“Creare regole corona è diverso qui che nei Paesi Bassi”

Da venerdì puoi iscriverti su una terrazza in Italia senza esibire un certificato.Statua di Giulio Picidelli

Ciao Rosa, cosa significa porre fine allo stato di emergenza in Italia?

‘Stiamo passando da una rigida politica 2G a 3G qui. Da domani potrete di nuovo sedervi in ​​terrazza senza esibire certificazione. Puoi anche tornare nel settore della ristorazione con un risultato negativo del test. Finora doveva essere vaccinato.

“Regole rigorose sono utilizzate anche sul posto di lavoro in Italia. Le persone sopra i 50 anni dovrebbero essere vaccinate. Di conseguenza, alcune persone non sono state in grado di andare al lavoro nell’ultima settimana. Questo dazio sui vaccini non si applica sul posto di lavoro da domani.’

‘Ciò non significa che non ci siano più regole corona. Ma per alcuni cambia molto. Ad esempio, il mio insegnante di italiano non è stato vaccinato. Da domani potrà rientrare nel settore della ristorazione. Questo è un grande passo.’

Quelle misure erano ancora rigorosamente rispettate?

“Dipende da dove ti trovi, l’ho scoperto. Al nord, secondo me, le misure sono molto rigide. A Roma da molto tempo, ma ora non più. Al sud sono stato testato meno frequentemente: sempre più probabile .

‘Green Pass e Super Green Pass, qui chiamati risorsa 3G e 2G, erano semplicemente obbligatori. Nelle ultime settimane non sono stati effettuati test su ogni terrazzo. Ma era difficile correre il rischio di salire sul treno senza il pass. Test intensivi lì.

“È un po’ difficile mantenere le distanze in Italia. In teoria vale quella regola, ma nessuno ci obbedisce. Ti faccio un esempio. In Italia si vedono tante.

La fine dello stato di emergenza nel Paese fa sentire felici?

«Non lo direi. Molti italiani ormai sono abituati a queste attività. Tutti indossano ancora una maschera. Non serve più all’esterno, ma all’interno – tranne che nella propria abitazione – questa misura sarà in vigore per almeno un altro mese. Quindi la corona non è davvero finita.

‘Le persone qui sono più coinvolte in queste attività che nei Paesi Bassi. È difficile dire perché. Sebbene la paura qui fosse molto alta, potrebbe essere stata associata all’inizio di un’epidemia. Quella prima serratura è molto rigida: non ti è permesso uscire dalla porta. Penso che tu possa ancora vederne le tracce.

Secondo le statistiche, l’Italia è stata in grado di controllare il corona virus ben dopo quel primo blocco.

‘Dopo quella prima ondata, non è sicuramente peggio qui che in altre parti d’Europa. Forse un po’ più buono. Ma durante il mio primo inverno qui, dal 2020 al 2021, anche l’Italia ha vissuto momenti difficili. Poi molti sono morti. La corona non è ancora scomparsa.

Tuttavia, il numero di infezioni da corona in Italia è relativamente inferiore a quello dei Paesi Bassi. L’Italia non è un po’ in ritardo con questi rilassamenti?

“Ci sentiamo come se fossimo in ritardo. Sì. Quella paura del primo blocco avrà un ruolo. Penso che ciò sia dovuto al fatto che il governo continua a reprimere la vaccinazione.

La vaccinazione per gli over 50 non si applica fino al 15 febbraio. Due settimane dopo il governo non voleva lasciar perdere. Ciò ha portato a una situazione difficile sul lavoro. Anche il marito della mia insegnante di italiano non è stato vaccinato. Nelle ultime settimane ha dovuto prendere un congedo obbligatorio non retribuito. Non gli era nemmeno permesso di lavorare da casa.

Nei Paesi Bassi, si parlava spesso di una “cassetta degli attrezzi” con attività corona per l’autunno. Anche l’Italia ha bloccato le operazioni?

«Fare regole in Italia è diverso che in Olanda. Il rapporto tra Stato e cittadini è lo stesso che tra genitore e figlio. È molto restrittivo, ha poche responsabilità personali.

“Se le cose sfuggono di mano in autunno, non ho dubbi che riceveranno i biglietti per il corona dal fienile. Inoltre, gli anziani sono incoraggiati più attivamente a fare il tiro di richiamo e le maschere sono ancora indossate. Quindi noi’ non ci sei ancora.

«In ogni caso l’obbligo di vaccinazione sarà fino al 15 giugno. Dal prossimo mese, 2 milioni di persone sopra i 50 anni che non sono state vaccinate rischiano una multa di 100 euro a casa dal Fisco italiano. Ma non posso dire se ciò accadrà davvero. Non ho mai sentito di nessuno che sia stato effettivamente multato.’

READ  Gemankeerd Pasen porta corona: Zo do ze dat in italiano in spagnolo

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24