Guarda i primi segni della malattia di Alzheimer nei tuoi occhi – Wel.nl

Gli occhi sono più di una semplice finestra sull’anima: sono anche un riflesso della salute cognitiva di un individuo.

“L’occhio è una finestra sul cervello”, ha detto alla CNN l’oculista Dr. Christine Greer. “Puoi vedere direttamente nel sistema nervoso guardando la parte posteriore dell’occhio, verso il nervo ottico e la retina.”

Un giorno, i medici potrebbero essere in grado di utilizzare esami della vista per identificare il declino cognitivo subito dopo l’inizio.

La ricerca ha esplorato come l’occhio può aiutare a diagnosticare la malattia di Alzheimer prima che inizino i sintomi. La malattia è ben avanzata con cambiamenti comportamentali e vacillamento della memoria.

“La malattia di Alzheimer inizia nel cervello decenni prima che compaiano i primi sintomi della perdita di memoria”, afferma il dottor Richard Isaacson, un neurologo specializzato nella malattia di Alzheimer.

Se i medici possono identificare la malattia nelle sue fasi iniziali, ha detto Isaacson, le persone possono scegliere stili di vita sani e controllare “fattori di rischio modificabili, come ipertensione, colesterolo alto e diabete”.

Quanto presto possiamo vedere segni di declino cognitivo? Per scoprirlo, i ricercatori hanno raccolto campioni di tessuto retinico e cerebrale da 86 donatori umani con malattia di Alzheimer e decadimento cognitivo lieve per un periodo di 14 anni, la più grande raccolta di campioni retinici mai studiata, secondo gli autori.

“Il nostro studio è il primo a fornire analisi approfondite dei profili proteici e degli effetti molecolari, cellulari e strutturali dell’Alzheimer nella retina e di come si relazionano ai cambiamenti nel cervello e nella funzione cognitiva”, ha detto la ricercatrice Maia Koronio. Hamwi, professore di neurochirurgia e scienze biomediche al Cedars-Sinai di Los Angeles, ha dichiarato in una nota.

READ  Gli alimenti industriali altamente trasformati aumentano il rischio di cancro del colon-retto negli uomini

“Questi cambiamenti nella retina sono collegati ai cambiamenti nelle parti del cervello chiamate corteccia entorinale e temporale, che sono il fulcro della memoria, della navigazione e della percezione del tempo”, ha detto Kuroneo Hamoui.

“Questi risultati potrebbero alla fine portare allo sviluppo di tecnologie di imaging che ci consentono di diagnosticare l’Alzheimer prima e in modo più accurato e di monitorare in modo non invasivo la sua progressione guardando attraverso l’occhio”, ha detto Isaacson.

fonti): Cnn

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24