Dante – de Croyne Amsterdammer L’Italia difende silenziosamente

Roma – Michelangelo Direttore Giudizio finale (Disegnata tra il 1535 e il 1541), sceneggiatura di Dante Aligeri (scritta tra il 1307 e il 1321). Michelangelo segue davvero la visione geniale di Dante su inferno, purificazione e paradiso nella Cappella Sistina. Nella seconda metà del Quattrocento apparve nel Duomo di Orvio la prima edizione dei dipinti di Darwin Luca Signorelli. Giudizio universale Disegnato tra il 1447 e il 1499. Nel 1535 Michelangelo fu ordinato per la Cappella Sistina, il resto della storia. Il più importante scrittore e il più importante artista visivo in lingua italiana si sono incontrati alla Cappella Sistina, che è l’apice senza precedenti del potenziale umano in tutti i campi.

Ma il mese scorso è scoppiata una tempesta in un bicchiere d’acqua perché era così noioso lasciare le cose giuste da sole. Questo evento è la celebrazione del Donte Day “Donte”, ufficialmente istituito dall’Italia il 25 marzo di quest’anno. Quel giorno, il 13, Dante inizia il suo viaggio verso la risurrezione, cominciando con frasi immortali: Vieni a metà del nostro percorso di vita / mi sono ricordato di me stesso in una foresta oscura / perché non sono andato per il verso giusto. Secondo l’Italia, il 14 settembre 1321 fu l’inizio del viaggio di Dante, quindi questa data commemora il XVII secolo.

Commento al quotidiano tedesco Frankfurt Rundchow Ho pensato che fosse il momento perfetto per lanciare una grossa pietra nella piscina italiana. Dante potrebbe non aver scoperto la sua visione geniale della sua vita successiva, ma l’ha copiata da una poesia araba. Secondo Arno Whitman del quotidiano di Francoforte, Dante era meno di Shakespeare perché lo era Mostra, non dirloPolitica, senza giudizio, mentre Dante siede sul trono di Dio. Shakespeare era un inglese, un protestante e visse per più di due secoli, ma ancora. I tedeschi furono in grado di espellere magnificamente l’Italia.

READ  L'Italia vince la staffetta mista europea, bronzo per l'Olanda

Blossom Books, editore belga fino a quel momento sconosciuto, è riuscito a mettersi al collo il fastidio dell’Italia. Dall’edizione rivista di Dante Pieno Il nome del Profeta è stato rimosso perché avrebbe “ferito inutilmente”. “Non dovremmo parlarne, ma lasciateli passare in silenzio”, ha detto il ministro della Cultura italiano Tario Francescini, citando la 51esima frase di Condominio III. Pieno.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24