Come proteggere le case di fango in una città nel deserto del Niger dai cambiamenti climatici

Case di fango nella città deserta di Agadez

Noos Notizie

  • Saskia Houtwin

    Corrispondente dall'Africa

  • Saskia Houtwin

    Corrispondente dall'Africa

Le case di fango possono proteggere dai cambiamenti climatici? Ad Agadez, una città deserta nel cuore del Niger, nazione dell’Africa occidentale, la pensano così. Qui da secoli si costruisce utilizzando il “panko”: una miscela di argilla, acqua, argilla e paglia.

“Il vantaggio di una casa Panko è che quando fuori fa caldo, dentro rimane freddo, e quando fuori fa freddo, dentro rimane bello”, dice Abdul Rahman Ibrahim. È il supervisore che supervisiona la costruzione di una casa in una nuova zona residenziale fuori città.

“Questo è un sito moderno”, dice con orgoglio durante il tour. “C'è l'elettricità e l'allaccio all'acqua. Penso che sia positivo che continuiamo a usare banku. Per la nostra cultura, ma anche per il clima.”

In Niger la vecchia architettura è la soluzione a nuovi problemi

Nella zona intorno ad Agadez, conosciuta come la porta del Sahara, di giorno fa molto caldo. Ma sta diventando sempre più caldo e veloce: a causa del cambiamento climatico, la temperatura media sta aumentando una volta e mezza più velocemente della media globale. Le notti fredde stanno diventando sempre più rare e le giornate calde durano più a lungo.

Le spesse mura che circondano la Moschea Agadez, tra le altre cose, tengono lontano il caldo. Questo luogo di culto è stato per 500 anni un punto centrale della città carovaniera. Anche per questo motivo, nel 2013, Agadez si è guadagnata un posto nella lista del patrimonio mondiale dell'UNESCO delle Nazioni Unite. La moschea fu ricostruita a metà del XIX secolo e da allora il minareto, alto 27 metri, è rimasto in piedi, sebbene l'edificio sia interamente realizzato di Di panko.

READ  Il premier pachistano elude il movimento chiedendo nuove elezioni

È una questione di manutenzione, spiega Amma Atboul, 70 anni. In qualità di supervisore dei lavori, nominato dal sultano di Agadez, assicura che la moschea rimanga in buone condizioni. Ciò significa che fornisce regolarmente alla moschea un nuovo strato di panko. Non appena compaiono le prime crepe o segni di instabilità iniziano a funzionare.

“In tutti i tipi di città antiche trovi edifici fatti di fango”, dice Al-Atoubul. “Appartiene al nostro patrimonio architettonico e simboleggia una tradizione che dura da generazioni. Questo stile architettonico speciale fa parte della storia di Agadez.”

Sempre più concreto

Tuttavia, sempre più residenti in città scelgono il cemento. Soprattutto nelle periferie, il colore sabbioso delle case di fango lascia sempre più il posto al grigio dei blocchi. “È come vivere in un forno”, dice il supervisore Ibrahim, scuotendo la testa. Il calcestruzzo non trattiene il caldo o il freddo come il panko.

Inoltre, è più costoso. Poiché il panko è fatto con l'argilla delle valli vicine, il cemento deve essere portato dall'estero. “La gente lo adora”, spiega Issoufou Zakary, direttore dell'Autorità regionale per la pianificazione urbana e l'edilizia abitativa.

Agadez

Alcuni mesi fa, Zachary si è trasferito ad Agadez per affrontare il dilagare dei lavori edili nella città vecchia. Spera anche di convincere le autorità locali e i residenti a continuare a scegliere il Banco.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24