Giro 2024: Olaf Koeg conquista la vittoria dopo l'emozionante finale di Napoli

Domenica 12 maggio 2024 alle 17:07

La prima vittoria di tappa di Olaf Koeg in un grande giro è un dato di fatto. Olandese del Visma | Lease a Bike ha corso verso la vittoria a Napoli – dopo una vera lotta. Dopo essere stato attaccato sulla salita finale, Jonathan Narvaez sembrava essere sulla buona strada per un'altra vittoria di tappa, ma i velocisti lo hanno comunque superato negli ultimi 100 metri.

La tappa finale prima del primo giorno di riposo del Giro d'Italia 2024 è stata molto più lunga con 214 km, ma anche molto più facile della tappa del giorno precedente. C'era solo una salita elencata, ma la tappa non era affatto piatta. I corridori hanno affrontato quattro brevi salite negli ultimi 40 chilometri, con Monte di Procida (4,1 km al 3,1%), Lucrino (1,1 km al 6,7%), Solvatara di Pozzuoli (2 km al 4,9%) e Posillipo (3,2 km al 4,4 %). La cima della collina finale era sette chilometri prima del traguardo.

Quindi il volo era difficile da prevedere. Giornata da scioperanti? Oppure dovremmo guardare soprattutto ai corridori forti? In ogni caso non sarà il giorno di Alexei Lutsenko. Il campione dell'Astana Kazakistan, già uscito dalla top 10 della classifica generale nella tappa di montagna contro Prato di Tivo di sabato, non sarà più al via per malore.

Due passeggeri della Polti-Kometa si allontanano presto
Dopo una neutralizzazione e un ritardo (a causa di una gomma a terra di Roel van Sintmaartensdijk), i restanti 163 corridori hanno iniziato la fase finale prima del primo giorno di riposo intorno alle 12:20. Dopo il segnale ufficiale di partenza sono subito partiti due corridori del team Polti Cometa. Gli italiani erano Mirko Maestri e Andrea Pietropone. Manuele Tarozzi (VF Group-Bardiani CSF-Faizanè) si è lanciato all'inseguimento, ma non è stato abbastanza forte per effettuare il salto.

Il team Polti-Kometa è riuscito a distinguersi anche oggi – Foto: Cor Vos

Sembrava subito che il gruppo fosse pronto a seppellire l'ascia di guerra e Maestri e Pietropone sono riusciti presto a concludere. Il vantaggio dei corridori del team Polti-Kometa era già di oltre due minuti dopo soli venti chilometri. In gruppo gli uomini dell'Alpecin-Deceuninck hanno tenuto un buon ritmo, ma certamente non estremo. La squadra belga sperava di vincere la tappa oggi con il suo corridore Caden Groves e non si è sottratta alle proprie responsabilità.

READ  Il ciclista Voss è anche il migliore nella seconda tappa del Giro di Scandinavia

Turbolenza nel gruppo, corridori in contropiede
Di conseguenza, il vantaggio della capolista ha continuato a oscillare per qualche tempo intorno ai due minuti e mezzo, ma Alpecin-Deseuink ha poi aumentato il divario fino a circa quattro minuti. Questo si è rivelato subito il massimo vantaggio per Maestre e Pietropone, che non si facevano illusioni sulla possibilità di una vittoria di tappa. Bisognava aspettare l'inevitabile ricompattamento, ma Davide Ballerini aveva altri progetti e riportava in vita il birrificio con un contrattacco.

L'italiano non è riuscito a scappare, ma è riuscito a ispirare gli altri corridori a prendere la decisione. All'improvviso si è creato un grande scompiglio nel gruppo, poiché venivano attaccati ad ogni curva. Tuttavia, Alpecin-Deceuninck e BORA-hansgrohe (reclutati da Danny van Poppel?) hanno approfittato di una partita meno entusiasmante, riuscendo a stroncare sul nascere gli attacchi e scoraggiare così gli altri avventurieri. Nel gruppo è diventato più tranquillo, il che ha permesso anche ai fuggitivi di avanzare un po'.

Tadej Pogacar brilla con la sua maglia rosa – Foto: Cor Vos

Ma Maestri e Pietropone si sono rivelati un uccello per il proverbiale gatto, anche se erano comunque i primi a finire il primo sprint della giornata. A Mondragon, Pietropon ha sfruttato appieno il suo compagno di squadra, ma noi cercavamo principalmente di correre veloce nel gruppo. Tim Merlier – sofferente per un dolore all'anca dopo una caduta nella cronometro – è stato molto veloce ad avere la meglio su Jonathan Millan, Olaf Koeg e Caden Groves ed è riuscito ad aggiungere altri sei punti.

Thomas cade ma ritorna
Dopo la gara intermedia a Mondragon, il ritmo del gruppo è aumentato notevolmente, pensando all'arrivo in montagna. A meno di sessanta chilometri dalla fine, il gruppo è stato improvvisamente travolto dalla collisione di uno dei corridori più importanti della classifica. Geraint Thomas è caduto subito dopo la rotonda. Il 37enne britannico non sembrava troppo preoccupato, ed è subito tornato in moto ed è stato accolto dai suoi compagni di squadra Tobias Vos e Ben Swift.

READ  Sportcourt: il Campionato del Mondo di Motocross parte senza il Campione del Mondo Hurlings | gli sport

Dopo un breve inseguimento, Thomas è riuscito a ricongiungersi al gruppo, giusto in tempo per la cruciale e difficile zona collinare verso il traguardo di Napoli. Dopo la seconda e ultima gara intermedia a Giuliano in Campania – dove Groves è riuscito a ben figurare – è iniziato il conto alla rovescia per la prima e unica salita di giornata: Monte di Procida (4,1 km al 3%). Su questa salita non c'è stato da aspettare i fuochi d'artificio, ma i primi corridori erano già usciti – con Fabio Jacobsen e Merlier.

Costeu e Alavelli colorano la finale – Foto: Cor Vos

L'attacco di Alaphilippe apre la finale
Anche se nella prima salita non è successo molto, il percorso è diventato pienamente vivace nella successiva discesa verso Lucrino (1,1 km al 6,7%). È stato nientemeno che Julian Alaphilippe ad aprire la palla riuscendo a superare i primi attaccanti Pietropon e Maestre. Il francese, secondo nella tappa sterrata dopo Rapolano Terme, ha ricevuto la “marcatura” da Alpecin Desoninck su Nicola Konce. Saltano anche Louis Aski (Groupama-FDJ), Kevin Vermaerke (DSM-Firmenich) e Eoin Kostyo (Arkéa-B&B Hotels).

Questi sette corridori – Pietropone e Maestre sono riusciti a connettersi – hanno costruito un vantaggio di circa venti secondi. In altre parole, il gruppo non era lontano e sembrava avere ancora il controllo. Nel gruppo di testa, Koonce sembrava non voler partecipare e questo non ha aiutato la cooperazione. Alaphilippe e Cousteau hanno deciso di staccarsi insieme dal gruppo e proseguire uniti la corsa verso l'ultima salita di giornata.

Il trendsetter Alaphilippe non si arrende
I due francesi speravano di iniziare con vantaggio la salita finale (3,2 km al 4,4%) verso la storica zona di Posillipo, nel sud-ovest di Napoli. Solo: nel gruppo debole Alpecin-Deceuninck e Lidl-Trek sono riusciti a ritrovarsi nella voglia di sprint. Il vantaggio di Alaphilippe e Cousteau continuava a diminuire e prima dell'inizio della salita finale una fusione sembrava essere una realtà. I due leader hanno iniziato la salita finale con un leggero vantaggio, ma sembrava una battaglia contro ogni previsione.

READ  Breakdancer India Sardjoe (16) vince il titolo di Coppa del Mondo per il suo sogno olimpico | un altro sport

Tuttavia, la parola resa non è nel dizionario di Alaphilippe. Il due volte campione del mondo ha tolto un'altra marcia dalle gambe, ha salutato il connazionale Cousteau e ha espresso la speranza di arrivare in solitaria al traguardo di Napoli. Tuttavia, nel gruppo dietro di loro, i coltelli erano affilati e abbiamo dovuto attendere la risposta di uno dei perforatori. Poco prima della vetta, Jonathan Narvaez ha visto che era arrivato il suo momento. Il vincitore della tappa inaugurale di Torino ha accelerato sull'Alaphilippe vuoto.

Jonathan Narváez si avvicina ad un'altra vittoria, foto: Cor Vos

Kooij vince dopo un vero thriller
Mentre il coraggioso Alaphilippe è stato catturato e lasciato indietro dal gruppo, Narváez ha iniziato gli ultimi sette chilometri pianeggianti con un vantaggio. A due chilometri dal traguardo il suo vantaggio era di dieci secondi, ma sono bastati per sorprendere i veloci? Sembrava così per molto tempo, ma si è scoperto che Narvaez non è stato in grado di mantenere il suo vantaggio nella vera finale di Hitchcock. A causa del grande giro compiuto dal maglia rosa Pogacar – al servizio del compagno di squadra Juan Sebastian Molano – i corridori continuano a tuonargli contro.

Il povero Narváez viene superato da Milan e Kooij a soli 50 metri dal traguardo. L'italiano è stato il primo a partire, ma questa volta l'olandese lo ha chiaramente fermato. Quigg deve ancora superare i suoi rivali nelle prime fasi dello sprint, ma a Napoli è stato un successo per il 22enne. Al secondo posto si piazza Milano, al terzo Molano.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24