Francia, Germania e Polonia affrontano la disinformazione russa

Mercoledì il parlamento ucraino ha approvato gli emendamenti che consentono l’uso di sperma o ovuli congelati dei soldati, anche dopo la loro morte. Il dibattito sociale su questo tema è esploso intensamente di recente.

Alla fine dello scorso anno, l’Ucraina ha approvato una legge che permette ai soldati di congelare le proprie cellule riproduttive prima di partire per il fronte. Ma c'è una clausola nella legge, che entrerà in vigore alla fine di marzo, secondo la quale lo sperma e gli ovuli congelati dei soldati devono essere distrutti dopo la loro morte.

Mercoledì 264 deputati hanno approvato un emendamento che consente la conservazione dello sperma o degli ovuli per tre anni dopo la morte. Il partner del soldato può quindi pagare per estendere il periodo di conservazione.

Nessun deputato ha votato contro questa misura, che è stata sostenuta dal Ministero della Salute.

La questione è particolarmente delicata nel Paese che ha sofferto molto a causa dell’invasione russa iniziata quasi due anni fa. Alcuni, come l'avvocato Olena Babić, ritengono ingiusto imporre la distruzione degli ovuli e dello sperma dei soldati morti al fronte.

In un post ampiamente diffuso sui social media, ha descritto il caso di uno dei suoi clienti, il cui sperma del marito è stato congelato e poi ucciso. Ciò ha scatenato un’ondata di critiche nei confronti di questa clausola e i rappresentanti si sono impegnati a riscrivere la legge prima che entri in vigore.

L'Ucraina non rende note le perdite subite dal suo esercito, ma stime americane pubblicate dal New York Times lo scorso agosto parlano di circa 70.000 morti e di 120.000 feriti. (Belga)

READ  Hamas ha rilasciato meno ostaggi di quanto promesso

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24