Come tratta l’Italia del generoso sostegno europeo a Corona?

È stata una consegna difficile di circa 36 ore, ma è lì dalla tarda serata di sabato: un piano dettagliato con cui l’Italia vuole mostrare agli altri paesi dell’UE ea Bruxelles che miliardi di miliardi a sostegno nel contesto del Fondo europeo per la ripresa delle epidemie è un buon investimento.

Il gabinetto previsto era stato rinviato due volte a causa del suggellamento dell’ultimo minuto, in frenetica consultazione con Bruxelles. Ma quando il gabinetto finalmente ha iniziato a lavorare alle 21:30, il primo ministro Mario Draghi era chiaramente emozionato, hanno detto i partecipanti ai media italiani. Ha parlato di un “passaggio storico”.

L’ex governatore della Banca centrale europea, primo ministro di un’ampia coalizione di tecnocrati e politici dal 13 febbraio, sa qual è la posta in gioco. Per sé, per l’Italia e per l’intera Unione Europea.

L’Italia riceverà 191 miliardi di euro di prestiti e sovvenzioni dal Fondo europeo di ripresa, per un totale di 750 miliardi di euro. Ciò rende l’Italia il principale beneficiario e la Spagna al secondo posto. Il modo in cui l’Italia, il Paese europeo con il maggior numero di morti per Coronavirus, gestisce questo generoso sostegno come test fondamentale dell’intero processo. Chiunque abbia dubbi su questa forma di garanzia di prestito di gruppo per un paese noto per essere un perditempo e uno schema povero sta guardando con sospetto.

Il piano di 337 pagine afferma che l’obiettivo non è solo “riparare i danni economici e sociali causati dalla crisi epidemica”, ma anche affrontare le debolezze strutturali dell’economia italiana. Due terzi dei fondi di Bruxelles, integrati da 31 miliardi di euro del proprio bilancio, saranno utilizzati per misure sul cambiamento climatico e per la digitalizzazione dell’economia e della governance. Pensa a più treni ad alta velocità, Internet migliorato, digitalizzazione della burocrazia governativa, investimenti nell’idrogeno come fonte di energia e supporto per l’isolamento domestico.

READ  L'ex sciatore Anton Balzer ha debuttato come ciclista professionista all'Alpine Tour

Gli altri quattro responsabili sono infrastrutture, istruzione, ricerca, assistenza e “coesione sociale”, sotto il quale, ad esempio, si colloca la politica dell’occupazione e il miglioramento delle opportunità per donne e giovani.

Draghi ha detto in vari modi che non sta cercando di ripristinare lo stato precedente dell’epidemia. C’era troppo di sbagliato in questo. L’Italia è molto indietro rispetto alla maggior parte degli altri paesi dell’Unione europea in termini di crescita, produttività del lavoro, livello di istruzione e partecipazione delle donne e dei giovani al mercato del lavoro. Numero uno da chiarire: tra il 1999 e il 2019, secondo Draghi, il PIL italiano è cresciuto del 7,9 per cento. Significativamente inferiore a Germania (30%), Francia (32%) e Spagna (46%).

Riforme strutturali

L’obiettivo non è ripristinare l’illuminazione dopo il periodo buio della pandemia, ha spiegato Draghi. Questo è il motivo per cui cinque riforme strutturali sono intessute nel piano di investimenti da 222 miliardi di euro. Si tratta di interventi in aree che si sono rivelate un grande ostacolo alla crescita.

In cima alla lista c’è il lavoro della burocrazia governativa. Il suo lento e macchinoso modus operandi ha rallentato l’attività economica in molte aree. Dal giovane imprenditore che vuole iniziare qualcosa di nuovo, passando per il governo che vuole costruire una strada migliore, all’investitore straniero che vede le opportunità in Italia.

Altri elementi chiave dei piani di riforma che dovrebbero lasciare spazio a una maggiore crescita sono l’equità (la risoluzione lenta delle controversie commerciali rallenta gli imprenditori), maggiore concorrenza, semplificazione della legislazione e semplificazione del sistema fiscale.

Per l’Italia, il fondo di ripresa rappresenta un’opportunità unica per uscire con forza dalla peggiore recessione economica dalla seconda guerra mondiale. Questa è un’opportunità da non perdere. Ma c’è anche molto in gioco per Cyclist stesso. In sostanza, ha difeso la politica keynesiana di spendere sostanzialmente più denaro come una buona strategia per l’Italia, anche se il deficit di bilancio dello scorso anno ha raggiunto il 160% del PIL. Il problema svanirà man mano che l’Italia cresce ancora una volta è il suo motto. Negli Stati Uniti, il presidente Biden sta intraprendendo questo massiccio percorso di investimenti su scala ancora maggiore. Sta al mio ciclista dimostrare che funziona anche in Italia.

READ  Una multa per l'azienda farmaceutica che ha alzato il prezzo del farmaco da 46 a 14.000 euro

Rispetto al piano del governo precedente, Draghi sta prestando maggiore attenzione alla necessità di riforme strutturali affinché altri investimenti siano efficaci. Ha infatti dovuto allontanare i partiti politici dalla grande speranza che milioni di persone desideravano organizzare per il loro hobby dei cavalli. Nel suo ultimo contatto con Bruxelles, ha dato la sua reputazione nella battaglia, riassumendola così: “Garantisco che le cose andranno bene”. Se riuscirà a ottenere l’inizio del successo con il piano italiano, che si estende per sei anni, lo renderà subito un leader di primo piano in Europa, che senza gli inglesi e con l’uscita della Merkel potrebbe benissimo utilizzare i nuovi caschi.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24