Ecco perché per noi è importante anche il contenzioso tra Italia ed Europa

Braccio di ferro, ping pong, bluff poker… Il dibattito sul bilancio italiano ricorda un gioco da tavolo con due fanatici partecipanti. Ma stanno giocando con il fuoco. Se il Paese e le banche si mettessero davvero nei guai, ciò si ripercuoterebbe inevitabilmente su tutta l’Europa, e quindi anche su di noi.

“Questa discussione sul budget potrebbe sfuggire di mano”, avverte Corne van Zijl, analista del mercato azionario di Actiam. Per la prima volta nella storia, la Commissione europea respinge un bilancio perché non rispetta le regole concordate da tutti i paesi europei, compresa l’Italia.

“Il debito è il nemico del popolo”

Oggetto del contendere è il “Bilancio popolare” presentato da Roma il 15 ottobre. Ciò include l’abbassamento dell’età pensionabile, la riduzione delle tasse e la fornitura di un reddito di base ai poveri. La spesa aggiuntiva di 37 miliardi di euro aumenta il deficit di bilancio e aumenta il peso del debito a 2,3 trilioni di euro. Il debito nazionale ammonta già al 130% del PIL (ciò che si guadagna annualmente come Paese), mentre l’accordo in Europa prevede che il debito non possa superare il 60%.

L’Italia ritiene che gli investimenti siano necessari per rilanciare l’economia, ma Bruxelles avverte che l’Italia dovrà affrontare debiti che il Paese non potrà più sopportare. Il commissario europeo Moscovici definisce il debito pubblico il nemico dei popoli. “Ciò che ci preoccupa di più sono le conseguenze per i cittadini”.

Molti sono poveri

Tuttavia, la maggioranza dei cittadini italiani è molto entusiasta dei piani dei due partiti al governo, Lega e Cinque Stelle. In Italia circa 4,7 milioni di persone vivono al di sotto della soglia di povertà. Secondo l'agenzia statistica Istat, il tasso di disoccupazione sfiora il 10%. Un giovane su tre in cerca di lavoro è disoccupato. Pertanto, i residenti attendono con ansia un miglioramento.

READ  Razzismo durante Atalanta-Napoli: De Ron si scusa

Abbassare l’età pensionabile creerebbe maggiori opportunità di lavoro per i giovani. Quando un reddito di base diventa disponibile per i poveri, i consumi aumentano. Secondo il vice primo ministro Salvini, il bilancio è l’unico modo per l’Italia di rilanciare l’economia e ridurre il debito pubblico a lungo termine. Il fatto che violi le regole europee gli fa poco bene: “L’Italia viene prima”.

L’economia difficilmente cresce

“L’aumento del debito nazionale non è un problema se l’economia è in crescita”, afferma Corne van Zijl, analista del mercato azionario presso Actiam. Ma l’economia italiana cresce con difficoltà. Anche la Banca Centrale Italiana ha già affermato che non vi è alcuna prospettiva di migliori prospettive economiche. “Uno dei motivi della bassa crescita è il rapido invecchiamento del paese”, afferma van Zijl. “Soffrono di questo più di tutti i paesi europei.”

Negli ultimi mesi è diventato chiaro che i mercati finanziari stanno iniziando a perdere fiducia nell’Italia, portando a un aumento dei tassi di interesse sui titoli di Stato. E qui la scarpa pizzica. “Nei prossimi anni l’elevato debito pubblico dovrà essere rifinanziato”, spiega van Zijl, “con l’aumento dei tassi di interesse, ciò diventerà molto costoso”. “Si può rilanciare l’economia con una spesa aggiuntiva, ma il peso del debito è diventato troppo alto perché l’Italia possa sostenerlo”.

Le banche sono nei guai

Il popolo italiano sarà il primo a soffrire. Poiché il Paese già spende così tanti soldi per interessi e rimborsi, ci sono meno investimenti, ad esempio, nelle infrastrutture e nell’innovazione. Il commissario europeo Dombrovskis afferma che vengono già spesi molti soldi per interessi e rimborsi, nonché per l’istruzione: “Che messaggio dai alle generazioni più giovani se li carichi di un tale peso di debiti?”

READ  Filtraggio NX leggermente più alto con Damrak IPO

Se gli investitori chiedessero più interessi, non solo la posizione fiscale del governo diventerà più squilibrata, ma anche le banche italiane si metteranno nei guai. Se i tassi di interesse bancari scendono, c’è un’alta probabilità che i risparmiatori italiani vadano nel panico e ritirino i loro soldi, con tutte le conseguenze che ne conseguono. Poiché il debito nazionale è in gran parte in mani locali, gli esperti temono meno che la crisi italiana si diffonda ad altri paesi europei.

Impatto sull’Europa

Ma se il Paese e le banche finissero davvero nei guai, ciò avrà inevitabilmente un effetto a catena in tutta Europa. Non solo stiamo perdendo un importante partner commerciale, ma siamo legati finanziariamente ed economicamente attraverso l’euro comune.

Martin Visser, giornalista finanziario di De Telegraaf: “Se la fiducia degli investitori scompare, tutti ne soffriranno. Il calo dei prezzi delle azioni danneggia l'economia e, ad esempio, anche i fondi pensione olandesi ne risentono. Le agenzie di pianificazione prevedono già una crescita economica inferiore. A causa di ” per esempio la Brexit”. Dall'Unione Europea alla guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina. E ora c’è una minaccia dall’Italia”.

Troppo grande per essere salvato

Se l’Italia fallisse, sarebbe troppo grande per essere salvata, come è successo con la Grecia. “L'Europa non può farlo, e noi non vogliamo farlo”, dice Visser. “Nello scenario più pericoloso, ciò potrebbe portare all'uscita dell'Italia. L'Europa è impensabile senza l'Italia”.

“La Commissione europea ha ragione nel chiedere all’Italia di adeguare il proprio bilancio”, afferma Cornet van Zijl. “Se mai c'è stato un momento per riparare il tetto, è adesso, quando l'economia è relativamente calma.”

READ  Calcio con samba all'Heat Castle? Il quinto brasiliano, Mitinho, con la maglia biancorossa dello Sparta Calcio olandese

Una sorta di situazione di guerra

Per il governo italiano l'intervento di Bruxelles appare come un'ingerenza indesiderata. Secondo Visser Bruxelles ha i suoi diritti: “Ogni Paese ha la propria cultura e tuttavia è impegnato in accordi economici comuni. L'Italia ha scelto di parteciparvi. Condividiamo la moneta. Per evitare grandi differenze tra Paesi, i Paesi devono aderire all’incirca alle stesse politiche economiche.”

Se l’Italia continua a rifiutarsi di modificare il bilancio, la Commissione europea potrebbe emettere multe e bloccare i sussidi. “Si finisce in uno stato di guerra”, teme Visser. “La domanda è quando arriverà il momento in cui l'Italia farà marcia indietro. La storia dimostra che Bruxelles può essere molto flessibile, quindi se Roma si avvicina un po' a loro, accetteranno rapidamente un nuovo bilancio”.

Chiede? Chiediglielo!

Hai qualche domanda o vorresti delle risposte? Mandaci un messaggio qui nella chat.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24