Dì addio al locale italiano di Seattle, Garlic Kulch

Negli insediamenti di immigrati in tutto il mondo, ondate di nuove comunità costituiscono le fondamenta rimanenti quando gli ex inquilini si allontanano. Nuove culture e attività vengono costruite su quelle vecchie e il panificio di Remo Boracchini nel quartiere di Rainer Valley a Seattle è impilato come uno strato di torte fatte più di cento ogni giorno. Quelle torte, che sono state acquistate per matrimoni, compleanni e lauree per generazioni, provenivano da un’area un tempo nota come Garlic Kulch, ma servivano una varietà di comunità nel quartiere.

“Possedevamo diversi negozi di alimentari italiani in Atlantic Street, una farmacia italiana e un barbiere italiano. I residenti erano principalmente a est e ovest di Rainer Avenue, diretti a sud verso Beacon Hill – oh, appena a sud di McLellan Street “, ha descritto Remo Boracchini nel libro” Rainer Fence Food Stories “.

Non era niente, quindi quando le sue tre figlie hanno annunciato la chiusura definitiva del panificio questa settimana, pochi giorni dopo che Oberto, un altro marchio classico di Garlic Kulch, aveva annunciato che avrebbe chiuso la sua fabbrica sul lato del quartiere, sembrava la fine di un’era.

Quando la comunità italiana arrivò per la prima volta a Seattle nel primo decennio del XX secolo, venne per l’estrazione del carbone. L’area descritta da Borachini si rivolge principalmente ai coloni rurali per via degli spazi a disposizione per l’agricoltura. Successivamente, quando il quartiere divenne noto come italiano, si fusero con i coloni giapponesi, e poi la comunità nera si diffuse a sud del distretto centrale. Alla fine degli anni ’70, i rifugiati della guerra del Vietnam andarono con immigrati latini e nuovi arrivati ​​dall’Africa orientale. All’inizio degli anni 2000, Boracchini e Oberto Pho condividevano le strade con negozi, camion di taco, banchi di teriyaki e ristoranti etiopi, che rappresentavano una popolazione simile al quartiere meridionale, che in seguito fu considerato uno dei più diversi del paese.

READ  Rinnovo del governo - Doveri ed eccezioni per l'ingresso in Italia

Nel 1987, Weekly ha diretto una storia di 10 pagine questa settimana con un titolo altrettanto rilevante: “L’aglio è buono per Kulch”. L’autore Eric Cigliano dichiara che “l’anno scorso il vecchio e nuovo caffè italiano abbandonato ha incontrato la sua rabbia finale quando è stato spianato.” La città ha colpito il quartiere sin dalla costruzione del primo ponte galleggiante sul lago Washington, inaugurato nel 1940, e un articolo stampato a metà del progetto di espansione del ponte Mount Baker Tunnel e Interstate 90.

L’unica eccezione alla sua insistenza sul fatto che non ci fosse nulla nel distretto degli affari italiano “una volta mormorò” era boracchini, che descriveva ancora “roba vera”, ma quelli dietro il bancone erano “decisamente non italiani” e sbalorditi quando dici “cabocolla” o “provolone”. “

Ma quando Borachini e Oberto hanno aperto per primi, si sono rivolti principalmente alla propria comunità. L’immigrato italiano Constantino Oberto iniziò a vendere la sua salsiccia a piccoli negozi a Seattle nel 1918, pochi anni prima che il padre di Remo Boracchini aprisse il suo primo panificio. Il primo negozio Oberto Sausage Company aprì a Dearborn e Rainier, ma nel 1953 Constantino si era trasferito e suo figlio trasferì la fabbrica d’arte a sud, nella posizione attuale. Sebbene l’azienda si sia espansa nel nord-ovest, è rimasta di famiglia fino al 2018, quando è stata venduta a una società canadese chiamata Premium Brand Holdings. Sebbene la fabbrica fosse in funzione fino a questa settimana, la fabbrica di Rainer Valley è stata effettivamente venduta nel 2019, dopo la società.


Come Oberto prima della vendita del 2018, anche la panetteria di Boracchini era nelle mani della terza generazione della famiglia, lontana dai nonni immigrati italiani. Sebbene Scycliano la descriva come “la prossima generazione”, il padre di Remo Boracchini, Mario, immigrato dalla Toscana, ha aperto 100 anni fa un panificio nei sotterranei di casa sua che è sopravvissuto – seppur con vari nomi, inizialmente con un cambio di sede – fino a l’epidemia l’ha chiusa.

READ  Ciclismo in TV 9 luglio 2021 | Dove guardi le gare sprint in Francia, Italia e Belgio?

Negli anni ’80, quando Scyliano salutò Garlic Kulch, il panificio di Boracchini sopravvisse perché vendeva torte a tutti quelli che la circondavano. Avevano sempre torte, quindi le aziende potevano sceglierne una per una festa in ufficio dell’ultimo minuto; Offrivano infinite opzioni in modo che i genitori potessero ottenere torte di compleanno personalizzate con il colore o il fumetto preferito di un bambino; Erano tutti convenienti. Proviene dalla comunità italiana di Boracchini, ma è stato dato a tutti, aiutando i nuovi immigrati e le loro famiglie a unirsi alla tradizione americana di torte extra dolci e dai colori vivaci per ogni occasione. “La torta non sembra particolarmente buona”, ha osservato Nude Berger di Crosscutt su KUOW questa settimana. “Ma ha soddisfatto tutti.”

Sebbene la mossa di Oberto e la chiusura di Boracchini appaiano all’improvviso – e, in modo scioccante – come osserva Berger, questo genere di cose accadono sempre, nemmeno in un’epidemia. Alcuni anni fa, Monto & Sons Meats, l’azienda alimentare di quarta generazione di Garlic Kulch, ha trasferito le sue attività a Tuquila. Al suo posto, il dipendente di una volta Erasto Jackson ha aperto Takeout and Catering di Lill Red, ha benedetto il quartiere con il suo marchio unico di barbecue e cibo soul e ha sostituito il tricolore con il nero, verde e oro della bandiera giamaicana. Non viene dalla partenza di attività secolari alla grandiosità del quartiere, ma dalla speranza che un giorno Seattle celebrerà Lil Red o una longevità simile, o che serva già da promemoria per Mi La Ke di seconda generazione. e attività commerciali nelle vicinanze. Nella loro terza generazione come Pho Pack, o Mutual Fish.

READ  Elezioni amministrative in Italia: centro nelle grandi città perde sinistra, perde destra

Ma non finire ancora la tua “visita” nella zona: Garlic Kulch ha ancora un’ultima azienda alimentare a conduzione familiare. “Big John” Cross è cresciuto lavorando nel negozio dei suoi genitori – Atlantic Street Grocery – negli anni ’40 e ’50. Nel 1971, Crose iniziò a vendere olio d’oliva dalla sua auto, diventando infine un grossista di importatori di alimenti del Pacifico e aprendo un negozio a Dearborn e Rainier. Il magazzino alla fine si trasferì nel Kent, e poi aprì il suo negozio al dettaglio con Big John’s PFI nel Sodo District di Seattle. Le figlie e la nipote di Cross hanno rilevato l’attività nel 2012, poco prima della morte di Cross nel 2015. L’anno scorso, hanno trasferito il negozio in una nuova posizione, situata all’angolo tra Dearborn e Rainier, a due isolati dalla sua posizione originale (e dalla posizione del primo negozio Oberto Sausage Company), in cima alla dimora italiana originale di Seattle, Garlic Culch .



We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24