Dane trova 22 monete d’oro dell’era vichinga: “Come il coperchio di una lattina di aringhe acide” | Scienza

Un archeologo dilettante nel sud-ovest della Danimarca ha scoperto 22 monete d’oro usando un metal detector. Gli oggetti, del peso di due chilogrammi insieme, sembrano risalire a prima dei Vichinghi, e quindi potrebbero fornire nuove informazioni su quel periodo.




Ole Ginnerup Schytz ha fatto la sua scoperta a dicembre a Vindelev, fuori Jelling. Aveva appena comprato un metal detector e stava camminando su un terreno di proprietà di un amico. Non è uscito dieci volte. Scritture danesi TV2 Sul suo sito web. “Era graffiato e coperto di fango”, dice il danese del pezzo di metallo piegato che ha scavato dopo che il rilevatore ha fischiato. “Non ne avevo idea, quindi tutto ciò a cui riuscivo a pensare era che sembrava il coperchio di una lattina di aringhe.”

C’erano più cose d’oro. Ole Ginnerup Schytz ha fatto “una scoperta straordinaria, una delle più grandi della storia danese”, ha affermato Mads Ravn, direttore della ricerca presso il Museo Vejle, che ha aiutato con ulteriori scavi degli oggetti e saranno in mostra da febbraio.

Unico

Rune e iscrizioni possono essere viste sugli oggetti. Uno di questi oggetti menziona Costantino il Grande, il primo imperatore romano cristiano vissuto all’inizio del IV secolo. “I token rendono le cose uniche, più del numero di pezzi trovati”, afferma Mads Raven. “Ci sono molti simboli su di esso, alcuni dei quali non abbiamo mai visto prima. Questo ci permette di aumentare la nostra conoscenza delle persone che hanno vissuto in questo periodo”.

Le cose sono state scoperte sei mesi fa, ma ora la notizia è fuori. Le prime indagini suggeriscono che il tesoro potrebbe essere stato sepolto come offerta agli dei in un momento in cui il clima nel nord Europa è cambiato improvvisamente. Ciò è dovuto a un’eruzione vulcanica in Islanda nel 536, che ha rilasciato grandi quantità di cenere nell’aria.

READ  I deputati olandesi non vogliono andare a Strasburgo per vaccinarsi get

Pezzi trovati in Danimarca. © Vejlemuseerne

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24