Diagnosi errata nelle donne, cure rivolte agli uomini

Robin Utrecht

NOVITÀ

  • Carmen Durlo

    Editore in linea

  • Carmen Durlo

    Editore in linea

Fonte? panico. Emicrania? Fatica. forti dolori addominali? Sicuramente scappare.

Per decenni, alle donne è stata diagnosticata erroneamente o sottodiagnosticata una malattia perché il corpo maschile è spesso la norma nella ricerca e nella pratica. Oggi, Voices for Women presenta una petizione con oltre 53.000 firme alla Camera dei rappresentanti per attirare l’attenzione sull’assistenza specifica di genere.

Al momento non ci sono fondi strutturali per risolvere questo problema. Il Ministero della Salute sta ora utilizzando 3 milioni di euro per ridurre il divario di conoscenze sulle differenze di sesso e di genere. Si tratta di una frazione dei fondi disponibili per le visite mediche in totale (326,2 milioni di euro).

Per uomini e da uomini

“La medicina è stata sviluppata in gran parte negli anni ’50 e ’60 per e per gli uomini”, spiega il professor Bart Voser. In qualità di co-fondatore di Alliantie Gender and Health, si impegna a sensibilizzare sulle differenze di genere nell’assistenza sanitaria.

“A quel tempo, si decise deliberatamente di condurre studi principalmente sugli uomini. Ciò era in gran parte dovuto alle gravi complicazioni nelle donne dovute a gravidanze inaspettate o indesiderate”. Il presupposto era che i risultati dello studio per gli uomini fossero gli stessi delle donne. “Non è vero. Quasi tutto nel corpo è diverso per uomini e donne.”

Recentemente, le donne sono diventate più importanti come ricercatrici e come medici. Ma all’estero, in particolare, è stata prestata maggiore attenzione a questo argomento. “A poco a poco si sta rendendo disponibile una maggiore conoscenza, ma non ha quasi influito sull’assistenza sanitaria nei Paesi Bassi. Anche nel 2022, le donne stanno peggio degli uomini nell’assistenza sanitaria”, afferma Voser.

READ  "L'intelligenza artificiale potrebbe annunciare la fine dell'umanità": gli esperti paragonano i suoi pericoli alle pandemie e alle guerre nucleari | Scienze

La giornalista ed ex infermiera Miriam Kaijer è un’esperta per esperienza. Solo dieci anni dopo le fu diagnosticato un tumore benigno della ghiandola paratiroidea. Ha fatto ricerche e ha scoperto che l’80% dei pazienti con problemi di salute inspiegabili sono donne.

Kaijer ha scritto il libro sulla sua esperienza Non sono un uomo. “Ci sono stati così tanti feedback che ho avviato una petizione, una hotline e infine Voices for Women. Mi sono imbattuta in un lavabo. C’è così tanta sofferenza. Tutte queste donne vogliono essere trattate seriamente e nel modo giusto”.

Secondo Fauser, è un problema duplice. Non solo c’è interesse per le differenze tra maschi e femmine nelle malattie generali, ma non c’è quasi interesse per le malattie specifiche delle donne, come EndometrialeE il Fibromi E il Sindrome delle ovaie policistiche.

Le donne hanno spesso disturbi fisici più gravi ea lungo termine, ma vengono diagnosticati il ​​6% meno spesso.

La ricercatrice Aran Palring

L’ex professore israeliano Marek G. Redman ha già svolto ricerche su questo argomento. Ha scoperto che i medici hanno maggiori probabilità di vedere i sintomi nelle donne per problemi psicosociali, mentre negli uomini è più probabile che i sintomi siano visti come fisici.

Un quadro simile emerge da un altro studio in corso dell’UMCG. Ciò indica che le donne hanno spesso disturbi fisici più gravi ea lungo termine. Tuttavia, alle donne viene diagnosticata il 6% in meno di frequenza. “Ricevono anche un rinvio a uno specialista o un esame fisico a un tasso inferiore”, afferma la ricercatrice Aranka Ballering.

Fatica: mentale o fisica?

Antonietta ha sperimentato shottropes. Ricordi un momento nello studio del dottore. “Mio marito ha parlato della sua stanchezza. Il medico ha subito suggerito un controllo, mentre mio marito ha detto che potrebbe anche essere stress. Tuttavia, il medico di base ha insistito per programmare un controllo di controllo. Sono rimasto scioccato da questo, perché poco prima che le mie lamentele simili fossero state classificate come “Psycho”. Era una conversazione completamente diversa.”

Sapevo di non essere depresso. Tuttavia, mi è stato diagnosticato questo per anni.

Antonio Shutropes

Era anni fa. Dopo vent’anni di ricerche, Schutrups ha ora una diagnosi: un tumore benigno della ghiandola pituitaria, una ghiandola nella parte inferiore del cervello. Shutropes soffriva, tra le altre cose, di dolore alle gambe, stanchezza e depressione. Tuttavia, le è stata diagnosticata la depressione ed è stata indirizzata all’assistenza sanitaria mentale. “Sapevo di non essere depresso. Soffrivo così tanto nel mio corpo, ma volevo ancora fare così tante cose.”

READ  Pechino chiude una sezione di cinema a causa della recrudescenza dell'epidemia di Corona | All'estero

In questo video, racconta come è riuscita finalmente a ottenere la diagnosi corretta:

Ad Antonietta è stata diagnosticata erroneamente per anni: “Stai letteralmente perdendo te stesso”

Le vite di Shoottrops sono drasticamente cambiate dalla droga. Tutti i reclami sono scomparsi. “Ho sempre pensato che la scienza medica avesse tutte le conoscenze per valutare correttamente la mia salute, ma mi accorgo sempre più che non è così. Non accade apposta, ma per mancanza di conoscenza del corpo femminile. È solo un enorme punto cieco.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24