di reati di mafia vogliono solo una cosa: giustizia. In Italia, roccaforte della mafia, molti casi restano irrisolti e gli assassini vengono rilasciati. Con significative conseguenze psicologiche per il defunto.

Potresti goderti emozionanti film sulla mafia come Gomorra A partire dal Il PadrinoMa nella vita reale diventa difficile. L’Italia è l’epicentro delle grandi famiglie mafiose che fanno molte vittime. guardiano Interviste ai parenti delle vittime della mafia.

I parenti delle vittime raccontano la storia

Due figli e due figlie raccontano la storia di un parente assassinato. Tutti cercano ancora giustizia. I casi che coinvolgono i loro parenti vengono spesso archiviati o risolti per mancanza di prove. Di conseguenza, la morte dei propri cari spesso rimane impunita.

Ecco come scrive guardiano Compreso di padre Vincenzo Agostino (86). Suo figlio Antonio e sua nuora incinta sono stati uccisi in pieno giorno. Suo figlio era un agente segreto che indagava sulla mafia. L’omicidio di Antonio dimostra che l’intelligence italiana e la mafia, purtroppo, sono strettamente legate. Qualcuno dello Stato ha tradito il figlio di Vincenzo.

Il mese scorso, uno degli assassini, il capobanda Nino Madoña, è stato condannato all’ergastolo. Molti degli altri mafiosi coinvolti sono ancora latitanti.

lamentele psicologiche

Il caso del poliziotto assassinato, Antonio Agostino, riaccende il dibattito sulla mafia italiana. Per i parenti delle vittime innocenti, la lentezza del processo legale e la mancanza di giustizia sono un’agonia. guardiano Scrive che i membri della famiglia soffrono di depressione, disturbi d’ansia, pensieri suicidi o disturbo da stress post-traumatico.

Un rapporto dell’associazione antimafia Libra ha mostrato che molti casi che coinvolgono vittime innocenti rimangono irrisolti. L’80% dei circa 600 casi è parzialmente o non è stato risolto affatto. Principalmente a causa della mancanza di prove o di processi infinitamente lunghi.

I crimini irrisolti della mafia italiana

Della sorte del figlio defunto parla anche padre Martino Serafolo (52 anni). La ‘Ndrangheta calabrese ha commesso l’omicidio ingiusto del diciannovenne Filippo. Suo figlio stava cercando un ascensore e, come si è scoperto, è salito in macchina con la persona sbagliata. A quel tempo, c’era una guerra di mafia tra il clan Emmanuel e il clan Lueiro. L’autista dell’auto su cui viaggiava Filippo risultò essere Domenico Tassone, che era sulla lista dei morti. Filippo prese i proiettili assegnati a Tassoni. Tasson è sopravvissuto all’attacco.

Anche il caso di Filippo è stato chiuso per mancanza di prove. Gli autori sono noti, ma sono ancora latitanti. “Questi criminali hanno preso la vita di mio figlio. E anche la nostra”, dice il padre. La sorella di Filippo soffre di depressione e sua madre ha tentato il suicidio tre anni fa.

Mancanza di prove e rilascio dei colpevoli

Daniela Marcon, 52 anni, è membro dell’organizzazione antimafia Libra. Dopo la morte del padre, ha sviluppato depressione e attacchi di panico. Suo padre, Francesco, è stato ucciso dalla mafia locale in Puglia. Francesco è stato direttore dell’ufficio delle imposte e ha interrogato corruzione ed evasori fiscali all’interno del suo ufficio. Anche il suo caso è rimasto irrisolto.

La figlia di Angelina Landa, 48 anni, ha cercato da sola il padre assassinato, Michelle, (62). Suo padre è stato ucciso dall’organizzazione mafiosa di Kamura. Questa mafia è stata l’ispirazione per la serie Netflix di successo Gomorra. Ha trovato le ossa di suo padre nella sua macchina bruciata. La polizia aveva lasciato lì il corpo. Anche questo caso è stato archiviato per mancanza di prove.

Omertà, il simbolo del silenzio per la mafia

Molti casi di mafia rimangono irrisolti in Italia, dalla mafia devota e tacita. Molti membri chiudono la bocca sotto il termine “omertà”. Difficilmente testimoniano contro altri mafiosi. I coinvolti oi testimoni tacciono a causa della legge e della repressione della mafia. Questo rende difficile il processo. Gli omicidi di mafia consistono in una catena di funzionari. L’identificazione del colpevole è complessa.

La più grande possibilità di riaprire casi come quello sopra è se l’assassino inizia a parlare. Sono i mafiosi arrestati che hanno deciso di collaborare con lo Stato in cambio di una riduzione della pena. I parenti sperano ancora che l’assassino del loro parente appaia e confessi tutto.

È iniziato il processo alla mafia italiana, uno dei più grandi di sempre

Sindaco di Anversa all’Op1: “I Paesi Bassi sono un paese leader nella criminalità legata alla droga”

Hai visto un errore? Mandaci una email. Ti siamo grati.

Risposta all’articolo:

Come aspirano alla giustizia i parenti della mafia che uccidono l’Italia

READ  Qui su quest'isola (22) - Pensando alle opportunità: Dennis Van Buren, Ferry de Klerk, Fock Wagner, Twilight Zingen

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24