I fuochi d'artificio hanno un enorme impatto sugli uccelli

Milioni di uccelli volano in aria nel nostro Paese non appena iniziano i fuochi d'artificio il 31 dicembre. Non solo oche e anatre, ma anche altri uccelli popolano lo spazio aereo in gran numero. Rimangono sulle lame per molto tempo. A Capodanno ci sono in media mille volte più uccelli nel cielo del solito, con picchi che raggiungono 100.000 volte il numero normale di uccelli. Anche a dieci chilometri di distanza dai fuochi d'artificio l'effetto è grandioso. Questo è chiaro dal nuovo Una ricerca olandese pubblicata questo mese In Frontiere dell'ecologia e dell'ambiente.

I biologi che hanno guidato la ricerca, dell’Università di Amsterdam (UvA), lanciano da anni l’allarme. È uno dei pochi gruppi al mondo che utilizza radar meteorologici – come il KNMI Radar – per indagare sui disturbi degli uccelli su larga scala. In Ambiente comportamentale Hanno riferito nel 2011 Gli uccelli restano in volo in massa per almeno 45 minuti dopo Capodanno, con la massima densità a 500 metri di altitudine.

L'anno scorso hanno pubblicato un articolo ricercatori di Wageningen e Texel, anch'essi in parte affiliati all'UvA Un altro studio degno di nota. Insieme a colleghi tedeschi e danesi, hanno analizzato i dati di centinaia di oche utilizzando un trasmettitore GPS. È emerso che a Capodanno le oche volano in media dai cinque ai sedici chilometri più lontano del solito, a seconda della specie, con valori anomali che raggiungono centinaia di chilometri. Durante i primi undici giorni di gennaio, le oche trascorrono in media il 10% in più di tempo alla ricerca di cibo per compensare la perdita di energia. la rivista natura Ho ripreso e pubblicato questo articolo alla fine dell'anno scorso “Metti in evidenza la ricerca”.

READ  Si dice che le zecche mordano i bambini soprattutto nel collo e nella testa ora

E ora una nuova ricerca spinge le cose ancora oltre. “La tecnologia dei radar meteorologici sta migliorando rapidamente”, afferma il primo autore Bart Hoekstra dell'UvA. “Di conseguenza, ora puoi vedere più dettagli e, grazie a un software migliore, ora possiamo anche interpretare meglio quei dati. Ora puoi dire con maggiore precisione: questa è pioggia e questi sono uccelli. Questo è importante, perché spesso piove durante la notte di Capodanno”. Nuovo.

La nuova tecnologia fornisce anche molte nuove informazioni a livello spaziale. “Questo ci ha permesso di confrontare i dati radar meteorologici sulla mappa con i risultati del conteggio degli uccelli, che viene effettuato in modo molto dettagliato e sistematico nei Paesi Bassi”, afferma Hoekstra. Come esempio, cita i censimenti invernali su larga scala degli uccelli acquatici, coordinati da Sophon Bird Research nei Paesi Bassi e condotti da migliaia di volontari. Ma anche popolazioni di uccelli in altre aree, come foreste, prati e città. “È fantastico, perché fino ad ora ci siamo concentrati molto sugli uccelli acquatici”, afferma Hoekstra. Non sappiamo ancora come reagiscono gli altri uccelli ai fuochi d'artificio. Ora sembrano anche volare ampiamente, anche se meno degli uccelli acquatici.

Trova allarmante anche l'impatto su larga scala dei fuochi d'artificio. “Questo effetto raggiunge il suo picco entro i primi cinque chilometri, ma anche a dieci chilometri, a Capodanno ci sono ancora dieci volte più uccelli in aria del solito. Questo è davvero enorme. Volare è una delle attività ad alta intensità energetica per gli uccelli Quindi questo è un “Molto costoso da interrompere”.

Tutto questo è un motivo sufficiente per vietare i fuochi d’artificio? “Questa è una scelta politica e sociale”, dice diplomaticamente Hoekstra. Possiamo solo dire: l’impatto è significativo e diffuso. “E non è solo l'ora in cui accendiamo i fuochi d'artificio.”

READ  I paleontologi belgi hanno scoperto una nuova specie primitiva di mammifero che visse alla fine dell'era dei dinosauri

Hoekstra sottolinea che la legge sulla conservazione della natura stabilisce che non si può disturbare gli animali selvatici. “Almeno, non intenzionalmente. Quindi, se sai che qualcosa sta causando un disagio così diffuso, puoi trarne le tue conclusioni. ”

Secondo i ricercatori un divieto totale non è necessariamente necessario; Nel loro articolo, sostengono la necessità di limitare i fuochi d’artificio ai centri urbani o di creare ampie zone prive di fuochi d’artificio attorno alle aree di uccelli acquatici. Hoekstra: “Pensate alle pianure alluvionali dei principali fiumi. Ma anche, ad esempio, il quartiere Waterland, il quartiere Biesbosch e il quartiere Vichtplassen.



We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24