Downer: un nuovo studio suggerisce che il processo di invecchiamento negli esseri umani non può essere fermato

Gli scienziati hanno cercato di trovare qualcosa per prevenire o addirittura invertire il corso dell’invecchiamento per decenni. Ora è diventato un settore che vale centinaia di miliardi. Ma tutto questo potrebbe essere vano. L’immortalità e l’eterna giovinezza roba da leggende, Secondo una nuova ricerca, potrebbe finalmente porre fine all’eterno dibattito sulla possibilità di vivere per sempre. La verità è che probabilmente non possiamo rallentare il nostro tasso di invecchiamento a causa di limitazioni biologiche.

Tutti noi vogliamo essere per sempre giovani e c’è un’enorme quantità di denaro in gioco in un’industria che cerca di trovare farmaci che cercano di fermare e persino invertire il processo di invecchiamento umano. Si stima che entro il 2025 spenderemo più di 500 miliardi di dollari all’anno in condizioni che riteniamo possano fare qualcosa contro l’invecchiamento.

Il dibattito su quanto tempo possiamo vivere divide da decenni anche la comunità accademica, poiché miliardi vengono riversati nella ricerca di vite lunghe utilizzando le nuove tecnologie più avanzate.

“Non importa quante vitamine assumiamo, non importa quanto sia sano il nostro ambiente o quanto esercizio facciamo, invecchieremo e alla fine moriremo”.

Ma un nuovo studio ha ora confermato che potremmo non essere in grado di rallentare il nostro tasso di invecchiamento a causa di limitazioni biologiche. Lo studio, condotto da una collaborazione internazionale di scienziati di 14 paesi, è stato progettato per testare l’ipotesi del “tasso di invecchiamento costante”, che afferma che una specie ha un tasso di invecchiamento relativamente costante dalla pubertà.

“I nostri risultati supportano la teoria secondo cui, piuttosto che ritardare la morte, più persone vivono semplicemente molto più a lungo a causa della minore mortalità in giovane età. La morte umana è inevitabile. Non importa quante vitamine assumiamo e non importa quanto sia sano il nostro ambiente o la quantità di esercizio che facciamo, invecchieremo e alla fine moriremo”, conclude Fernando Colchero, autore principale dello studio. Colchero è un esperto nell’applicazione della statistica e della matematica alla biologia delle popolazioni e professore associato presso il Dipartimento di Matematica e Informatica dell’Università della Danimarca meridionale.

READ  I modelli prevedono il quarto focolaio di Corona in autunno: quanto è grande questo problema?

I ricercatori hanno testato l’ipotesi del tasso costante dell’invecchiamento combinando i dati e confrontando i modelli di nascita e morte di nove gruppi umani con informazioni provenienti da 30 primati non umani, inclusi gorilla, scimpanzé e babbuini, in natura e negli zoo. Hanno analizzato la relazione tra l’aspettativa di vita (l’età media in cui gli individui muoiono in una popolazione) e l’uguaglianza di longevità (che misura quanto siano concentrate le morti intorno alle età più anziane).

Se attualmente stiamo invecchiando, è semplicemente a causa di un tasso di mortalità più basso tra i giovani adulti, non a causa di sostanze che ci fanno vivere più a lungo.

I loro risultati mostrano che con l’aumento dell’aspettativa di vita, aumenta anche l’uguaglianza di età. Pertanto, l’uguaglianza di longevità è molto alta quando la maggior parte degli individui tende a morire all’incirca alla stessa età. Sono circa 70 o 80 nella maggior parte dei paesi occidentali. Tuttavia, nel diciannovesimo secolo, l’uguaglianza nell’aspettativa di vita era così bassa in quegli stessi paesi che la mortalità era meno concentrata nella vecchiaia, il che portava anche a una minore aspettativa di vita.

L’aspettativa di vita è aumentata drasticamente ed è ancora in aumento in molte parti del mondo. Ma questo non è perché siamo più lenti nell’invecchiamento; Il motivo è che sempre più bambini e giovani sopravvivono e questo aumenta l’aspettativa di vita. Precedenti ricerche di alcuni degli autori dello studio hanno rivelato la sorprendente regolarità tra l’aspettativa di vita e l’uguaglianza di età tra le popolazioni, dai paesi europei preindustriali, cacciatori-raccoglitori, ai paesi di nuova industrializzazione.

Il nuovo studio mostra che non solo gli esseri umani, ma anche altre specie di primati esposte ad ambienti diversi, sono stati in grado di vivere più a lungo riducendo la mortalità infantile e la possibilità di morire in giovane età. Non riducendo il tasso di invecchiamento. Ciò suggerisce che i fattori biologici, piuttosto che i fattori ambientali, in ultima analisi, controllano la longevità.

READ  Sbrigati alla fonte: GGD indagherà sull'epidemia di Corona in modo diverso

Le statistiche hanno confermato che gli individui vivono più a lungo con migliori condizioni di salute e di vita, il che porta a una durata della vita più lunga per l’intera popolazione. Tuttavia, è chiaro che tutte le specie mostrano un aumento significativo della mortalità con l’età. Oppure: sempre più persone vivono più a lungo. Tuttavia, il corso della morte in età avanzata non è cambiato. Lo studio indica che la biologia evolutiva ha la meglio su tutto e che i progressi della medicina fino ad oggi non sono stati in grado di superare questi limiti biologici.

(mattina)

Leggi anche:

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24