Esther era la più grande rivale della sorella gemella Lillian, e ora è la sua più grande fan

La famiglia De Geus è ben preparata per i Lilian Games. Viene affittata una casa a Browarddam, dove tutti seguiranno le sue azioni. “Se necessario, ci alziamo di notte per questo”, dice Esther. “So che può farcela, spero davvero che ottenga l’oro”.

Non trovato sul lato

Anche Esther potrebbe aver voluto andare ai Giochi, ma non invidia l’eterna fama olimpica di Lillian. Le piaceva rallegrare sua sorella gemella fuori dal molo, proprio come ha fatto a Rio de Janeiro nel 2016 quando Lillian è arrivata quarta. Ora il piano era di fare un tour in Giappone dopo i giochi. Sfortunatamente, i visitatori dall’Europa non sono i benvenuti. Nemmeno la famiglia.

pensionato

A Tokyo non c’erano per via di Corona. Parenti e amici degli dei dell’Olimpo. Sono di grande importanza nella vita di questi grandi atleti.

In questa serie, ritraiamo gli dei dell’Olimpo attraverso gli occhi dei loro cari. Questa volta: le sorelle gemelle Esther de Geus e Lilian, che lottano per l’oro in windsurf.

È un male, soprattutto perché Lillian è ora la favorita numero uno del windsurf. È stata tre volte campionessa del mondo negli ultimi quattro anni e ha analizzato in dettaglio le condizioni di Tokyo. La fiducia in lei è grande, così come da parte della famiglia. Perché Esther sa: “Lillian può gestire molto bene la pressione”. E gli atleti che possono farlo spesso portano a casa premi importanti.

Volevamo a modo nostro, ma non ha funzionato

Devi conoscere Ester. Come sorella gemella, probabilmente nessuno conosce bene Lillian. Hanno frequentato la stessa scuola, hanno giocato a calcio insieme, hanno fatto irruzione insieme al vertice internazionale del surf e ora vivono entrambi a Scheveningen. Tuttavia, quando erano giovani, non era questa l’idea.

“Volevamo scoprire le nostre cose nella vita, non siamo sempre visti come gemelli”, dice Esther. “Avere i tuoi amici, i tuoi hobby e cose del genere. Ma non sempre ha funzionato. E poi i miei amici all’improvviso sono tornati a separarsi, o viceversa. Poi all’improvviso abbiamo avuto di nuovo lo stesso gruppo di amici E abbiamo sempre avuto gli stessi hobby.” Amavano tutto ciò che riguardava lo sport.

READ  30 miglior affare prime day italy : Sconto enorme

Bravo nel calcio, bravo anche nel surf

coincidenza? Per lo più no. Sia Esther che Lillian erano molto brave negli sport che praticavano. Diciamo che non c’era niente di sbagliato nei geni. Naturalmente erano eccellenti sull’acqua, ma sapevano anche giocare a calcio. “Siamo stati entrambi rilevati dalla KNVB”.

Ma il calcio non era il loro futuro. Quando Esther e Lillian avevano 12 anni, il virus del surf la strinse forte. Gli autori: il loro fratello Stefano (ora 34) e Jeron (32). Ogni anno, la famiglia andava in vacanza sul Lago di Garda, in Italia, dove si trattava di divertirsi in acqua.

in cima

Nuoto, vela, quel genere di cose. E poi all’improvviso questo skateboard. Padre De Geus trovava meraviglioso che le sue figlie scappassero avidamente. Da marinaio ha avuto due bellissime figlie che si trovano bene anche in acqua. “È anche molto atletico”, dice Esther.

E il loro talento non è passato inosservato. Le due sorelle si sono unite a Marceline de Kooning per le Olimpiadi del 2012. L’ex velista ha iniziato un percorso atletico impressionante con l’associazione. Obiettivo: surfista olimpica olandese.

La fine del liceo è stata il punto di rottura

King non ci è riuscito, e Lillian ci è quasi riuscito nel 2012. “Ho soddisfatto i requisiti del CIO, ma non i requisiti della Federazione olandese. Sono sempre più severi. Devi essere in grado di partecipare ai Paesi Bassi per una medaglia, altrimenti non te ne vai”, dice Esther. .

La stessa Esther ha sempre sognato i giochi. Ma dove aveva sempre scambiato dei centesimi con Lillian durante la sua infanzia (“Poi ho vinto di nuovo, poi di nuovo Lillian”), le cose sono cambiate dopo il liceo. Dopo essersi diplomata al liceo, Lillian si dedicò completamente al surf e fece Esther vwo, che impiegò un anno in più, e fallì anche l’ultimo anno. “Non è il momento giusto”.

READ  Con i Campionati Europei Giovanili di Franeker, la Federazione Pallamano vuole ridare una prospettiva internazionale ai giovani

Passa alla Business Class

Ho cercato di recuperare gli arretrati con Lillian, ma si è rivelato impossibile.

è difficile? Questo litigio con tua sorella? “Sì, sì. Solo una persona di un paese può partecipare ai giochi. In alcuni altri paesi, la lotta è molto alta e fortunatamente non litighiamo mai. Ma potrebbe essere questo il motivo per cui sono passato a un’altra categoria. “

L’accesso ai giochi non è stato possibile per Esther. Lillian era migliore, e lo sarà sempre. Ma questo non significa che Esther non abbia avuto tutto da se stessa. Nella cosiddetta “classe commerciale” (nella classe olimpica hanno tutti lo stesso materiale, e nella classe commerciale è ulteriormente sviluppato) ho anche preso parte ai campionati del mondo, e in precedenza ho scoperto nuove classi di surf come Patatine fritte.

Questo è buono. Perché la frustrazione assumerà lo status olimpico dell’attuale classe RS:X nel 2024. La grande differenza: con la tua frustrazione navighi un po’ sull’acqua, per così dire, con una specie di ala. Surf RS:X è surf come molti lo sanno: una tavola sull’acqua e una vela che cattura il vento. Forse Esther può fare qualcosa per sua sorella frustrata. “

La pellicola ha un grande spoiler nella parte anteriore e un piccolo spoiler nella parte posteriore. Questo ti farà uscire dall’acqua quando acceleri. Lillian cercherà sicuramente di passare alla frustrazione”.

Delusione dopo il quarto posto

Ma prima Tokyo. Doveva essersene andato, dopo il boccone amaro che Lillian ha dovuto ingoiare a Rio. La brutta giornata l’ha uccisa lì: IV. “Sono rimasto davvero deluso da questo. Vincendo ancora la medal race (ultima corsa a punti doppi, editore), ma non ha ottenuto il bronzo. Dopo di che, non ha fatto nulla per mesi”.

READ  La reazione di Raphael van der Vaart alla partenza improvvisa di Peter Hybala

Ora Lillian è la favorita numero uno, ha studiato in dettaglio le acque e i venti di Tokyo con la velista Marie Baumeister mentre si avvia con sicurezza verso la partenza. Tuttavia, non si sa mai. “Lillian a tutti gli effetti, ma se il vento soffia forte, le donne più pesanti hanno ancora il vantaggio. Spero davvero che tu vinca.”

Analizzatore di funzionalità polmonare

E sì, Esther è delusa di non essere arrivata alle Olimpiadi. Ma come ho detto, non è rimasta a guardare. Dopo i suoi studi in kinesiologia, sta ora seguendo una formazione di follow-up per diventare un’analista della funzione polmonare e sta già mettendo in pratica queste conoscenze all’Haga Hospital dell’Aia. Ha visto molte persone, ha lavorato molto con i malati di corona, ma anche con persone che hanno avuto un tumore, per esempio.

È stato un anno difficile, ammette. Anche per Corona. Ha lavorato, ha dovuto studiare e cerca anche di fare esercizio ogni giorno. “La gente a volte mi chiede come tenere il passo.”

Tieni tutte quelle palle in aria, se vuoi tanto di te quanto l’atleta di punta di Esther de Geus. Perché potrebbe aver interrotto le gare di vela dallo scorso ottobre, ma è ancora una pioniera nella sua testa. Questo potrebbe non cambiare mai.

Lilian de Geus è quinta in classifica dopo nove gare. Tornerai al lavoro la prossima notte (ora dei Paesi Bassi).

Puoi leggere altre storie sugli atleti e sui loro parenti qui

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24