Hermann Hill e Hugo Croesen su SOGO: “Questo è il business del futuro”

Diversi imprenditori hanno recentemente sospeso i loro piani di crescita. Hermann Hill e Hugo Croesen non lo fanno. In effetti, hanno aperto una breccia nel mercato creando un franchising della catena di pizzerie Sogo. “Questo è il nuovo modo di fare affari”.

Testo: Iris Kranenburg
Foto: oa Pim Ras

Sogo Pizza

Se attraversi Vredenburg a Utrecht, troverai Sogo. Pizzeria accogliente, ben arredata e contemporanea. Sempre affollato e noto per la sua pizza romana quadrata e ariosa, allestita dietro il bancone. ho trovato Ristorante Gli imprenditori Herman Hell e Hugo Kruijssen sono anche a Rotterdam, Amsterdam ed Eindhoven. Ne hanno sette. Bello, ma di per sé non molto speciale. Questo si è rivelato un equivoco.

Doppia rotazione grazie al contatore Sugo

Perché il Sogo Restaurant ora è molto più grande di quei 7 ristoranti normali. Ci sono anche sedici imprenditori della ristorazione nei Paesi Bassi e tre in Belgio che “detengono” il marchio Sugo, come si chiamava allora, e da esso generano una quantità significativa di vendite aggiuntive. Hell e Kruijssen hanno recentemente sviluppato una build in franchising per questo scopo.

Questi non sono ristoranti completi di Sugo, come gli stessi ristoranti Hell e Kruijssen. Prendi la gelateria Tw-ice a Brielle. I proprietari hanno sostituito alcuni dei tavoli con una scala sogo. Nessun posto a sedere, solo un punto problematico per andare e scendere. Il risultato? Le vendite sono raddoppiate senza investire in ulteriori metri quadrati e personale. Inoltre, l’azienda può ora essere gestita nei termini autunnali e invernali. Di solito quelle erano le stagioni in cui la gelateria era chiusa.

Marco Bank è anche franchisor. Ha messo un contenitore sogo con un balconcino sul balcone del suo ristorante Wilskracht a Rotterdam, per andare a consegnare. Con Willpower, non aveva un prodotto che potesse facilmente collegare, con la Sugo Pizza che ha ora. Il concetto di Sugo può essere trovato anche in un container nella residenziale Spijkenisse Street e persino l’Università di Scienze Applicate di Rotterdam ha un bancone.
Poi ci sono un certo numero di imprenditori che non hanno un bancone o un contenitore di soju, ma servono la pizza. Ad esempio dalla cucina del loro attuale ristorante o da una cucina buia. Non esiste una sede fisica, ma visibile solo online. Sugo nel cloud, come “marchio virtuale”.

READ  Eredivisie diretta: PSV Eindhoven rapidamente dietro PEC Zwolle | calcio

Pizza

Questo è il futuro

“Questo è il lavoro del futuro”, affermano con fermezza Hell e Kruijssen. Gli uomini hanno rilevato la catena di ristoranti Sogo nel 2018, quindi hanno acquisito tre ristoranti. Hanno continuato a sviluppare il concetto e le ricette e volevano crescere. Che questo stia accadendo ora attraverso la formula del franchising non era una pianificazione, ma piuttosto il risultato di chiusure. Kruijssen: Prima di Corona, non facevamo molte consegne e partenze. Abbiamo dovuto farlo perché i ristoranti hanno chiuso”. La filiale di consegna dei loro ristoranti stava andando bene, ma i due volevano creare più punti vendita senza dover aprire loro stessi nuovi e costosi locali. Hanno fatto una prova in uno degli altri esercizi di ristorazione in Hell. Dice: Durante il primo arresto, abbiamo iniziato con un’installazione temporanea di Sogo a Van Xanten a Rotterdam. In realtà abbiamo ridotto il concept originale a pochi metri quadrati. catturato. Marco Bank, un simpatico imprenditore della ristorazione, è stato il primo con cui abbiamo deciso di costruire un franchising per il go-and-delivery”.

Ristorante Sogo

Come funziona questa collaborazione con Sugo?

Inferno: “Forniamo attrezzature da cucina, come un forno speciale per pizza e un banco da lavoro di raffreddamento, visibilità su tutte le piattaforme online, guida aperta, processo di progettazione e formazione. Di recente abbiamo assunto qualcuno per guidare gli affiliati su questo”. Croisen aggiunge: “Offriamo anche basi per pizza. Otteniamo diversi tipi di farina dall’Italia e lasciamo lievitare l’impasto qui per 72 ore. I fondi sono realizzati nella nostra panetteria centrale a sud di Rotterdam. Quindi la qualità è la stessa ovunque venda Soju. L’imprenditore, infatti, deve solo completare la domanda con la classe che ci chiede, predisporre i suoi portabici ed eventualmente utilizzare il marketing locale”.

READ  Primo titolo ATP per Sebastian Korda | sport

Vuoi rimanere aggiornato su consigli, tendenze e novità? Registrati per ricevere le nostre ultime notizie!

Quanto paga un uomo d’affari per questo? “Importo una tantum per investimenti (massimo ventimila euro con un contatore e fino a diecimila euro per un marchio virtuale), tasse di franchising e contributo marketing al volume delle vendite”, afferma Kruijssen. Secondo i due, chiunque avvii una collaborazione del genere può effettivamente vendere la pizza di Sugo dopo quattro settimane. “Ma non lavoriamo con tutti gli imprenditori”, dice subito Hell. “Dobbiamo avere un buon feeling con qualcuno, deve avere la capacità di farlo bene e deve adattarsi al proprio concetto”. Continua dicendo che i negozi di Poke Bow, i toko, i cocktail bar, i caffè, le gelaterie e le mense sono adeguati. “Ma pensa anche a un club di hockey che vuole una pizza sana dopo un allenamento. Le aree di medie dimensioni sono le più interessanti. C’è meno concorrenza per la consegna e ci vivono abbastanza persone”.

succo

Zaino sul successo

Ogni giorno la domanda arriva da un uomo d’affari interessato. All’inferno non importa. “Aprire una nuova attività non è molto allettante in questo momento con tutti gli investimenti necessari. Per non parlare del trovare i dipendenti. Costruendo questo franchising, l’imprenditore beneficia del successo del nostro marchio, fa un uso ottimale dei suoi metri quadrati e dei suoi personale e garantisce un flusso di reddito complementare”.
Rotterdamer continua: “Ha anche più momenti di punta e raggiunge un gruppo target che altrimenti non raggiungerebbe. Infine, chiunque può fare una buona pizza con questa formula. È più difficile con un hamburger, perché ognuno la cuoce in modo diverso”.
E il futuro del soju? Con questa build, gli imprenditori credono di poter rispondere in modo intelligente al mercato attuale e puntare alla crescita. Kruijssen: “Puntiamo da trenta a quaranta punti vendita entro la fine del prossimo anno. Un panificio centrale può gestire bene questa capacità. Il nostro sogno è essere disponibili in tutti i Paesi Bassi e in Belgio entro pochi anni. Tutti dovrebbero essere in grado di mangiare la pizza calda di soju a casa entro mezz’ora”.

READ  Max Verstappen vince il Gran Premio degli Stati Uniti, estende il vantaggio in Coppa del Mondo | sport motoristici

CV Hermann Hill (45)

Vent’anni fa Herman Hell ha aperto De Hofnar a Rotterdam. La sua società Hell’s Kitchen Horeca Groep ora comprende nove società, come NRC e Het Zalmhuis a Rotterdam e Het Wapen van Willemstad a Willemstad. Nel 2018 ha assunto la gestione della catena Sugo (allora tre siti) con Hugo Kruijssen. Inoltre, Hell è un editorialista regolare per la rivista Entrance.

Biografia HUGO KRUIJSSEN (40)

Durante i suoi studi (Scuola di informatica alberghiera e commerciale) Hugo Croesen ha fondato una società di informatica. Il post vendita gira il mondo per le aziende orientate alla tecnologia. L’idea di tornare un giorno nel settore dell’ospitalità gli era rimasta in testa. Nel 2018, abbiamo avuto l’opportunità di prendere le prime sedi di Sugo e sostituire la sua carta frequent flyer con forni per pizza.

Sugo è stato nominato per i premi d’ingresso! Guarda gli altri candidati nella categoria Next Generation qui

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24