Embrione di piccione: il legame tra biologia, sesso e sessualità

L’identità di genere nasce dal terzo mese di gravidanza e il testosterone gioca un ruolo importante. Così afferma Anton Grotguide, professore emerito di biologia evoluzionistica all’Erasmus MC di Rotterdam. “Sotto l’influenza del testosterone, nel cervello del nascituro si sviluppa un’identità maschile”, afferma Grotteguid. “La tempistica corretta e la produzione di una quantità adeguata di testosterone sono molto importanti a questo proposito. Se il testosterone non viene prodotto affatto durante il periodo fetale o se la sensibilità al testosterone è completamente assente, allora si sviluppa un’identità femminile”.

“Non sono molto d’accordo con questo!” L’endocrinologo pediatrico Hedi Claahsen del Radboud Expertise Sex & Gender Center di Nijmegen ha risposto. Claassen non pensa che sia puramente una questione di biologia. “In realtà, non sappiamo ancora cosa determina esattamente la tua identità di genere. Ecco perché non possiamo misurare l’identità di genere. Solo tu puoi determinarlo da solo”.

Siamo abituati ad abbinare il sesso biologico a come ti senti, dice Klassen.Questa è la tua identità di genere. “Ma il genere e l’identità di genere sono nozioni in cui la società colora, sei un uomo o una donna, e questo include certi sentimenti e un certo ruolo di genere. Il ruolo del sesso nei Paesi Bassi è diverso da quello in Asia o in America, quindi c’è anche una struttura sociale coinvolta. Ci piace categorizzare tutto, ma allo stesso tempo sappiamo tutti che l’identità di genere è una scala graduata. Inoltre, non è necessariamente binaria: ci sono culture di cinque o tre sessi”.

efficienza primitiva

Ma la biologia umana impone una dicotomia, sebbene la demarcazione non sia sempre netta. Geneticamente, il sesso è determinato da una combinazione di cromosomi sessuali; Le donne di solito hanno due cromosomi X e gli uomini hanno un cromosoma X e uno Y. Se le cose vanno diversamente con la distribuzione dei cromosomi sessuali durante la fecondazione, questo spesso (tra le altre influenze) ha un impatto significativo sullo sviluppo sessuale del bambino.

Il cromosoma Y, che determina il sesso maschile, è molto più piccolo del cromosoma X e contiene anche un numero molto minore di geni (solo cinquanta, mille in meno del grande e importante cromosoma X). In mezzo, c’è solo un gene legato all’Y, chiamato gene SRY, che avvia la cascata dello sviluppo sessuale, spiega Grotteguid: “SRY si attiva nella settima settimana di gravidanza e poi attiva una cascata di altri geni, causando il così -chiamato sesso riproduttivo da determinare, è la prima differenza embrionale tra i sessi”.

READ  Heroes of Tomorrow: Hayat Bin Tohamy combatte la scienza sporca

Nel feto precoce, la costruzione primitiva degli organi riproduttivi è effettivamente replicata, con i dotti di Müller che possono svilupparsi nelle tube di Falloppio e nell’utero e i dotti di Wolf che possono svilupparsi nell’epididimo e nei dotti deferenti. Le gonadi, che sono le vere gonadi, si sviluppano nelle ovaie o nei testicoli. Quest’ultimo è sotto il controllo di SRY Jin. Se questo è attivo, i dotti di Müller si disintegrano e il bambino diventa un maschio sotto l’influenza dell’ormone testosterone prodotto dai testicoli. Senza SRY o i geni che attiva, l’andatura di Wolff appassisce e il bambino diventa una bambina.

Il testosterone viene convertito in estradiolo in un singolo passaggio enzimatico e questo mostra quanto è vicino

Anton Groteguide Professore Emerito di Biologia dello Sviluppo

A livello molecolare, i confini tra donne e uomini sono molto sottili, spiega Grotteguide. Si parla spesso di testosterone come ormone maschile e di estradiolo come ormone femminile. Ma sia gli uomini che le donne producono ormoni, anche se in proporzioni completamente diverse. Il testosterone è stato convertito in estradiolo in un singolo passaggio enzimatico, e questo mostra quanto siano vicini l’uno all’altro”.

Secondo Grooegoed, questo spiega anche perché non esiste una separazione biologica assoluta tra donne e uomini. Durante lo sviluppo embrionale, il cervello è “programmato” per un maschio o una femmina dalla presenza o assenza dell’ormone testosterone. Ma se qualcosa accade in modo diverso nel primo sviluppo della produzione ormonale o della sensibilità del recettore, le cose vanno diversamente. I bambini con insensibilità agli androgeni si sviluppano in ragazze e donne XY, nonostante siano geneticamente maschi e abbiano anche testicoli addominali che producono testosterone alla nascita. Ma questo messaggio ormonale non passa e quindi si sentono completamente femminili.

“Un leggero cambiamento nel DNA, una cosiddetta mutazione puntiforme, nel gene del recettore del testosterone può significare che l’intera storia del diventare un uomo non durerà per la maggior parte”, afferma Grotteguid. “A causa di questa mutazione, il recettore non può più legarsi al testosterone o il recettore non può più legarsi al DNA, quindi l’attivazione di altri geni non può continuare”.

La prima domanda alla nascita

Le cose possono anche essere diverse “a valle” nella cascata di enzimi che determinano il sesso. È evidente quando si verifica con l’enzima 5-alfa-reduttasi, che converte il testosterone in diidrotestosterone. “Questa è la forma più potente ed è 10 volte più forte”, spiega Grotteguid. Il diidrotestosterone è responsabile della costruzione del pene, dello scroto e della prostata nel feto. Durante la pubertà, stimola la crescita dei genitali e dei peli del corpo maschile come la crescita della barba.

READ  Meno di 500 casi di corona al giorno

Alcuni bambini nascono con un deficit di 5-alfa reduttasi, il che significa che non hanno la forma forte dell’ormone maschile, ma producono testosterone. Alla nascita sembra una bambina con un pene molto piccolo che può svilupparsi un po’ di più durante la pubertà. Quindi il testosterone stimola anche la crescita muscolare. „Questo è comune nella Repubblica Dominicana e questo fenomeno è comune pene a dodici anni chiamato”, dice Grootegoed. “Questi bambini crescono come ragazze, ma per lo più continuano come uomini dopo la pubertà. Sposano una donna e possono anche avere figli. Sotto l’influenza del testosterone nell’utero, al momento giusto e nella giusta quantità, viene stabilita la loro identità sessuale: si sentono uomini”.

La cosa notevole è che queste ragazze sono spesso fanciullesche secondo i nostri standard e valori

Hedi Claahsen Endocrinologo pediatrico

Ma Claassen pensa che la spiegazione ormonale dell’identità di genere sia troppo semplice. Come controesempio, cita le ragazze con la sindrome della ghiandola surrenale. “Sono geneticamente ragazze con ovaie e utero. A causa della malattia surrenale, i loro corpi hanno prodotto troppo testosterone nell’utero. Di conseguenza, spesso nascono maschi. Ma quei nove mesi di testosterone hanno influenzato la loro identità sessuale? Ciò che è notevole è che queste ragazze spesso non sono infantili per i nostri standard e valori. Una percentuale molto ampia gioca a calcio. “

Oltre agli ormoni, le differenze di genere sono espresse anche attraverso una componente genetica localizzata in tutte le cellule del corpo, afferma Grotteguid. Questo è un effetto molto più debole, ma è stato misurato in esperimenti su animali. Ad esempio, esperimenti con topi in cui sono state rimosse le gonadi (per eliminare l’effetto degli ormoni sessuali) mostrano che gli animali XY sono sempre leggermente più leggeri degli animali XX e rispondono meno rapidamente agli stimoli dolorosi.

Clasen afferma che nel suo lavoro di endocrinologa pediatrica, spesso deve “decidere” se un neonato di genere incerto è un maschio o una femmina. “A volte non puoi distinguere direttamente dal sesso esterno. Lo chiamiamo termini ermafroditi. Poi misuriamo ogni genere di cose dopo la nascita: cromosomi, livelli di ormoni nel sangue e cerchiamo la presenza dell’utero, delle ovaie o dei testicoli sugli ultrasuoni. . Queste sono tutte componenti del sesso biologico.” Sulla base di questa diagnosi cerchiamo di metterla in relazione con una particolare identità di genere, uomo o donna. Perché è così che funziona la nostra società. La prima domanda riguardo alla nascita è sempre se si tratta di un ragazzo o ragazza. Oserete dire come genitori: non lo sappiamo ancora? I genitori non vogliono solo conoscere il sesso biologico, ma vogliono anche sapere: come diavolo dovrei crescere mio figlio?”

READ  I cosmologi potrebbero vedere i segni di un nuovo tipo di energia oscura

persone sane

Klassen mette fine a questa incertezza: “Come squadra, di solito osiamo nominare il genere di un bambino che non è chiaro, anche se ci rendiamo conto che non possiamo misurare l’identità di genere. Non è sbagliato se spieghi bene il dilemma al genitori e non aggiustarlo con operazioni irreversibili. Ma anche se il genere biologico è chiaro, non puoi essere sicuro che qualcuno si senta allo stesso modo se il suo genere biologico lo indica, vieni al transgender”.

Qui Klassen rifiuta fortemente la determinazione biologica: “Le persone transgender sono persone sane e non gli piace davvero quando diciamo che è un difetto genetico che le rende così”.

Grooegoed non può spiegare dal suo campo che alcune persone prima o poi si sentono “nel corpo sbagliato”. “Questa spinta deve essere molto forte in queste persone, perché sono pronte a capovolgere la loro intera vita”, dice. “Non abbiamo davvero idea da dove provenga. Non è qualcosa di puramente genetico o ormonale. Vari gruppi di ricerca stanno cercando di capire se potrebbe essere genetico, cioè una programmazione molecolare sul DNA. Sospetto che ci sia qualcosa di innato in esso – è può apparire ben prima dell’età della pubertà, ma cosa sia esattamente rimane un mistero.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24