I maggiori punti interrogativi che circondano il calendario della Formula 1 per il 2024

Da questa settimana il calendario 2023 della Formula 1 non prevede solo il Gran Premio di Cina, ma anche il Gran Premio dell’Emilia-Romagna a Imola come leak. Di conseguenza, nel 2023, con ogni probabilità, non si svolgeranno 24 ma 22 gare. Verso la stagione 2024 e 2025 ci sono anche alcuni punti interrogativi a cui la FIA e la Formula 1 devono rispondere.

La Formula 1 ha avuto un periodo caotico per quanto riguarda il calendario. Tutto è iniziato nel 2020, quando la crisi del coronavirus ha iniziato a colpire anche lo sport prima ancora che il weekend di gara iniziasse in Australia. Il virus ha inizialmente impedito lo svolgimento della stagione di Formula 1. In estate (5 luglio), la stagione è iniziata con diciassette gare in Austria, con Lewis Hamilton alla fine campione del mondo. Nel 2021 e nel 2022 sono state presentate 22 gare, stagioni in cui Max Verstappen è diventato campione del mondo. Durante quelle due stagioni, anche il Gran Premio di Cina è stato abbandonato, portando il numero da 23 a 22. Nel 2023, il numero da sogno di 23 o 24 gare non sarà mai più raggiunto.

Interessante anche: Hamilton guida Verstappen nelle nuove statistiche

2023

Dopo anni in cui la Formula 1 ha dovuto fare i conti con troppe gare per disputarsi, il 2023 sembrava diverso quando è stato annunciato il calendario. Nulla di più falso, perché è stato subito chiaro che anche il Gran Premio di Cina non si sarebbe disputato in questa stagione. Il Nord Italia è stato poi devastato dal maltempo e dagli allagamenti della scorsa settimana, dopodiché la FIA e la Formula 1 hanno deciso di annullare anche il weekend di gara di Imola. Secondo le indiscrezioni, non ci sono grandi possibilità che la gara sia ancora in calendario nel 2023.

READ  Infilandosi di soppiatto nel gruppo di testa, Hindley vince la tappa senza un piano e si prende anche il giallo

nuovi circoli

Grazie alla crisi Corona e alla necessità di sostituire i diversi circuiti, negli ultimi quattro anni anche altre gare hanno avuto l’opportunità. Nel 2020, ad esempio, c’è stata una gara su pista a Imola e al Mugello, in Portogallo. Nel 2021 c’è stato il weekend di gara in Turchia, mentre sono stati accolti anche i Gran Premi del Qatar e dell’Arabia Saudita. Nel 2022 si è svolto per la prima volta un weekend di gara a Miami, mentre Las Vegas sarà in calendario per la prima volta nel 2023. La più importante novità in calendario dalla crisi del coronavirus, almeno per noi olandesi, è la gara a Zandvoort, che ha fatto parte di questo sport con grande successo dal 2021. Le gare di Singapore, Australia, Giappone, Messico, Monaco, Brasile e Canada non possono essere disputate nel 2020 (o più a lungo) a causa di questa crisi e sono state quindi sostituite in Da questa parte.

Nel frattempo sono state completamente cancellate anche gare come il Gran Premio di Germania (l’ultima volta era stata nel 2020), Russia (a causa della guerra iniziata nel 2022) e Francia (il contratto definitivo non è stato prorogato nel 2022). Sembra che siano in arrivo nuove gare per il 2024, il che significa che la FIA dovrà prendere nuovamente delle decisioni.

la situazione attuale

La Formula 1 ha recentemente esteso diversi contratti, l’esempio più recente è stato il Gran Premio dell’Azerbaigian. L’anno scorso è stato impressionante chi si sarebbe ritirato dopo la gara in Russia, e si scopre che dopotutto questa è la Francia. Solo per il 2024 Gran Premio del Belgio Attualmente non c’è nessun contratto. Tutti gli altri circuiti, 23 in tutto, hanno ancora contratti fino al 2024 o oltre. La domanda non è davvero se il Belgio si ritirerà per far posto a un’altra gara, ma piuttosto la questione di chi sostituirà Spa-Francorchamps. Sono tre i contendenti che si aggiungeranno al calendario 2024 come nuovi circuiti (in parte) e in sostituzione del Belgio. È probabile che il Belgio venga riscattato non solo per colpa dell’organizzazione della gara e delle capacità finanziarie di cui dispone.

READ  George Russell per testare il nuovo pavimento Mercedes durante il Gran Premio del Belgio a Spa-Francorchamps

Convenzione di Concordia

L’attuale accordo Concorde stabilisce che durante la stagione di Formula 1 possono essere disputate un massimo di 24 gare. Poiché ci sono già 23 gare per la stagione 2024, potrebbe essere aggiunta un’altra gara e ci sono tre contendenti con più soldi o più interesse per la Formula 1, la FIA deve fare il grande passo alla fine di questo anno di gare. L’accordo Concorde durerà fino al 2025, quindi c’è un limite di 24 gare per le prossime due stagioni che la FIA deve rispettare. C’è la possibilità che questo aumenti dopo il 2025, nonostante il fatto che anche le squadre possano decidere in merito.

concorrenti

Oltre al Gran Premio del Belgio, che quindi è in lotta per un nuovo contratto, la FIA ha poche altre opzioni. Il Gran Premio della Malesia sembra essere tornato in calendario con una raccolta fondi. Questo è il motivo principale per cui la gara non è in calendario da anni. Poi c’è il Gran Premio del Vietnam, che è stato brevemente votato prima dell’inizio della crisi del coronavirus. C’è la possibilità che la Formula 1 stia ancora lavorando a questa gara. Infine, l’alternativa più logica, e quella che viene spesso citata con la Malesia: il Gran Premio del Sud Africa. Era già sul calendario in passato. Ora il circuito, sostenuto tra gli altri da Lewis Hamilton, sta cercando di portare un altro Gran Premio nell’unico continente abitato in cui attualmente non corre la Formula 1: l’Africa. Sembra quindi andare all’ultimo posto del calendario per il 2024 tra Belgio, Sudafrica, Malesia e Vietnam.

READ  Il governo italiano evita che Pirelli cada nelle mani dei cinesi

2025

Infine, un rapido sguardo al 2025, ultima stagione del Concorde Convention e quindi anche ultima stagione per la quale vige il limite delle 24 gare. Questo sarà un anno entusiasmante per i Gran Premi di Giappone, Italia (Monza) e Gran Bretagna, poiché i contratti per queste gare scadono dopo il 2024. Ciò significa che ci sono tre sedi prima del 2025 che altri circuiti non attualmente in calendario possono festeggiare . Si pensi, ad esempio, alle gare già citate sopra, ma anche Francia o Germania, che per allora potrebbero provare a tornare in Formula 1. Potrebbero essere tre posizioni. La domanda che si porrà dopo il 2025 è: quante gare sarà il limite nel nuovo accordo Concorde? C’è abbastanza da offrire per la Formula 1, ma quanto è realistico e salutare il numero di gare per lo staff, i piloti e tutto il resto dello staff? Una domanda a cui tutte le parti devono rispondere insieme nel nuovo Patto della Concordia.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24