I leader del G20 inviano patate per il clima caldo a Glasgow

I leader del vertice sul clima del G20 a Glasgow stanno lasciando molto in sospeso per i negoziatori sul clima di Glasgow. L’incontro di domenica all’Onu è iniziato con un appello urgente.

“Questa è l’ultima e migliore possibilità per mantenere l’aumento della temperatura al di sotto di 1,5 gradi a portata di mano”, ha detto Alok Sharma all’apertura della conferenza sul clima a Glasgow domenica pomeriggio. La conferenza sul clima delle Nazioni Unite durerà fino al 12 novembre e dovrebbe raggiungere un accordo su più ambizioni climatiche e più soldi per i paesi poveri per adattarsi ai cambiamenti climatici.

Alok Sharma ha subito chiarito che si aspetta maggiori sforzi da tutti i paesi per fermare il riscaldamento globale. Ha detto: “Il mio messaggio è molto chiaro, lasciamoci alle spalle i fantasmi del passato e concentriamoci sul futuro e uniamoci attorno a una causa che conta per tutti noi: proteggere il nostro prezioso pianeta”.

Le ambizioni stanno già calando ora che la Cina, il più grande produttore mondiale di gas serra, non ha apportato un miglioramento fondamentale al suo piano climatico nazionale. Inoltre, il presidente Xi Jinping non andrà a Glasgow, come nel caso del presidente russo Vladimir Putin e del suo omologo brasiliano Jair Bolsonaro.

G20 a Roma

Un’altra battuta d’arresto è l’esito del vertice del G20 a Roma, dove anche il clima era in cima all’agenda. Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres si è detto deluso dalle 20 maggiori economie. Nuance on Twitter: “Lascio Roma con desideri insoddisfatti, ma spero almeno non sepolti”.

I risultati del dibattito a Roma sul clima sono contrastanti. Il primo ministro italiano Mario Draghi è orgoglioso che i leader del G20 riconoscano “per la prima volta” il significato scientifico di un aumento della temperatura di 1,5 gradi. Il G20 di Roma sottolinea che il riscaldamento globale dovrebbe essere limitato a 1,5 gradi. In questo modo le nazioni industrializzate ed emergenti vanno oltre il testo letterale dell’accordo sul clima di Parigi del 2015: che parla di limitare il riscaldamento a meno di 2 gradi, preferibilmente 1,5 gradi.

A Glasgow, comunque, 1,5 gradi erano dati per scontati. Un clima globale in deterioramento con più inondazioni, ondate di calore, uragani devastanti, rapido scioglimento delle calotte glaciali e allarmanti rapporti delle Nazioni Unite sul divario tra le promesse climatiche e la realtà sul terreno hanno contribuito a questa consapevolezza.

Inoltre, una bozza di testo per rendere il clima globale neutrale entro il 2050 non ha raggiunto il traguardo. I leader del G20 si attengono a “un diluito riconoscimento dell’importanza fondamentale di fermare le emissioni nette di mezzo secolo circa”. Questa versione modificata è progettata specificamente per la Cina, che non vuole diventare climaticamente neutra fino al 2060, e la Russia, che non ha alcun orizzonte climaticamente neutro.

carbone

Né il G-20 ha fatto pochi passi avanti sulla priorità assoluta che Alok Sharma vuole vincere a Glasgow: portare il carbone nei libri di storia il più rapidamente possibile. I leader del G-20 si sono limitati a promettere di interrompere il finanziamento delle centrali elettriche a carbone in altri paesi.

Questa è lungi dall’essere una data o una promessa per vietare tutta la produzione di energia a carbone. Il testo del G20 si attiene alle parole vaghe per farlo “il più rapidamente possibile”. In una precedente bozza di testo congiunto, era stata scritta la data del 2030. Pertanto, i paesi del carbone come la Cina hanno fortemente influenzato il testo finale. Nel suo piano per il clima, la Cina si impegna a non finanziare impianti a carbone altrove, ma non fissa una scadenza per l’utilizzo dell’elettricità dal carbone nel suo paese.

READ  Corre Energy, guidata dall'Irlanda, vale 62 milioni di euro in IPO a Dublino

Anche la bozza di testo sul metano è stata notevolmente annacquata. Il metano è un gas serra che ha un impatto maggiore sui cambiamenti climatici rispetto all’anidride carbonica, ma è molto meno costoso da combattere. Questa settimana Europa e Stati Uniti annunceranno una coalizione per ridurre le emissioni globali di metano del 30% entro il 2030.

Ci sono state anche discussioni serie a Roma sulla finanza per il clima. I paesi ricchi si sono impegnati a Copenaghen nel 2009 a raccogliere 100 miliardi di dollari all’anno entro il 2020 per aiutare i paesi vulnerabili a combattere il cambiamento climatico. Poiché tale promessa non è stata mantenuta – nel 2019 c’è stato un deficit di 20 miliardi di dollari – molti paesi in via di sviluppo non sono disposti a ridurre le proprie emissioni. I leader del G20 ribadiscono che l’obiettivo di 100 miliardi di dollari all’anno dovrebbe essere raggiunto “il prima possibile”, ma questo non fa una grande impressione.

Greta

Gli attivisti per il clima temono che si farà poco. Vogliono mantenere alta la pressione sui responsabili politici con le azioni a Glasgow. I 150 Climate Youth che hanno viaggiato sul Climate Train da Amsterdam e Bruxelles a Glasgow sono stati accolti sabato sera alla stazione centrale di Glasgow con cornamuse e una folla di sostenitori.

Anche l’attivista per il clima Greta Thunberg è stata salutata come un’eroina a Glasgow poche ore dopo. Ha dovuto farsi strada tra la folla sotto scorta della polizia. Ha twittato che è felice di essere a Glasgow.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24