Freaks: An Antifascist Tale with Touches of Fellini, Junette e Del Toro (Recensione)

Il secondo film del regista italiano Potresti chiamare Gabriel Mainetti solo un altro film di supereroi. panico Ma è soprattutto una favola antifascista che ci ricorda nel suo surrealismo dei valori sottovalutati. Balada Triste de Trumpeta Il direttore della fotografia spagnolo Alex de la Iglesia. Interessante, ma non riuscito al 100%.

1943. Un capo di circo ebreo scompare senza lasciare traccia nella Roma occupata. Sua figlia adottiva Matilda, che lavora come batteria viva nel circo, vuole trovarlo. Tuttavia, i suoi tre amici, tutti “ossessionati” dai poteri speciali, credono che sia scappato con i loro soldi e si sia unito allo Zerkos di Berlino, dove un pianista chiaroveggente con sei dita trama una vittoria per il Terzo Reich.

panico sembra un quarto design di produzione La fotografia è fantastica e anche la storia è fantastica. La cosa sorprendente dell’approccio del regista e sceneggiatore Mainetti è che qui fonde le influenze di Fellini e de la Iglesia con una fiaba come Jean-Pierre Junet e il morbido horror estetico di Guillermo del Toro. Questa combinazione sembra molto organica e gli attori ottimamente rappresentati si adattano perfettamente all’universo alieno.

Il fatto che la sceneggiatura a volte faccia salti strani e inaspettati, proprio come nel cinema avido e iperattivo di Terry Gilliam, è qualcosa che dai per scontato. Meno fortunato è il periodo d’oro del treno che porta gli ebrei nei campi di sterminio. È un peccato abusare del più grande orrore della storia moderna per gran parte dell’intrattenimento e dargli una svolta positiva. L’ultima mezz’ora dà a questo film divertente e divertente un retrogusto amaro. Purtroppo.

Quattro artisti circensi vengono portati con doni speciali da un pianista chiaroveggente tedesco che vuole reclutarli per vincere la seconda guerra mondiale. Questa iper-fiaba sembra un fratello italiano più tenero Balada Triste de Trumpeta di Alex de la Iglesia.

READ  VIDEO - L'ex caposquadra in esilio Flavio Briatore è pronto per un entusiasmante ritorno in Formula Uno?

direzione Gabriele Mainetti
sputo Aurora Giovinazzo, Claudio Santamaria, Franz Rogowski
tempo di gioco 14:21
Da 21 settembre al cinema

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24