Helmut Marko si scusa per le osservazioni discriminatorie contro Perez

Helmut Marko, consigliere del team Red Bull Racing, è da giorni sotto accusa per una dichiarazione discriminatoria nei confronti di Sergio Perez. L’austriaco sembra collegare le origini di Perez alla sua deludente prestazione in pista. Dopo la critica a questa affermazione Marco ora si è scusato per le parole, ritenute estremamente offensive.

All’inizio di questa settimana, Marco ha frequentato un programma austriaco Servo TV. Nella trasmissione ha analizzato le prestazioni dei piloti della Red Bull. Le cose peggiorarono quando la conversazione arrivò a Sergio Perez. Secondo Marco, Pérez si è comunque comportato meno bene a causa delle sue origini messicane. “Come tutti sappiamo Perez ha problemi in qualifica. Non dimentichiamo che viene dal Sud America, quindi non è concentrato come ad esempio Max Verstappen o Sebastian Vettel”

È stata una grande affermazione quella di Marco per diversi motivi. Anche perché il Messico non è in Sud America ma in Nord America. La Formula 1 vanta anche molti piloti leggendari provenienti dal Sud America, tra cui Juan Manuel Fangio e Ayrton Senna. In totale, i piloti del continente hanno vinto 147 gare e 13 campionati di Formula 1.

Marco di certo non gli era grato per quella affermazione. Red Bull e Pérez sono rimasti in silenzio, ma molti fan online hanno chiarito che Marko era andato oltre. Ci sono molte critiche nei confronti dell’austriaco su varie piattaforme, con la solita spiegazione che accusare qualcuno di fare meno rendimento a causa della sua origine si avvicina molto alla definizione di razzismo. Molte persone stanno anche facendo paragoni con il pilota della Red Bull Junior Juri Vips, che è stato espulso senza troppe cerimonie dalla Red Bull Junior Academy dopo aver usato un’imprecazione razzista.

READ  Williams rivela la causa dell'esplosione del disco del freno Albon

Risposta di Marco

Lo stesso Marco ha reagito con sorpresa al trambusto. OE24 Alla richiesta di rispondere alle critiche, Marco ha risposto: “Non ce l’avevo [als iets racistisch] Su di me. Intendevo solo che un messicano ha una mentalità diversa da un tedesco o da un olandese. Ma chissà, forse Chico ha la situazione sotto controllo”.

Questa non è la prima volta che Marko utilizza le qualità di Perez come spiegazione per la prestazione del pilota. Dopo che Perez ha vinto il Gran Premio dell’Azerbaigian all’inizio di quest’anno, Marko ha dichiarato: “Prima di unirsi a noi, Perez era un pilota messicano che si godeva la vita. Adesso fa anche il lavoro necessario. Nel 2022, Marco si riferiva erroneamente anche al Sud America come al continente natale di Perez. “Essendo sudamericano, ovviamente ha molti alti e bassi.” Marko ha fatto ancora una volta riferimento al passato del suo pilota in Arabia Saudita, quando un attacco missilistico vicino alla pista ha causato qualche incertezza sul tracciato. “Max non ha paura, ma Pérez ha molta paura, anche se non è molto diverso da come viveva a Città del Messico.

Ampie scuse

Ancora una volta, la risposta iniziale di Marco non è stata ben accolta, poiché la sua difesa era in gran parte una reiterazione di ciò che era considerato problematico. L’organizzazione del Gran Premio del Messico ha addirittura reagito condannando le parole dell’austriaco. “Vorremmo esprimere il nostro sostegno al pilota messicano Sergio Perez”, ha detto il sito web della gara. Ha aggiunto: “Le reazioni inappropriate non hanno posto in nessun contesto, e quindi non nello sport. È importante prendere le misure necessarie per prevenire questo tipo di comportamento e che le persone si scusino ove necessario. Incoraggiamo tutti ad essere più rispettosi di ciascuno”. altro e partecipare alle competizioni.” In salute, sia dentro che fuori dalla pista.

READ  Ron sconfigge il campione in carica Djokovic nei caotici quarti di finale a Roma | un altro sport

Dopo aver visto che la sua prima pausa non era stata gestita bene, Marco si è unito nuovamente a ServusTV venerdì. Lì si è scusato profusamente con Perez e i tifosi. “Riguardo al mio commento su Sergio Perez di lunedì scorso, vorrei scusarmi per le mie parole offensive”, ha detto Marco. “Voglio chiarire ancora di più che non credo assolutamente che si possano fare generalizzazioni su persone di qualsiasi paese, razza o etnia. Stavo cercando di sottolineare i risultati contrastanti di Chico quest’anno. “È stato un errore collegare questo alle sue origini culturali”.


Numero di deposito del GP olandese per Rivista di Formula 1 Disponibile ora nei negozi e può anche essere ordinato online, con consegna gratuita in tutti i Paesi Bassi! Godetevi lo straordinario Gran Premio d’Olanda a Zandvoort, in parole e immagini. Gli esperti della pista esprimono il loro punto di vista sull’altissimo livello di prestazioni di Max Verstappen. Questo problema include anche:

  • Lo spettacolo reale di Verstappen a Zandvoort: ‘Il massimo è più vicino alla perfezione’
  • Report: i giorni di Sergio Perez alla Red Bull sono contati?
  • Andre Rieu commuove 100.000 fan con Wilhelmus: “Questo è un vero highlight”
  • Impollinazione incrociata Red Bull e Alinghi: Formula 1 in acqua
  • Reportage fotografico di Andreas Terlak: Sui gabbiani, una spazzatrice e una natura morta
  • Colonne di Rob Kamphius e Nelson Falkenberg
  • E anche i racconti più belli e le immagini più belle dello strepitoso Gran Premio d’Olanda

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24