Gli scienziati mostrano il quarto caso di cornacchie nere, dopo il quale gli uccelli emettono anche quattro gridi precisi

Ciò dimostra che questi uccelli sono più intelligenti di quanto pensassimo.

I corvi sono tra gli animali più intelligenti della Terra. Sono considerati particolarmente intelligenti per la loro capacità di risolvere problemi complessi, utilizzare strumenti, comunicare e imparare dall'esperienza. Non è un caso che gli scienziati adorino studiare questi animali. In Studi recenti I ricercatori hanno condotto ancora una volta un affascinante esperimento comportamentale con questi uccelli intelligenti. Ciò ha portato ad una scoperta sorprendente.

Corvi
Sebbene la cornacchia nera appartenga al gruppo degli uccelli canori, non è esattamente conosciuta per il suo bel canto. Sappiamo che i corvi hanno una straordinaria capacità di apprendimento. Ad esempio, ricerche precedenti hanno dimostrato che i corvi possono contare. “Hanno anche un eccellente controllo della voce”, afferma il ricercatore Andreas Nieder. “Possono scegliere attentamente se vogliono fare rumore o meno”. Ha dato un'idea a Neder. Perché anche Black Crow potrebbe combinare queste due abilità?

Esperienza
A tre diversi corvi neri è stato assegnato il seguente compito: quando vedevano un particolare insieme di numeri arabi o sentivano suoni specifici, dovevano rispondere in modo appropriato. Ad esempio, se vedevano il numero tre, dovevano urlare tre urla, e se vedevano il numero quattro, dovevano urlare quattro urla. Dovevano quindi terminare la sequenza premendo un tasto. I ricercatori sono rimasti stupiti. “Tutti e tre gli uccelli hanno avuto successo”, afferma Nieder. “Erano in grado di contare le loro urla”.

ritardo
Tuttavia, gli uccelli impiegavano un po’ di tempo a rispondere dopo aver visto o sentito l’allarme, soprattutto se erano necessarie ulteriori urla. Questo ritardo non è stato influenzato dal tipo di stimolo, visivo o uditivo. “Ciò suggerisce che i corvi sviluppano un concetto numerico astratto basato sulle informazioni fornite”, spiega Nieder. “Quindi lo usano per pianificare le loro grida prima che emettano un suono.”

READ  Gli studenti combattono la fatica degli esami con i beta-bloccanti

Urla
Questa scoperta è stata confermata quando i ricercatori hanno osservato che ciascun corvo emetteva suoni separati durante la sequenza. “Osservando le proprietà acustiche del primo grido della serie, siamo stati in grado di prevedere quante urla il corvo avrebbe emesso”, afferma Nieder.

errore
Ma i Ravens a volte hanno commesso degli errori. “Gli uccelli a volte commettevano errori di conteggio ed emettevano troppi o troppo pochi suoni”, ha detto Nieder. “Ciò è accaduto quando hanno dimenticato quanti suoni avevano già emesso o dovevano ancora emettere. Possiamo anche riconoscere questi errori da come suonavano i suoni.”

Nonostante ciò, i ricercatori sono rimasti molto colpiti. La capacità di emettere un certo numero di urla richiede una buona combinazione di abilità aritmetiche e controllo del suono della voce. “I nostri risultati mostrano che non solo gli esseri umani hanno questa capacità”, conclude Nieder. “Ciò significa anche che i corvi possono comunicare in modo avanzato”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24