Gli abitanti delle città viaggiano in tutto il mondo con gli stessi schemi

Ciò che già sapevi intuitivamente è ora limitato alla legge: le persone spesso non tendono a percorrere lunghe distanze all’interno delle città. Era già noto che la distanza percorsa dalle persone nelle città di tutto il mondo ha uno schema prevedibile, e ora sembra anche che la frequenza con cui lo fanno abbia uno schema prevedibile.

Ricercatori Sensitive City Lab Dall’US Massachusetts Institute of Technology ha esaminato i dati telefonici di grandi gruppi di individui provenienti da sette aree metropolitane di tutto il mondo, e ogni volta è stata trovata la frequenza di viaggio verso luoghi legati alla distanza da coprire. I movimenti di viaggio non sono mai stati visti in questo modo prima. Scrivono questa settimana a natura.

I viaggi la dicono lunga sugli scambi economici e culturali e la comprensione è utile per progettare le città e il trasporto al loro interno. I movimenti di viaggio sono anche legati, ad esempio, allo sviluppo dell’epidemia. Questo è il motivo per cui sono state fatte così tante ricerche. Spesso questo si riferisce al numero di persone che effettuano i movimenti di viaggio e alla distanza che li percorrono. Ma anche la frequenza è importante. Finora, questo è stato cercato solo per individui, non ancora per molti individui contemporaneamente.

Differenze geografiche

I ricercatori hanno esaminato i dati dei telefoni cellulari raccolti tra il 2006 e il 2013. I dati – per un totale di otto miliardi di punti dati – sono stati resi anonimi, ma gli stessi dispositivi possono essere monitorati nel tempo. Hanno scelto città che differiscono geograficamente e culturalmente: Boston negli Stati Uniti, Lisbona, Puerto e Braga in Portogallo e Singapore, Dakar in Senegal e Abidjan in Costa d’Avorio. Le città erano divise in blocchi di 500 x 500 metri o 1 x 1 km. La massa “posizione casa” degli utenti di telefoni cellulari è stata stimata determinando dove trascorrono la maggior parte del tempo durante la notte. Per ogni sito nella rete, sono stati quindi determinati il ​​numero di visitatori unici, la distanza dall’area di residenza e il numero di visite durante un determinato periodo.

READ  Niels de Winter vince Eos Pipette 2021

Da questa analisi è stata formulata una legge di misura riproducibile dei flussi di popolazione nei luoghi rispetto alla distanza e al tempo. Sebbene la dimensione dei flussi varia a seconda dei diversi siti, mostrano un raggruppamento spaziale sistematico. I ricercatori chiamano la loro legge Legge sulla visita globale per la mobilità umana Può essere descritto come segue: Il numero di visitatori del sito web diminuisce con la casella inversa del prodotto della frequenza di visita e della distanza percorsa. In altre parole: il numero di visitatori è prevedibilmente in diminuzione per tutti i siti della città, in termini di frequenza delle visite e distanza percorsa. Il nuovo paradigma si allinea con i modelli trovati in precedenza nei movimenti di viaggio e con ricerche precedenti e minori sulla frequenza dei viaggi degli individui.

Un video di ricercatori che spiegano il loro lavoro:

Laura Alessandretti e Sohn Lehmann, matematico applicato presso la Technical University di, commentano la ricerca danese pubblicata anche questa settimana. natura stato. “Questa è una tale scoperta.”

Nel commento è chiamata una “scoperta fondamentale”.

Alessandretti e Lehmann scrivono che la ricerca sui movimenti di viaggio è decollata negli ultimi anni, grazie alla maggiore disponibilità di dati precisi su dove si trovano le persone in determinati momenti. Quindi grazie al cellulare. I modelli esistenti sono davvero migliorati enormemente. Ma questa ricerca individua un elemento finora mancante: la frequenza delle visite. È una scoperta fondamentale. “

Tuttavia, non tutte le domande trovano risposta con questo, secondo Alessandretti e Lehmann. Il modello ruota attorno alle città e non è chiaro se possa essere applicato anche ad aree meno densamente popolate. Il modello dipende molto anche dall’ubicazione delle case delle persone. “Gli autori presumono che le persone tornino a casa immediatamente dopo aver visitato un sito. Ma spesso le persone visitano i luoghi in un ordine specifico, ad esempio dal lavoro al supermercato o in palestra e poi a casa”. Un modello in grado di catturare anche sequenze di viaggio è la chiave per previsioni veramente buone sul comportamento “nel mondo reale”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24