Gli afgani nella valle del Panjshir continuano a opporsi ai talebani: entrambe le parti rivendicano il successo | All’estero

Diverse migliaia di oppositori armati degli estremisti talebani, che avevano già ampiamente controllato il Paese, si sono radunati nella provincia del Panjshir dopo la caduta della capitale, Kabul. Gli estremisti musulmani affermano di aver circondato la valle. I negoziati tra i due campi sembrano essere falliti. Si dice che i combattenti talebani siano riusciti a isolare la valle da Internet e dal telefono. Chiuse anche le strade di accesso.

Giovedì, i talebani hanno affermato di aver guadagnato terreno. “Abbiamo iniziato la nostra operazione dopo negoziati falliti con un gruppo armato locale”, ha detto un portavoce dei talebani. Hanno subito perdite enormi”.

Il gruppo di miliziani ed ex soldati che si sono nascosti nella regione montuosa contrasta con questo. Le cosiddette Forze di Resistenza Nazionale affermano di controllare ancora tutti gli accessi alla valle. Un portavoce ha detto che i talebani in particolare hanno subito pesanti perdite.

I belligeranti non hanno fornito alcuna prova a sostegno delle loro affermazioni.

Ascolta anche una nuova puntata del podcast Difesa e Sicurezza Internazionale Delta Tango Con il guerriero afghano Lodi de Vos:

Ciò rende difficile verificare esattamente quanti combattenti sono stati uccisi. Nel frattempo, i talebani sembrano prepararsi a introdurre un nuovo governo. Questo potrebbe effettivamente accadere venerdì.

READ  L'avvocato "pro-Trump" per i combattenti del Campidoglio scompare senza lasciare traccia | All'estero

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24