Continua la tensione tra Serbia e Kosovo | All’estero

“A meno che la persecuzione dei serbi non finisca, il mese prossimo i politici di tutte le istituzioni del Kosovo si dimetteranno e i giudici e gli agenti di polizia seguiranno l’esempio entro la fine di settembre”, ha detto Vucic domenica dopo aver incontrato i serbi nel nord del paese. Il paese vive nel paese.

Il requisito della targa ha causato disordini nel nord del Kosovo all’inizio di questo mese. I posti di frontiera sono stati occupati, tra l’altro, e la polizia è stata fucilata. Per ridurre l’escalation del conflitto, gli Stati Uniti e l’Unione Europea hanno convinto il Kosovo a ritardare l’inizio del servizio di un mese. Si sono svolte anche trattative.

compromesso

Queste conversazioni non stanno andando bene, ha ammesso anche Vucic questo fine settimana: “Mi trovo in una situazione particolarmente complicata. Cercheremo un compromesso entro i prossimi 10 giorni, ma temo che il Rubicon passerà molto tempo fa”. Secondo il presidente serbo, il primo ministro del Kosovo Albin Kurti ha finora respinto tutte le proposte serbe.

Vucic ha anche criticato la NATO. In risposta ai disordini, l’Organizzazione del Trattato ha rafforzato la sua presenza nel Kosovo settentrionale. Il presidente serbo non è contento di questo: “Non è compito tuo vedere se qualcuno sta costruendo barriere, ma proteggere i serbi dalla polizia del Kosovo nel nord”. La NATO è responsabile della Kosovo Force, la forza di pace formata dopo la guerra in Kosovo alla fine degli anni ’90.

Da allora, il Kosovo è diventato di fatto indipendente, sebbene la Serbia consideri ancora la regione una provincia. Belgrado è sostenuta in questa posizione, tra gli altri, dalla Russia.

READ  Oops: MP canadese nudo in video durante una videoconferenza | all'estero

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24