I ladri confondono i bancomat artificiali con quelli reali

Una rapina notevole questa settimana al Mediamatic Center for the Arts: i ladri pensavano di sfruttare il bancomat del ristorante, ma non sapevano che fosse un'opera d'arte. Trovarono solo qualche cambiamento e distrussero l'opera. Marcel Storring di Mediamatic ha dichiarato: “È un peccato per l’artista, era un’opera unica del valore di 10.000 euro”.

Esposizione Sorridi come se lo pensassi davvero Sono stato al Mediamatic Restaurant dalla Notte dei musei. Ai visitatori venivano date delle monete e una ricevuta se sorridevano alla macchinetta: un minuto di sorriso valeva un euro, ma il prezzo dipendeva dal mercato azionario.

I ladri hanno forzato la porta e hanno tentato di demolire la macchina, che era di legno, dall'esterno. Gli oggetti di valore sono stati perquisiti anche in altre parti dell'edificio, come nei registratori di cassa.

Avidità

L'artista Ignacy Radtke è triste. “Ho lavorato all’installazione per diversi mesi.” Ma può anche guardare alla rapina in una luce positiva. “È anche un complimento: Pensavano davvero che fosse un bancomat. Dà un nuovo significato al mio lavoro. Faccio ridere la gente e ottengo qualcosa in cambio. E ora l'attività è stata distrutta dall'avidità.

Non era la prima volta che Mediamatic veniva violato: proprio la settimana scorsa, un ladro aveva rubato il portatile di un dipendente alle 8 del mattino.

READ  Yvonne Coldeweiger offre un'app di valutazione a stelle aperta

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24