TGcomnews24

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Dipendenza, ansia e depressione: l’agonia nascosta del malato di Parkinson

Oltre a tremori e movimenti lenti, molti malati di Parkinson sperimentano problemi psicologici come allucinazioni, apatia, ansia e depressione. I neurologi non prestano molta attenzione a questo.

Inizia con un’offerta nella sua casella di posta, un credito gratuito di € 100 da spendere in un casinò online. Nelle settimane successive, quando il sonno non è più possibile, Simon van der Loon, un malato di Parkinson, si allontana di notte usando macchine per la frutta online. A volte guadagna pochi dollari ea volte perde un po ‘.

Si accorge dai graffi sui fogli che è sul suo computer per un periodo sempre più lungo, a volte dall’una di notte alle 6 del mattino. Non si tratta più di decine, si tratta di migliaia di euro. Fortunatamente, la famiglia, con tre figli che vivono in casa, gode di buona salute e Van der Loon ha istituito una bella riserva come avvocato fiscale presso una grande società. Tuttavia, i risparmi diminuiscono in modo significativo.

Van der Loon racconta la sua storia con una certa trepidazione, poiché ha stabilito un contatto visivo con sua moglie, Willemen, dall’altra parte del tavolo da pranzo. Ora sa che la sua dipendenza dal gioco d’azzardo ha qualcosa a che fare con il morbo di Parkinson, ma poi è diventato completamente ignorante.

Sua moglie ha notato per la prima volta che qualcosa non andava quando non poteva pagare la spesa alla cassa. “Allo stesso tempo, volevamo andare in vacanza in Portogallo. Non è davvero un viaggio costoso, ma il trasferimento di denaro non è stato possibile”.

Desiderio di applaudire

Van der Loon era già diventato seriamente dipendente a quel tempo. “Continuavo a pensare che avrei potuto riparare i danni con qualche sorpresa, anche perché avevo già vinto 40.000 euro. Ma la mente perde sensibilità. Si brama un impeto di vittoria, le luci che si accendono, gli applausi che esplodono”.

In pochi mesi Van der Loon aveva scommesso più di 150.000 euro. Non solo sono i suoi risparmi, ma si estendono anche ai crediti correnti, ai prestiti degli amici e ai gioielli di sua moglie. In qualità di segretario di un club di scacchi, ha anche trasferito implicitamente 600 € sul suo conto.

Poi Van der Loon ha sentito dal suo neurologo e psichiatra che non si poteva biasimare tutto. La sua dipendenza è il risultato di ciò che i medici chiamano “purificazione”. È un classico effetto collaterale della malattia di Parkinson, con un paziente su tre che ha meno controllo sui propri impulsi. Questo a volte può trasformarsi in una dipendenza comportamentale.

L’uno e l’altro giocano d’azzardo, guardano porno o chiamano battute sessuali. Altri ancora mangiano, comprano o giocano. A volte è coinvolto l’accoppiamento, poiché i pazienti si dedicano all’infinito in attività apparentemente inutili come smistare oggetti o smontare dispositivi.

Un disturbo della dopamina

Il disturbo del controllo degli impulsi, come viene chiamato, può capovolgere la vita dei pazienti e dei membri della famiglia in pochissimo tempo, ma è solo uno dei disturbi mentali associati al morbo di Parkinson. Si verificano anche allucinazioni, apatia, disturbi d’ansia, attacchi di panico e depressione.

Sono stati tutti recensiti nel libro pubblicato di recente Morbo di Parkinson dallo psichiatraDi Odile van den Heuvel e Sonja Rutten, entrambi psichiatri dell’UMC di Amsterdam. Il libro consiste in venti immagini a colori di pazienti che parlano di morire per strada durante le ore di consulenza, o di essere inattivi sul divano tutto il giorno, o di un’organizzazione criminale che li fulmina a distanza. Ognuno di loro è commovente e allo stesso tempo storie poco convinte che mostrano che chiedere aiuto sta dando i suoi frutti. Pertanto, è preferibile che i pazienti non siano esposti a vergogna e stigma.

Van den Hovel afferma che i disturbi psicologici sono più gravi con il morbo di Parkinson che con altri disturbi neurologici come il morbo di Alzheimer o la SM. Ciò è dovuto alla rottura delle cellule cerebrali che producono sostanze messaggere. La carenza di dopamina causa notevoli disturbi del movimento, ma allo stesso tempo è catastrofica per il tuo umore e per la guida nella vita. La dopamina ti fa sentire felice quando mangi, compri, vinci o fai l’amore.

La conversazione si svolge presso la UMC Neuropsychiatry Clinic Amsterdam, che Van den Heuvel ha fondato dieci anni fa appositamente per le PwP. “Per i sintomi psicologici, per i quali i pazienti sono spesso più imbarazzati dei tremori, i neurologi e gli psichiatri hanno poco tempo e attenzione”.

Rutten: “Sebbene quasi tutti i pazienti abbiano problemi cognitivi, hanno difficoltà a pianificare, mantenere una visione d’insieme e multitasking”. Inoltre, secondo la letteratura professionale, dal 50 all’80% si sente depresso, afferma Van den Heuvel. “Anche se credo che la paura sia la più comune. Principalmente a causa della graduale perdita di controllo, non puoi più accedere al tuo corpo e alla tua vita.”

Reazione eccessiva ai farmaci

I problemi psicologici spesso influenzano la vita più dei sintomi fisici, soprattutto in caso di dipendenza. Van den Heuvel, professore di neuropsichiatria alla VU: “Rilasciare la demotivazione spesso colpisce gli uomini che si ammalano in giovane età, che sono colpiti da ricompense o talvolta sono davvero dipendenti”.

I farmaci svolgono un ruolo importante nella pulizia. Questo può far risparmiare così tanto alla guida mentre si ricostituisce la carenza di dopamina che i pazienti non riescono a trovare i freni. Van den Heuvel: “Indagheremo se possiamo prevedere chi risponderà e chi non reagirà in modo eccessivo, sulla base di scansioni cerebrali e intelligenza artificiale. Con alcune pillole, i cosiddetti stimoli dopaminergici, il rischio è maggiore di altre variabili”.

Anche Van der Loon, una delle venti persone ritratte nel libro, ha preso queste pillole. Ma dal momento che non poteva più accedere ai siti di gioco d’azzardo e alle carte bancarie, i medici, incluso Van den Heuvel, decisero di aspettare e vedere come si sarebbe sviluppato il suo comportamento. L’interruzione o la riduzione del farmaco può portare a un’altra ondata di disturbi del movimento o depressione. Van der Loon attacca immediatamente la carta di credito della moglie e scommette sui soldi stanziati per pagare gli studi dei figli.

I medici smisero immediatamente di prendere il farmaco e Van der Loon cadde in una profonda depressione. Sua moglie non lo vede nel seminterrato da due mesi, ed è per lo più a letto con le persiane chiuse.

Il terapeuta e il paziente evitano il problema

In effetti, i neurologi non prestano abbastanza attenzione alla depressione e ad altri disturbi psicologici, afferma Bas Blume, professore di disturbi del movimento neuromuscolare presso il Radboud University Medical Center di Nijmegen e co-fondatore del National ParkinsonNet. Ciò è in parte dovuto al fatto che i sintomi locomotori sono semplicemente più pronunciati, anche se sono solo la punta dell’iceberg. Per tutti gli altri reclami, almeno l’80%, tu come medico devi fare del tuo meglio e continuare a fare domande. Non penso solo a problemi psicologici, ma a tutta una serie di sintomi tra cui enuresi, disfunzione erettile, bassa pressione sanguigna, odore e problemi di sonno “.

I medici che vengono a conoscenza di problemi di salute mentale a volte hanno paura di aprire il vaso di Pandora se lo chiedono. Oppure pensano di essere più difficili da trattare, ma questo non è sempre vero. L’istruzione aiuta in questo, non solo per i professionisti ma anche per i pazienti. Può sembrare strano, ma per loro è anche importante conoscere i disturbi associati al Parkinson malattia. Inoltre, ne parlano presto durante l’ora di consulenza, in modo che i caregiver possano farci qualcosa “.

Per quanto riguarda Bloem, non deve essere sempre un neurologo. “Penserà sicuramente a tutto ciò che ha a che fare con la dopamina, ma proprio a causa dell’ampia gamma di reclami, il morbo di Parkinson è l’ideale per un approccio multidisciplinare, dove sono importanti anche lo psichiatra e l’infermiere”.

A volte, i problemi motori e psicologici possono essere intrecciati, a cui Bloom si riferisce come una metafora Dietro la maschera. “La perdita delle capacità motorie può appiattire le espressioni facciali nelle PwP, che chiamiamo” maschera viso “. La depressione può nascondersi dietro senza che il medico se ne accorga. Al contrario, i caregiver a volte scambiano questa maschera per blues, mentre il paziente si sente compiaciuto”.

Van der Loon, che è diverso da un malato di Parkinson, è in gran forma. Si adagia sul tavolo da pranzo e mostra sul suo cellulare il video di un uomo seduto su una sedia che ondeggia costantemente braccia e gambe. Sono passati due anni. Successivamente è stato sottoposto a stimolazione cerebrale profonda e da allora i disturbi del movimento sono diventati un ricordo del passato. Dice che ha riavuto la sua vita. No, non ha scommesso di nuovo, ha comprato solo un biglietto della lotteria ogni tanto. “Vincendo un biglietto della lotteria, possiamo saldare i nostri debiti più rapidamente. Adesso paghiamo 1.000 euro al mese, ma i miei figli, i miei amici e il club di scacchi recuperano tutti i loro soldi”.

Parkinson’s The Psychiatrist, Stories of Love, Sadness, and Resilience. Odil van den Heuvel e Sonia Rotten. De Geus, 18,99 euro.

Leggi anche:

Una fabbrica intelligente nel cervello previene il morbo di Parkinson

Può convertire facilmente le cellule del cervello in cellule nervose. Ciò fornisce una prospettiva da trattare Morbo di Parkinson.

READ  Attenzione ai morsi di zecca: i residenti stanno esplodendo da aprile