I “bolsonaristi” continuano a sostenere il presidente brasiliano nonostante i problemi

Luis Augusto si adatta al quadro che il politologo Guilherme Casares dipinge per i seguaci di Bolsonaro. Ha passato anni alla ricerca di Bolsonaro e dei suoi sostenitori. “Sono per lo più bianchi e leggermente più anziani degli uomini della classe media”.

“Abbiamo un governo di sinistra da 13 anni e Bolsonaro si descrive come un anti-sinistra”, ha detto Casares. “Ha anche introdotto un nuovo elemento nella politica brasiliana: la fede. Questo presidente è religiosamente nazionalista e attrae molte persone. Ma Bolsonaro è anche particolarmente anti-establishment e dice di combattere la corruzione nella politica brasiliana”.

Bolsonaro è stata una vittima

Questa lotta contro l’ordine costituito tocca le corde di molti “bolsonaristi”. “Il nostro presidente sta combattendo il sistema”, spiega Luis Augusto. “Il sistema lo attacca costantemente perché vogliono sbarazzarsi di lui”.

“Bolsonaro ha fatto abbastanza bene a posizionarsi come vittima”, dice il politologo Casares. “È una vittima del sistema, della stampa, dei conservatori, della Corte Suprema. Sui social si lamenta costantemente di essere frustrato e questo è un modo popolare ed efficace per mantenere il supporto”. Casares paragona Bolsonaro a un leader di setta: “È impeccabile, Bolsonaro non commette errori. Se critichi, ti escludi dal movimento”, ha detto il politologo.

Louise Augusto dovrebbe sorridere un po’. “Naturalmente il presidente è una vittima. Stanno cercando di screditarlo da tutte le parti. Dipingono Bolsonaro come un presidente incapace in modo che non abbia alcuna possibilità nelle elezioni del prossimo anno”.

Luis Augusto non pensa che funzionerà. “Abbiamo un presidente per il quale la gente scende in piazza, mentre nessun altro candidato può radunare la gente. La strada è nostra”.

READ  Continuano i negoziati sull'accordo con l'Iran, ma ci sono poche speranze per una svolta

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24