Ebbene, questo mi suona familiare: è così che funziona déjà vu

numero di teorie di seguito.

Avere déjà vu – che in francese significa “già visibile” – è una strana sensazione. Finisci in una situazione così riconoscibile o familiare che ti senti come se stessi vivendo di nuovo un evento. Anche se può sembrare che un certo momento si ripeta, non lo è. Le opinioni sono divise su ciò che accade durante il deja vu. Perché si accende così all’improvviso, è difficile imitarlo e ricercarlo.

Il neuroscienziato Jordan Gaines Lewis una volta lo descrisse come un “malfunzionamento cerebrale”. Il tuo cervello elabora costantemente informazioni per dipingere un quadro completo e completo del mondo che ti circonda. Se non è perfetto e la tua percezione sensoriale e la tua memoria si intersecano, potresti sentirti come se avessi già passato qualcosa. Tuttavia, questa teoria non è del tutto corretta, perché il déjà vu non è sempre basato sull’esperienza reale.

Secondo il neurologo Emile Couturier, potrebbe esserci anche un cortocircuito nel cervello. “Tutto ciò che vedi con i tuoi occhi è immagazzinato nel cervello. Ma prima di immagazzinarlo, la mente cosciente interpreta l’immagine. Viene dato il significato e le etichette attaccate ad esso. A volte l’ordine cambia e l’immagine viene salvata prima dell’interpretazione. Quando il l’immagine poi arriva nell’ordine corretto, l’immagine è già lì e hai un déjà vu”, ha detto in precedenza a LINDA. In breve: l’immagine viene prima immagazzinata nel nostro cervello, ma ce ne rendiamo conto solo dopo.

Sebbene siano state condotte pochissime ricerche scientifiche sull’argomento, i neuroscienziati dell’Università di St Andrews hanno tentato nel 2016. Secondo loro, il déjà vu non ha nulla a che fare con la nostra memoria, ma piuttosto con la risoluzione dei conflitti. Stiamo cercando un ricordo che non c’è, causando confusione nel nostro cervello. Confrontalo con il vedere un treno in movimento mentre sei su un treno fermo. Quindi non è chiaro se il tuo treno è quello in funzione o l’altro.

READ  Scoperta storica: in Cina sono stati trovati resti di tè di 2.400 anni

Un’altra interpretazione del déjà vu è che la memoria si sposta dalla memoria a breve termine alla memoria a lungo termine, facendo sembrare che tu stia ricordando qualcosa del passato, quando lo stai effettivamente vivendo in quel momento. E pensi che il déjà vu sia in realtà un ricordo di una vita precedente? Allora tradirai. Non è stato scientificamente provato e secondo l’American Professional Association of Psychologists, non è vero.

Conclusione? Il déjà vu non è stato ancora spiegato scientificamente. Tuttavia, secondo il neurologo Couturier, ci sono probabilmente due teorie. Ad esempio, ci sono buone probabilità che sia un “allarme irregolare”, che ti fa pensare che sia un ricordo, ma non lo è. Anche la teoria del cortocircuito è una buona spiegazione. Quindi non lo sappiamo per certo (ancora). Soffri spesso di deja vu? Allora è una buona idea contattare il medico. Secondo Couturier, le persone con epilessia ed emicrania hanno maggiori probabilità di soffrire di questo fenomeno.

fonte | ok + beneHLN.beLinda.

Mike AbmaGetty Images

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24