“I Paesi Bassi sono ingenui riguardo alla criminalità organizzata”



Nicola Gratteri


© AFP
Nicola Gratteri

Nicola Gratteri è il criminale più temuto d’Italia. Conduce il grande processo contro la ‘Ndrangheta, la mafia del sud Italia. Ha anche saputo dell’attacco a Peter R. de Vries, che si diceva avesse legami con la criminalità organizzata. “I Paesi Bassi sottovalutano la mafia”.

“I paesi europei non hanno idea di cosa sia una mafia, o un pericoloso criminale, e quali siano le loro capacità”, afferma Nicola Gratteri. Parla con RTL Nieuws in un luogo altamente custodito tenuto segreto fino all’ultimo minuto.

Assicurazione Peter RD Vries

“Pene più severe, attrezzature migliori, normative di vasta portata e più manodopera”, secondo Gratteri, sono le “lezioni italiane” che i Paesi Bassi possono imparare.

Gratteri ha anche un’opinione chiara sull’attacco a Peter R. de Vries. “Avrebbe dovuto essere protetto”, ha detto con fermezza il pubblico ministero italiano. “È una questione molto seria. Stiamo parlando di libertà di pensiero e di espressione e democrazia… di civiltà”. Anche Peter R. rifiutò. La sicurezza di De Vries in persona.





© Inserito da RTL Boulevard


Nessuno mi chiude la bocca

Lo stesso Gratteri è fortemente protetto: ha intorno a sé almeno dieci guardie del corpo. Da 30 anni, 7 giorni su 7, 24 ore su 24. È il prezzo che paga per la sua lotta alla mafia. “Mi sento mentalmente libero, e questa è la cosa più importante”, dice. “Ho sacrificato la mia libertà fisica molto tempo fa, ma non c’è nessuno che mi faccia tacere”.

Anche i sacrifici di Gratteri ripagano. All’inizio di quest’anno, 355 sospetti sono stati processati. Appartengono alla ‘Ndrangheta, la mafia del sud Italia. Questa grande esperienza è il più grande successo della carriera di Gratteri.

READ  Adele mostra una nuova amica sui social | guardare

Un uomo ha commesso un centinaio di omicidi

Gratteri utilizza i principali testimoni. “Dopo molte conversazioni iniziali e aver tracciato i circoli in cui si trovano, parlerò con loro. Di recente ho parlato con un criminale sospettato di un centinaio di omicidi. Cerca di ingannarci con bugie complicate. Devi superarlo.

Dopo quei colloqui, gli sfortunati inventori devono rimanere in isolamento per almeno sei mesi. Se continuano a collaborare dopo, si parla solo di una riduzione della pena, a volte fino al 50 percento, secondo il procuratore generale.





© Inserito da RTL Boulevard


“I Paesi Bassi sottovalutano la mafia.”

Anche i Paesi Bassi sono alle prese con la criminalità organizzata, dopo i successivi attacchi al fratello (Radwan B.), all’avvocato (Dirk Wiersom) e al consigliere segreto (Peter R. de Vries) del testimone del principe ereditario Nabil B.. è che la violenza e le minacce legate alla droga nei Paesi Bassi sono spesso viste come incidenti isolati, piuttosto che un problema sistemico.

Dice che questo problema non finirà. “I Paesi Bassi non sono solo logisticamente interessanti per la criminalità organizzata – con porti di transito come Rotterdam e Amsterdam nel traffico di cocaina – c’è anche un sacco di riciclaggio di denaro con l’apertura di ristoranti e hotel. Anche il sistema olandese ne beneficia, motivo per cui è così difficile da fermare”.

“I Paesi Bassi stanno sottovalutando la mafia”, afferma Gratteri. Pensa che debba essere più difficile per i prigionieri. C’è una differenza di mentalità in questo senso. Questo si è rivelato essere il caso di un trafficante di droga italiano che si trovava in una cella olandese. “Ha chiamato sua moglie e ha detto che non voleva venire in Italia. Stava bene in cella, e lì aveva tutto ciò di cui aveva bisogno”.

READ  Consulenza culturale a Ramsi Nasr

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24