Evacuazioni dall’Afghanistan diventano impossibili ma ‘parlare con i talebani’

L’ex alto diplomatico Ed Cronenberg ha detto nello show che non c’era altra scelta che avviare colloqui con i talebani Notizie & Co. Su Radio NPO 1: “I Paesi Bassi non sono ovviamente l’unico con questo problema, molti paesi sono stati attivi lì”.

Chiede quindi una missione Ue in Afghanistan, con i rappresentanti più importanti: “Si pensi al presidente Charles Michel del Consiglio europeo, alla presidente Ursula von der Leyen della Commissione europea e all’alto rappresentante per gli affari esteri Josep Borrell”. Per ora il governo lo sta cercando in un contesto più piccolo. Il ministro uscente Kaag afferma che i Paesi Bassi stanno lavorando con Francia, Germania e Regno Unito.

aiuto per lo sviluppo

Ma Cronenberg dice che l’Europa ha una carta vincente che potrebbe rendere i talebani disposti a negoziare: “L’UE ha già investito quasi 4 miliardi di euro in fondi per lo sviluppo in Afghanistan ei programmi sono ancora in corso”. L’Afghanistan è ancora un paese molto povero, dice, “quindi suppongo che anche i talebani abbiano interesse a continuare quei programmi”. Tuttavia, Cronenburg ammette che i talebani sono il partito madre nei colloqui: “Potranno avanzare richieste”.

Un altro problema è che il personale delle ambasciate di molti paesi se ne è andato. Kronenburg: “Devi avere persone sul posto per organizzare alcune formalità. Alcune persone potrebbero aver bisogno di documenti per lasciare il paese”. Ciò non richiede un’ambasciata pienamente funzionante, afferma l’ex diplomatico: “C’è ancora un’ambasciata turca, ovviamente c’è il Pakistan e il Qatar. Ci sono opzioni per lei di passare attraverso quelle ambasciate. O con il loro aiuto …”

READ  Con il relax all'orizzonte, la folla di Bruxelles festeggia contro le misure del Coronavirus

Ecco come ha reagito il primo ministro Rutte all’interruzione delle evacuazioni:

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24