“I pesci predatori perdono molto più di quanto catturano”

Il salmone nel suo piatto non sta andando da nessuna parte: è passato da tempo da un pesce predatore a una preda. Ma il pesce nel video che Ben Martin mostra sul suo laptop è ancora manovrabile.

Su un balcone dell’Amsterdam Science Park assistiamo alla registrazione di un tipo di sgombro, Karanx Roper Un pesce predatore che vive nel mare intorno a Curaçao. “Guarda, qui lo vedi navigare dolcemente tra gli scogli. Un ritmo rilassato. Ma attenzione a quel pesciolino che gli nuota davanti. Cioè cromosomi ascellariÈ un piccolo pesce tropicale che si nutre di plancton. la sua preda.” E infatti: dopo un attimo il sugarello accelera. Chromis sembra condannato, ma poi fa qualcosa di straordinario: fa un giro di 360 gradi, così da finire dietro al suo aggressore. Si disorienta e cade.

Martin è un docente universitario di Ecologia Teorica presso l’Università di Amsterdam e ha appena ricevuto una borsa di studio Vidi dal NWO a luglio, che finanzierà un progetto di ricerca quinquennale. Per lui questo significa: sapere come i pesci predatori Karanx Roper Sebbene sia molto più veloce, gli manca ancora molto la preda prevista. “E questo mentre la preda è nelle barriere coralline in abbondanza.”

Quanto spesso i pesci predatori mordono con successo?

“Si sa molto poco al riguardo. Dopotutto, in campo non sono sempre nel posto giusto al momento giusto. Ma si potrebbe dire che manca molto più di quanto colpisce. Questo vale anche per i rapaci: la maggior parte delle loro immersioni non hanno successo. E questo è qualcosa che ha occupato i biologi per decenni. Come può un predatore, molto più veloce della sua preda, avere così poco successo?”

I pesci hanno una velocità di reazione molto elevata di circa 40 ms

È perché la preda è più agile?

Questa era una teoria popolare negli anni ’70: gli animali più piccoli potevano manovrare più velocemente degli animali più grandi e quindi fuggire. Questo spiega parte della storia, ma non tutta. È possibile che la preda sia comunque brava a evitare il pericolo, restando all’erta. E vivere in gruppo rende anche più facile la fuga. Un singolo pesce che nuota dietro un angolo della barriera corallina nella bocca aperta del nemico è senza dubbio più vulnerabile dell’intero branco.

READ  Il cambiamento climatico è la causa delle forti piogge? Scientificamente c'è un collegamento molto chiaro.

“Ma c’è anche qualcos’altro coinvolto: il tempo necessario per elaborare le informazioni sensoriali. I pesci hanno una velocità di reazione molto elevata di circa 40 millisecondi. Nell’uomo è di circa 200 millisecondi. Ciò consente alle prede di reagire rapidamente alle minacce”.

I pesci predatori stessi reagiscono naturalmente rapidamente.

“Sì, ma la preda ha un vantaggio in questo senso: vede da dove viene il suo attaccante e quindi ha molte direzioni per fuggire. I pesci predatori possono reagire a questo, ma la rapida manovrabilità lo rende instabile. Nel momento in cui ha cambiato rotta , il pesciolino era sparito. Sono stati a lungo nella barriera corallina. E i ladri non osano andarci, perché è più probabile che si feriscano negli scogli taglienti. “

A velocità normale vedi solo uno sfarfallio, tutto qui

Allora perché i piccoli pesci escono dalla barriera corallina in primo luogo?

“Perché mangiano il plancton, motivo per cui devono salire nella colonna d’acqua”.

Martin dà un morso al suo sandwich al salmone. Entro una settimana nuoterà da solo tra i pesci, a Curaçao, per svolgere il lavoro sul campo per il progetto. L’anno scorso, era lì per la prima volta, per scegliere tre specie di pesci predatori che avrebbero seguito in modo più dettagliato. Due sugarelli Karanx Roper in un Caranx crysosE il “pesce lucertola” che penetra nella sabbia e da lì si avventa sulla sua preda. “A una velocità di otto metri al secondo, è molto veloce. Eppure spesso manca il bersaglio”.

Durante precedenti ricerche sul campo, ha registrato video che Martin ha mostrato a se stesso mentre si immergeva con la sua macchina fotografica. Ha registrato centinaia di attacchi in questo modo. Nei prossimi anni, lui e i suoi colleghi installeranno più apparecchiature fisse in modo da poter raccogliere e analizzare continuamente i materiali delle pellicole. “Le immagini che ti ho mostrato sono state rallentate dodici volte. A velocità normale, vedi solo uno sfarfallio, tutto qui – non hai idea se l’attacco ha avuto successo o meno.”

READ  L'eclissi solare parziale di giovedì può essere vista dai Paesi Bassi

Sarà sicuramente un documentario sulla bellezza della natura.

“Sì, spero davvero che un giorno ci sarà un film subacqueo al rallentatore. pianeta blu, ma più lentamente, in modo che tu possa davvero vedere come va un tale attacco.”

Cosa farai con il filmato?

„Finalmente vogliamo usarlo apprendimento automatico Computer di addestramento per rilevare attacchi di pesci predatori. Possiamo quindi studiare questi attacchi in modo più dettagliato per vedere che tipo di leggi ci sono dietro di loro. In questo modo possiamo sviluppare modelli per comprendere meglio le interazioni tra predatori e prede».

In effetti, questa ricerca non è nemmeno diversa dai modelli di computer utilizzati nello sport

Martin spiega come il suo interesse per la modellazione ambientale sia nato per caso. “Durante la mia ricerca di master, volevo studiare le larve di pesce sul lago Michigan, ma la barca si è rotta il secondo giorno di lavoro sul campo. Perché altrimenti sarei senza dati per un anno intero, ho pensato: non c’è altro modo? Può non ho in qualche modo modellato il comportamento dei pesci?

Come modelli il comportamento di caccia?

Molti modelli ambientali derivano le loro regole di reazione dalla chimica e presumono che gli animali si scontrino come molecole. Ma questo confronto è imperfetto, motivo per cui i modelli spesso non sono una rappresentazione realistica della realtà. Proprio perché gli animali hanno i sensi, si muovono in modo diverso. A grandi distanze l’uno dall’altro, il loro movimento è casuale, come nel caso delle particelle, ma non appena si rilevano a vicenda, diventa efficace: attaccare o fuggire, per esempio. Applicando questo tipo di informazioni, spero di rendere i modelli più realistici”.

READ  Israele indaga sull'infezione cardiaca nei giovani dopo il vaccino Pfizer لقاح

Si mette in bocca l’ultimo pezzo di salmone. “Sai… in effetti, questa ricerca non è nemmeno diversa dai modelli informatici utilizzati negli sport, ad esempio. Nel calcio, anche il comportamento dei giocatori viene sempre più ingegnerizzato per prevedere come andrà la partita. Ma dove i pesci differiscono dai calciatori è Hanno giocato a questo gioco di caccia e volo per milioni di anni, quindi sono molto più bravi a farlo. Per loro, dopo tutto, è davvero una questione di vita o di morte”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24