TGcomnews24

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Groenewegen è tornato, ma arriva da un profondo burrone: “Fabio ed io ci facciamo saltare in aria”

Ci volle molto tempo prima che Groenewegen potesse pensare di nuovo ai concorsi. Inizialmente, martedì in una conversazione iniziale con un gruppo di giornalisti, ha detto che aveva problemi a perdonarsi per il suo errore. “Ovviamente ho intenzione di uscire dalla mia linea. Ho continuato a sentire questa esplosione.”

L’esplosione, il rumore della staccionata che colpisce l’asfalto, non riuscirono a togliergliela dalla testa. “Non è stata un’azione deliberata far cadere qualcuno. È successo in un lampo e le cose sono andate molto velocemente. A volte puoi correggere qualcosa in uno sprint veloce, ma a 85 all’ora non è possibile. È davvero difficile. La risposta diminuisce quando guidi più veloce. “

Ora, dopo quasi nove mesi di “incidente”, come lui stesso si riferisce, è meglio che gli dia un posto. Soprattutto perché, come ha ripetutamente indicato, si sente sollevato dal fatto che Fabio Jacobsen stia facendo di nuovo un buon lavoro. Quel Jacobsen Tornato di recente In un tour della Turchia.

“Io e Fabio viziamo i nostri cuori”.

Proprio prima di quella partita, i due hanno parlato fisicamente per la prima volta in una stanza ad Amsterdam. “Ci svuotiamo i cuori. E ‘stata una bella conversazione. Preferisco mantenere quanto si è detto tra me e Fabio. Ma è molto bello che sia avvenuta questa conversazione. Adesso noi atleti guardiamo di nuovo avanti”.

Nel video circolare qui sotto, guarda l’incidente e parte dell’unica intervista che Dylan Gronwigen ha rilasciato davanti alla telecamera da allora e poco dopo.