Coronablog: il governo chiede consiglio all’ente sanitario per accelerare i potenziamenti della dose, la Norvegia vieta l’alcol nei ristoranti

Non è stato possibile recuperare i nuovi messaggi, riprova più tardi.

Blog dal vivo

READ  Questi sono i principali sintomi della variabile delta - Wel.nl

I tedeschi passano al Turbo Booster: dose extra dopo un mese

Milioni di tedeschi vaccinati non devono più aspettare mesi per una dose extra contro il coronavirus. Lo stato del Nord Reno-Westfalia rende disponibile la cosiddetta vaccinazione possibile un mese dopo l’ultima vaccinazione regolare.

Secondo il quotidiano Bild, lo stato più popoloso della Germania gestisce il motore del turbocompressore. Nello stato del Nord Reno-Westfalia, al confine con il Belgio, i cittadini possono ora ricevere una dose rinfrescante di coronavirus dopo quattro settimane nei centri di vaccinazione nei comuni e nelle contee. Lo ha annunciato lunedì il ministero della salute dello stato, secondo quanto riportato dal quotidiano Siegener Zeitung.

Il giornale parla di un chiaro cambiamento nella politica di vaccinazione dello stato. Finora sono trascorsi cinque mesi tra l’ultima dose e la vaccinazione di richiamo. Grazie al nuovo approccio, molte più persone possono ottenere un richiamo più velocemente e quindi proteggersi meglio dalla variante più contagiosa dell’omikron, che sta progredendo anche nel Nord Reno-Westfalia.

Le maschere per il viso che si trovano in natura rappresentano una minaccia crescente per l’ambiente

Le maschere intorno alla bocca rappresentano una minaccia crescente per l’ambiente. Gli scienziati avvertono di questo in un nuovo studio pubblicato sulla rivista Nature. All’inizio della pandemia, tra marzo e ottobre 2020, i ricercatori hanno notato un forte aumento delle mascherine.

A ottobre, il numero di mascherine sparse era esponenziale Di più Rispetto all’anno precedente, dopo che i governi l’hanno reso obbligatorio in alcuni luoghi.

La quota di mascherine per la bocca nei rifiuti sparsi è aumentata Con un fattore superiore a 80, da meno dello 0,01% a più dello 0,8%. Lo studio copre i seguenti paesi: Belgio, Paesi Bassi, Germania, Francia, Spagna, Regno Unito, Svezia, Stati Uniti, Canada, Australia e Nuova Zelanda. I ricercatori hanno utilizzato i dati dell’app Litterati.

La proporzione di maschere per la bocca nella spazzatura è aumentata di oltre 80

All’inizio dell’epidemia c’è stato un forte aumento del numero Guanti di plastica monouso e salviette disinfettanti Possono essere visti in natura, ma dall’introduzione dell’impegno della maschera per la bocca, le maschere usa e getta sono andate oltre i guanti e gli assorbenti.

I ricercatori hanno avvertito delle conseguenze: una maschera per la bocca tra i rifiuti può indurre gli altri a buttarla via e le maschere per la bocca rimangono una fonte di virus per un po’. Allo stesso tempo, i rifiuti vengono trasportati in un altro luogo dal vento e dall’acqua, in temperamento natura Ma anche, ad esempio, nei corsi d’acqua o nelle fogne, che possono intasarli.

Le maschere per la bocca usa e getta possono anche rappresentare un pericolo per gli animali e i rifiuti hanno un impatto ambientale a lungo termine, poiché si degradano in microplastica. I ricercatori sperano che se ne possa usare di più per le maschere per la bocca riutilizzabili e che si perderanno punti per le maschere per la bocca usa e getta. Lo studio ha concluso che “il trattamento delle maschere per la bocca monouso dovrebbe essere incluso nelle future decisioni politiche sul coronavirus”: se i governi rendono obbligatorie le maschere per la bocca, dovrebbero anche iniziare a considerare la loro pulizia.

READ  Finalmente un riconoscimento: l'aerosol è rischioso

Copyright 2021 Associated Press. Tutti i diritti riservati

I genitori fanno causa al governo fiammingo e all’educazione cattolica per l’obbligo di usare una maschera per la bocca

Una coppia di genitori ha citato in giudizio il governo fiammingo e l’organizzazione ombrello per l’educazione cattolica per i requisiti della mascherina per la bocca per i bambini a scuola. La notizia è stata riportata da De Tijd e confermata dall’avvocato della coppia, Jan De Groote.

Secondo la coppia, non esiste una base legale per richiedere ai bambini di indossare una maschera facciale a scuola. Il caso sarà portato mercoledì davanti a un giudice di primo soccorso a Bruxelles.

“Per essere chiari, i miei clienti non sono antivirali o negazionisti del coronavirus”, afferma il maestro De Groote. “Credono già che qui siano state intraprese azioni molto serie molto rapidamente, senza un’indagine approfondita delle alternative. Ad esempio, vediamo che una proposta seria per la ventilazione delle aule è stata semplicemente ignorata”.

Ciò che preoccupa di più i genitori è che non esiste una base giuridica chiara per l’obbligo di utilizzare una maschera per la bocca, secondo il signor de Groot.

Beck e Mahdi supportano i volontari del Vilfords Vaccination Center

Il ministro fiammingo della salute e del benessere Water Beek (CD&V) e il ministro federale per l’asilo e la migrazione Sami Mahdi (CD&V) hanno visitato il centro di vaccinazione a Vilford.

Entro la vigilia di Natale, 16.000 buoni colpi di richiamo saranno al centro, ovvero circa il 45 percento della popolazione adulta di Vilford e Machelen.

Questa è stata la prima volta che il ministro Beck ha visitato un centro di vaccinazione come parte di una campagna di richiamo. “I centri di vaccinazione sono vicini alle persone e questo fa sì che svolgano un ruolo molto importante nella campagna”, ha affermato il ministro Beck. “Vogliamo mostrare il nostro apprezzamento a tutti i volontari e al personale essendo qui”.

84 scuole chiuse a causa di infortuni corona

Attualmente, 84 collegi e scuole di lingua olandese nelle Fiandre e a Bruxelles sono chiusi a causa dell’elevato numero di infezioni da corona e di assenti. Lo ha affermato lunedì il ministro dell’Istruzione fiammingo Ben Wittes (Virginia settentrionale).

Si tratta di 56 scuole primarie, 27 scuole secondarie e un convitto su un totale di 4.000 istituti di istruzione.

Di conseguenza, il numero di scuole chiuse continua a diminuire. Giovedì scorso erano ancora 97 in totale.

READ  L'infermiera di terapia intensiva Juliet ruba cuori con paziente stupore: "Sto cercando di facilitare l'ingresso" | Instagram

Prima morte confermata nel Regno Unito dopo l’infezione da un omicron

Il Regno Unito ha riportato la sua prima morte dopo l’infezione con la variante omicron del coronavirus. Lo ha annunciato il primo ministro britannico Boris Johnson. Nel Regno Unito, la variante infettiva dell’omikron è in aumento. Secondo il governo britannico, il numero di infezioni di questo tipo raddoppia ogni due o tre giorni. Nella capitale, Londra, il 40 per cento dei nuovi contagi è attribuito alla variante Omicron. Ieri il primo ministro Johnson ha invitato la popolazione a ottenere rapidamente la terza vaccinazione, la cosiddetta vaccinazione di richiamo. Molti britannici sembrano seguire l’esempio, anche a Londra e Manchester, ci sono lunghe code ai centri di vaccinazione.

Omicron è in crescita anche per noi: siamo pronti? E quanto dovremmo essere preoccupati?

Il coronavirus di tipo omikron è in aumento anche nel nostro Paese. Qual è la situazione attuale, dovremmo preoccuparci e siamo adeguatamente preparati? Questa è solo una piccola selezione delle numerose domande che i nostri redattori ricevono sulla variante omikron.

Il virologo Mark van Ranst (KU Leuven) lo spiega in questo articolo:

Wevelgemse organizza una grande festa di ballo di Jan Jambon

La scuola elementare De Levensboom di Wevelgem sta organizzando un esilarante momento di addio per gli studenti venerdì pomeriggio: “Jan Jambon Uitbolfeest”. Il nome del momento dell’addio si riferisce al primo ministro fiammingo Jambon (N-VA) il quale, dopo un comitato di consultazione, ha affermato che l’ultima settimana prima delle vacanze di Natale aveva poco valore educativo.

Leggi di più nell’articolo:

La Danimarca offre scatti frequenti a persone con più di 40

La Danimarca fornirà una dose anticipata del vaccino contro il coronavirus a tutti i residenti di età pari o superiore a 40 anni. In questo modo, afferma il governo danese, si deve fermare l’aumento del numero di nuovi contagi e l’emergere della variante omicron.

Tutti i danesi di età pari o superiore a 40 anni potranno ricevere una terza dose 4,5 mesi dopo il secondo sciopero del coronavirus, secondo l’Agenzia nazionale per la salute pubblica. Finora è stato utilizzato un periodo di 6 mesi tra la seconda e la terza iniezione.

Fissando l’intervallo di tempo tra le dosi, ha affermato l’agenzia danese, “saremo in grado di entrare in inverno con una migliore protezione per le persone a rischio acuto di contrarre la malattia e con una maggiore immunità nella popolazione”.

La Danimarca aveva già annunciato una serie di misure restrittive la scorsa settimana a causa della diffusione della variante omikron. Questi includono la chiusura delle scuole, la riduzione della vita notturna e l’introduzione del telelavoro su larga scala.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24