I colombiani sono arrabbiati, fanno una guerra semi-violenta: perché? Troppe ragioni

Nonostante il lungo blocco, ai politici professionisti colombiani non manca nulla, ma osano imporre una “tassa sugli acquisti”. Questi politici sono separati dal popolo e il popolo è arrabbiato. Ha costruito barricate e ora sta conducendo una guerra quasi violenta.

Lo chiamano mono (scimmia), ha 21 anni e indossa un passamontagna, un casco da muratore, una tuta da ginnastica e uno scudo medievale per le gambe sui pantaloni della tuta. La piastra metallica è usata come scudo dai proiettili della polizia. A proposito di questo disco ha detto: “Questa è la mia ragazza, il mio letto, la mia protezione”. Era stato accampato giorno e notte in un incrocio fortificato nella città colombiana di Cali per una settimana e mezza. ‘Perché? molte ragioni. Troppe ragioni.

“Mono” in uniforme da combattimento temporanea in piazza Puerto Rezistencia.Immagine di Juste de Vries

Il presidente Ivan Duque aveva allagato il secchio della Colombia alla fine di aprile. L’ultima goccia è stata una riforma fiscale progettata per ricostituire un tesoro vacillante e continuare a pagare i costosi benefici del coronavirus alle persone più povere. Il paese sudamericano ha sperimentato uno dei blocchi più lunghi al mondo lo scorso anno, durante quel primo anno di pandemia, l’economia è scesa di quasi il 7%.

imposta

Il secondo quarto di Corona II è ormai a metà strada e la Colombia ha effettuato tante iniezioni quanti sono i Paesi Bassi, per una popolazione di 50 milioni di persone. Il presidente e il ministro delle finanze tecnocratico hanno affermato che la riforma fiscale, anch’essa accolta con feroci proteste nell’autunno del 2019, non può più essere ritardata. Ma l’IVA sulla spesa quotidiana è stata un duro colpo per uno stomaco già vuoto per molti.

11 giorni dopo la prima protesta del 28 aprile, Mono indossava un’uniforme da combattimento temporanea sulla rotatoria ribattezzata Puerto Resistencia, circondato da connazionali arrabbiati che avevano innumerevoli motivi – “ troppi ” – per protestare. Oltre alle saracinesche chiuse del panificio Brood en Brood, è stato allestito un centro di pronto soccorso con teli di plastica. Un cartello che dice: “Più biblioteche, meno stazioni di polizia”. Quest’ultimo, invece, era già inseguito e il piccolo ufficio di polizia è stato incendiato.

Luz Marina Divya, 43 anni, è venuta in piazza per manifestare per il futuro di sua figlia. “Una ragazza di 15 anni dice che vuole lasciare il suo paese”. Le lacrime le rigano gli occhi. Divya guadagna 1.400.000 pesos al mese, che è poco più di 300 euro, come operaio di guardia. I loro costi sono riassunti: più di quanto segue. “Abbiamo un paese ricco, ma ci rubano tutto”.

Luz Marina, che ha protestato contro la disuguaglianza e l'insicurezza, ha un contratto flessibile a basso salario.  Immagine di Juste de Vries
Luz Marina, che ha protestato contro la disuguaglianza e l’insicurezza, ha un contratto flessibile a basso salario.Immagine di Juste de Vries

È seguita da molti a Cali, non solo uomini come Mono, ma anche ricchi acquirenti dell’illustre centro commerciale Jardin Plaza: i politici professionisti si sono staccati dalla realtà colombiana. “Quelli al vertice, le nuove persone, i membri del Congresso e i senatori, hanno macchine molto costose, telefoni e non gli manca nulla”, dice Margarita Maria Castro, 54 anni, mentre mangia un pranzo a base di gamberetti. Solo questi politici possono immaginare l’imposizione di una tassa sulla drogheria nella “terribile” pandemia.

Vittime

All’incrocio di Puerta Resistencia, le pagine A4 sono punteggiate da nomi in un cerchio in onore delle vittime. Le forze di sicurezza colombiane hanno risposto con la forza bruta alle proteste per lo più non violente sin dal primo giorno. L’organizzazione locale per i diritti umani Temblores ha contato 47 morti al 9 maggio, “molto probabilmente” a causa dei proiettili della polizia. Tre quarti delle vittime sono cadute a Cali, una città di oltre due milioni di persone nella Valle del Cauca occidentale, dove da decenni si incontrano molti dei lati più oscuri della Colombia: povertà, violenza di droga, forze paramilitari, squadroni della morte e il più alto tasso di omicidi .

Cali, la città con la sua attivista Universidad del Valle, i quartieri popolari e molte potenti comunità indigene della zona, è diventata il cuore della rivoluzione contro la riforma fiscale e tutte le altre cause di indignazione. Gli effetti del conflitto sono visibili. I residenti passano le notti in coda per le ultime stazioni di servizio aperte e parti della città sono inaccessibili a causa dei blocchi stradali. Nei luoghi in cui si concentra la resistenza, ama la giovinezza solitaria.

Dialogo e applausi

In un tiepido tentativo di calmare le cose, il presidente Duque allungò la mano e diede un pugno all’altra mano. Pochi giorni dopo ha ritirato il codice fiscale e ha chiesto il dialogo. Questo lunedì, terrà colloqui con politici dell’opposizione e leader di “sciopero nazionale”, tra gli altri. Parole concilianti sono andate di pari passo con gas lacrimogeni, manganelli e proiettili contro gli attivisti, “sabotatori” e “terroristi”, secondo le parole del governo.

Tutti a Cali hanno le proprie ragioni per protestare per il cambiamento.  Foto dell'Agenzia per la protezione dell'ambiente
Tutti a Cali hanno le proprie ragioni per protestare per il cambiamento.Foto dell’Agenzia per la protezione dell’ambiente

L’ESMAD, l’unità di controinsurrezione pesantemente armata della Colombia, è particolarmente nota. Il servizio è stato istituito nel 1999, nel mezzo del conflitto armato in Colombia. Quello che avrebbe dovuto essere un club improvvisato è stato istituzionalizzato e professionalizzato dal presidente Alvaro Uribe (2002-2010), l’uomo che ha portato la lotta contro i gruppi armati marxisti come le FARC e l’Esercito di liberazione nazionale a livelli nuovi e più sanguinosi. L’influente ex presidente ha esortato la figliastra, Duque, a intraprendere un’azione drastica su Twitter.

Quindi paura e determinazione vanno di pari passo a Cali. Tutti hanno guardato il video del camion bianco con “ufficiali in borghese” che aprivano il fuoco sugli attivisti. Molti hanno sentito parlare del ragazzo che è stato colpito alla testa nel quartiere La Luna. Manifestanti mascherati hanno subito detto che uno di loro si è imbattuto nei posti di blocco come addetto alle consegne di cibo e ha tirato fuori un’arma, con gli occhi puntati sul ponte da cui erano stati sparati pochi giorni prima.

Ma c’è anche un gioioso orgoglio in città. Durante il sabato, canti e balli spingono la tensione alle feste di Puerta Resistencia. I clacson dei camion della “guardia originale” sono stati accolti con applausi, a simboleggiare un’efficace resistenza non violenta. Gli studenti di “UniValle” sono fianco a fianco con i membri delle organizzazioni afro-colombiane. Evangelisti ondeggianti che cantano e lodano il Signore. Domenica si terrà una parata di gay, transgender e transgender.

Ognuno ha le proprie ragioni per protestare per il cambiamento. E nessuno crede che l’incendio si spegnerà presto, nemmeno a causa del dialogo di lunedì. La mamma arrabbiata Divya vuole solo una cosa: “La testa di Duke”.

READ  Rutte ora si è offerto di mediare la faida dell'UE sull'Irlanda, o ha semplicemente chiesto pragmatismo?

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24