Controversa estrazione mineraria in acque profonde in Norvegia: l'inizio di una nuova rivoluzione delle materie prime?

Ma la proposta è controversa: molti paesi, scienziati e gruppi imprenditoriali chiedono una moratoria temporanea sull’estrazione mineraria in acque profonde. Credono che si sappia molto poco sulle possibili conseguenze. Temono che gli svantaggi superino i vantaggi.

La Norvegia è uno dei primi paesi al mondo ad avere piani concreti per impegnarsi nell’estrazione mineraria in acque profonde. A questo scopo il Paese prende in considerazione un’area di mare di 280.000 chilometri quadrati, più grande dell’area del Regno Unito.

Geografia politica

Secondo i sostenitori, molte materie prime sono necessarie per nuove fonti energetiche, ad esempio per i telefoni cellulari. Combattere il cambiamento climatico è urgente, dicono, quindi dobbiamo agire rapidamente. Jeroen Hagelstein di Allseas conferma che anche alcuni minerali stanno diventando sempre più scarsi.

“L’estrazione a terra sta diventando sempre più difficile, richiedendo trivellazioni più profonde e più ampie per ottenere minerali di qualità inferiore”.

I minerali desiderati si trovano in parte nei cosiddetti noduli di manganese. Questi noduli minerali neri, grandi quanto una patata, possono essere raccolti dal fondale marino con macchine speciali.

Allseas ritiene che l’attività mineraria in mare a volte causi meno danni che sulla terraferma. “I noduli di manganese contengono molti minerali preziosi e si trovano sul fondo del mare. Riteniamo che la raccolta di questi noduli di manganese abbia un impatto molto inferiore rispetto all'estrazione sulla terraferma.”

Il voto del Parlamento norvegese non incide sui piani dell'azienda olandese Allseas. L’azienda ha grandi ambizioni nell’estrazione mineraria in acque profonde, ma è ancora in attesa di normative internazionali.

L'ultima zona selvaggia della Terra

Nel frattempo, gli oppositori sottolineano che l’estrazione mineraria in acque profonde potrebbe distruggere ecosistemi vecchi di milioni di anni. “Lasciate stare il mare profondo, l’ultima zona selvaggia della Terra”, afferma Karl Königel del World Wildlife Fund. Perché, secondo lui, le conseguenze dell'estrazione mineraria in acque profonde sono ancora in gran parte sconosciute.

READ  Dijkgraaf: Preoccupazioni per la distanza tra scienza e società

“Non dovreste iniziare finché non potrete dire con prove scientifiche che non è stato arrecato alcun danno irreparabile ai fondali marini”. secondo ricerca Come affermato un anno fa dal World Wildlife Fund, l’estrazione mineraria marina non è affatto necessaria per la transizione energetica. Una maggiore innovazione e riciclaggio potrebbero garantire che siano necessarie molte meno materie prime.

“Le riduzioni sono particolarmente notevoli per cobalto, nichel e manganese, dove il 40-50% della domanda di metalli potrebbe essere ridotta passando alle batterie allo stato solido e al litio-ferro-fosfato”, ha scritto il WWF-NL.

Controlli

È il “dilemma del diavolo”, spiega Henko de Stegter del NIOZ (Istituto reale olandese per la ricerca marina). “Molte nuove materie prime sono già necessarie per la transizione energetica. Ma il problema è che il controllo dei fondali marini è molto difficile.”

A differenza di quanto accade nelle profondità marine, le conseguenze dell'attività mineraria possono essere facilmente osservate sulla terraferma, afferma De Stegter. Anche condurre una ricerca adeguata sui potenziali impatti dell’estrazione mineraria in acque profonde è molto complesso.

“Fare ricerche in laboratorio, ad esempio, non è realmente possibile, perché ci sono centinaia di migliaia di specie là fuori, e molte di loro sono ancora completamente sconosciute. Quindi si possono fare solo esperimenti in situ. Ma anche in questo caso si possono solo fare “E tracciare le conseguenze a breve termine, solo per un pezzo molto piccolo del fondale marino.”

Milioni di anni

Alcuni elementi sul fondale marino crescono così lentamente che ci vogliono milioni di anni per tornare allo stato in cui si trovavano prima dell’inizio dell’attività mineraria.

READ  La ginecologa Dorinda Van Dyken: "Se si comincia a parlare di menopausa, i chirurghi mangeranno un panino con crocchette"

L'Autorità internazionale dei fondali marini (ISA) regola l'estrazione mineraria in acque profonde nelle acque internazionali. Ora ci sono diversi paesi, come Francia e Germania, che chiedono una moratoria. Ma i piani della Norvegia rientrano nella cosiddetta zona economica esclusiva. Un’area in cui solo la Norvegia ha voce in capitolo.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24