I leader dell’UE vogliono dire a Israele: non invadere Rafah

Il capo della politica estera dell’UE Borrell (a sinistra) e il segretario generale delle Nazioni Unite Guterres in un precedente incontro

Noos Notizie

  • Kesia Hexter

    Corrispondente dell'Unione Europea

  • Kesia Hexter

    Corrispondente dell'Unione Europea

I ventisette leader dell'Unione europea vogliono chiedere al governo israeliano di astenersi dal condurre un'operazione di terra a Rafah. La bozza del testo, che sarà adottata oggi al vertice dell’Unione Europea a Bruxelles, afferma che “un’operazione del genere avrebbe conseguenze umanitarie devastanti e deve essere evitata”. I leader dell'Unione europea vengono aggiornati sulla situazione a Gaza da António Guterres, segretario generale delle Nazioni Unite.

Durante la discussione preparatoria per il vertice europeo, martedì il primo ministro uscente Rutte ha effettivamente parlato alla Camera dei Rappresentanti di “cambiare le regole del gioco” se Israele lanciasse un attacco di terra contro la città a sud della Striscia di Gaza.

Non è ancora del tutto certo che tutti i ventisette leader dell’Unione Europea accetteranno la formula attualmente sul tavolo. All’interno dell’Unione Europea, i paesi vedono la guerra tra Israele e Hamas in modo molto diverso. Spagna e Irlanda sono tradizionalmente favorevoli ai palestinesi. Austria, Repubblica Ceca e Ungheria sono molto filo-israeliane.

Pausa di lotta

Un mese fa, l’Ungheria ha rifiutato di sostenere una dichiarazione rilasciata da 26 ministri degli Esteri dell’Unione Europea che chiedevano “una tregua umanitaria immediata a Gaza che porti ad un cessate il fuoco permanente”.

Questa volta, dicono i diplomatici, tutti i 27 leader dovrebbero essere mantenuti a bordo per evitare l’immagine di un’UE divisa. Pertanto, i paesi potrebbero ancora voler giocare con l’appello a non invadere Rafah, ma ciò non è privo di rischi. Un alto diplomatico dell’UE paragona la dichiarazione davanti a lui a un lavoro a maglia. “Se inizi a fare certe parti di una chiamata in questo modo, strapperai rapidamente l'intera maglietta.”

READ  "Un autobus sospettato di essere stato colpito dagli Stati Uniti è circondato dalla polizia", ​​ha distribuito una foto di un uomo | All'estero

Dichiarazione congiunta

La pressione sui leader europei affinché emettano un appello congiunto è forte. Le ultime dichiarazioni congiunte dei leader europei sono state rilasciate alla fine di ottobre, poco dopo lo scoppio della guerra tra Israele e Hamas. Poi ci sono state ore di discussione sull’opportunità o meno di invitare Israele a fermare i combattimenti per motivi umanitari.

Ai vertici UE di dicembre e febbraio non è stato fatto alcun tentativo di raggiungere dichiarazioni congiunte. “La divisione tra i paesi è enorme”, dice una delle persone coinvolte, “se ciò accadesse, causerebbe solo danni”.

La situazione a Gaza è ormai peggiorata a tal punto che i leader dell’Unione Europea devono trovare nuove posizioni. Secondo i diplomatici dell’Ue ora c’è maggiore unità, proprio perché le circostanze sono tragiche.

Il capo della politica estera dell’Unione Europea Borrell ha criticato Israele all’inizio di questa settimana. Il massimo diplomatico dell'Unione Europea ha affermato che il suo Paese è colpevole di aver causato la carestia a Gaza. “La carestia viene usata come arma di guerra”, ha aggiunto.

Supporto umanitario

L'Unione europea sta cercando di alleviare la situazione inviando quanti più aiuti possibile a Gaza. Secondo la Commissione europea, quest’anno sono stati inviati ulteriori 125 milioni di euro per il sostegno umanitario ai palestinesi, anche attraverso il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite e l’UNICEF. Anche l'Unione europea è coinvolta nel fornire assistenza agli abitanti di Gaza via mare da Cipro.

Il linguaggio più duro utilizzato dall'Unione Europea è coerente con il linguaggio utilizzato dall'America, il più importante alleato di Israele. Lunedì, il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, Jake Sullivan, ha definito un errore la grande offensiva di terra contro Rafah. Ha aggiunto che ciò porterebbe all'uccisione di un maggior numero di civili innocenti, esacerbarebbe la terribile crisi umanitaria, aumenterebbe il caos a Gaza e aumenterebbe l'isolamento internazionale di Israele.

La prossima settimana gli americani riceveranno una delegazione israeliana a Washington. Sullivan ha affermato che l’amministrazione Biden vuole offrire a Israele alternative a un raid su larga scala su Rafah durante i colloqui.

La situazione in Medio Oriente non è l’unico tema nell’agenda dei leader dell’Unione Europea. Al vertice si discuterà, tra le altre questioni, della guerra in Ucraina e delle misure per allentare la pressione sugli agricoltori.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24