I produttori di armi statunitensi stanno beneficiando particolarmente della guerra in Ucraina

Poco dopo che la Russia ha lanciato i suoi primi missili contro l’Ucraina, i prezzi delle azioni dei più grandi produttori di armi del mondo sono saliti alle stelle. la propria guerra Altro modello di reddito

Ironia della sorte, la guerra che il presidente russo Vladimir Putin sta conducendo al suo vicino sta rafforzando l’industria delle armi statunitense, prevedono gli esperti. La Russia consuma così tante armi e munizioni in Ucraina che l’industria russa dovrà produrle principalmente per uso proprio nel prossimo futuro. Le esportazioni di armi statunitensi in particolare ne traggono vantaggio: gli Stati Uniti detengono una quota di mercato globale del 54% e i cinque maggiori gruppi di difesa del mondo sono americani.

Non solo gli americani – e alcuni produttori europei – ottengono una quota maggiore del mercato, ma anche la torta stessa sta crescendo in modo esponenziale. Sconvolti dall’aggressione russa, molti paesi europei hanno stanziato miliardi di euro in più per la difesa.

La Germania è in testa. Il cancelliere Olaf Schultz istituisce un fondo di 100 miliardi di euro per gli affari militari. Questo è il doppio del normale budget per la difesa tedesca. E ora al Congresso degli Stati Uniti Ho negoziato il bilancio della difesa 782 miliardi di dollari (+5,6% rispetto all’anno fiscale precedente). Circa 200 miliardi per gli stipendi, il resto va alle nuove attrezzature (e alla manutenzione).

sistemi difensivi

Quali armi compreranno nel prossimo futuro? e dove?

Gli esperti affermano che i missili terra-aria e i sistemi anticarro sono popolari a breve termine. Paesi europei che l’Ucraina ora Fornisce tali sistemi di difesaTi consigliamo di sostituirlo presto. Questo è possibile almeno nella società statunitense Lockheed Martin, che ha un fatturato legato alla difesa di 58,2 miliardi di dollari USA (2020). La più grande fabbrica di armi del mondo† E al secondo posto, Raytheon Technologies (fatturato: 64 miliardi di dollari).

“I produttori di armi beneficiano molto di questa guerra”, dice Danny Pronk, Analista militare presso Clingendael Institute† A breve e lungo termine. Mi aspetto che i paesi della NATO ordinino parecchi missili antiaerei e sistemi anticarro”.

Pronk prevede che i produttori di armi occidentali dovranno affrontare una minore concorrenza da parte dell’industria della difesa russa nei prossimi anni. Nei prossimi anni dovrà produrlo principalmente per le sue forze armate, in parte a causa delle presunte grandi perdite materiali in Ucraina.

Pronk: L’esercito russo ha dovuto lasciare carri armati e veicoli corazzati in Ucraina. Inoltre, soprattutto all’inizio della guerra, i russi usarono molte munizioni a guida di precisione. ”

La Russia vorrà sostituire quelle bombe, carri armati e veicoli “intelligenti” perduti. Ora l’industria delle armi russa è molto più piccola di quella americana: la quota di mercato russa è del 5%. Inoltre, le fabbriche lì sono relativamente vecchie. Secondo Pronk, questo libera una piccola area di produzione per uso privato e per l’esportazione.

READ  “Darei qualsiasi cosa per rivivere questo momento.”

Le sanzioni contro la Russia hanno gravemente colpito l’industria degli armamenti. Ad esempio, la tecnologia militare che detiene Rostec, che comprende il 60% dell’industria della difesa russa, è nell’elenco delle sanzioni. Questo vale anche per il CEO di Rostec, Sergey Chemezov. L’oligarca conosce il presidente Putin dal tempo trascorso insieme nella Germania dell’Est negli anni ’80. Lo ha riferito mercoledì la polizia spagnola Lo yacht di lusso di Chemezov è stato sequestrato a Barcellona.

Non è chiaro cosa significhino le sanzioni per il grande ordine di difesa dell’India con il produttore russo Almaz-Anti. L’India, da molti anni uno dei principali clienti del settore delle armi russo, sta pagando 5 miliardi di dollari per cinque unità del sistema avanzato di difesa aerea S-400. Dovrebbe essere consegnato ora.

Leggi anche: Queste armi svolgono un ruolo importante nella guerra in Ucraina

anche tacchino Questi sistemi S-400 furono ordinati, cosa che fece infuriare gli Stati Uniti. Alla Turchia, membro della NATO, è stato successivamente vietato di partecipare al progetto F-35. Secondo l’analista Pronk, l’aereo da combattimento della Lockheed Martin e dei suoi partner è uno dei pochi aerei da combattimento in grado di competere con il sistema radar russo.

In parte per questo motivo, l’F-35 è in cima alla lista dei desideri di molte nazioni occidentali. Lunedì è stato annunciato La Germania vuole acquistare 35 aerei da combattimento di questo tipo† Costano oltre $ 100 milioni ciascuno. L’anno scorso, Finlandia e Svizzera hanno già ordinato l’F-35; Nel 2020 Italia, Regno Unito, Paesi Bassi, Norvegia e Danimarca hanno fatto lo stesso. L’Olanda ce l’ha Diciotto F-35 sono in servizio

boom azionario

Con chi i paesi occidentali spenderanno i loro miliardi?

I rialzisti del mercato azionario danno un’indicazione. Con il deterioramento dell’economia globale a causa della guerra in Ucraina, l’aumento vertiginoso dei prezzi dell’energia e delle materie prime, l’inflazione e le conseguenze della crisi del coronavirus, le scorte di produttori di armi negli Stati Uniti, in Europa e in Cina sono rimbalzate.

Ad esempio, le azioni della Lockheed Martin sono ora circa un terzo più preziose di quanto non fossero all’inizio di quest’anno. Anche Raytheon Technologies, produttore di sistemi antiaerei Patriot e Stinger, il produttore di bombardieri Northrop Grumman e il costruttore di carri armati General Dynamics, sono aumentati.

Il prezzo delle azioni Boeing è sceso. Sebbene il produttore di aeromobili realizzi il 40 percento delle sue vendite con aerei militari, gli investitori guardano maggiormente ai problemi dell’aviazione civile. Questo vale anche per l’Airbus europeo, non solo il famoso costruttore di aerei passeggeri, ma anche di grandi elicotteri (militari).

Ma in generale sono aumentati anche i prezzi delle azioni dei produttori di armi in Europa. Prendilo Leonardo italiano† Questo prodotto per aerei da combattimento, elicotteri e sistemi di comunicazione, tra gli altri, ha fornito numeri annuali notevolmente migliorati la scorsa settimana e una previsione ottimistica. Un utile di 587 milioni di euro è stato realizzato su un fatturato di 14,1 miliardi di euro, con un incremento del 142 per cento. Il presidente Alessandro Profumo ha detto che la guerra in Ucraina fa bene agli affari. „Sono sicuro che questo tragico evento in Europa porterà a […] “Più spese per la difesa”, ha detto, commentando i dati annuali. Quel giorno, il prezzo delle azioni di Leonardo a Milano è salito del 12 per cento.

READ  Un pub italiano fa pagare 2€ per tagliare un panino a metà - Wel.nl

All’inizio di gennaio, i colleghi americani di Profumo della Lockheed Martin e della Raytheon Aspetto simile† Il CEO di Lockheed Martin, James Ticklet, ha parlato della “grande lotta per il potere” tra Cina, Russia e Stati Uniti. “Promette più affari per l’azienda.”

Linee di produzione complete

Le cose non sono andate male nell’industria internazionale delle armi, afferma il ricercatore Peter Weisman dello Stockholm International Peace Institute. Le linee di produzione erano abbastanza piene. La produzione globale si sta riprendendo rapidamente dal Covid-19”.

L’istituto porta L’industria internazionale delle armi† Wiseman e colleghi hanno tenuto una presentazione lunedì la loro relazione annuale Andamento dei trasferimenti internazionali di armi

Dopo gli attacchi dell’11 settembre, le vendite dei produttori di armi e dei fornitori di servizi militari sono aumentate quasi continuamente. La spesa ha visto un calo solo durante la stretta creditizia, tra il 2008 e il 2011. Mentre il commercio globale di armi nel 2000 era ancora di 300 miliardi di dollari, ora, secondo Sipri, è di circa 550 miliardi di dollari.

“Le elevate importazioni dall’Europa, dall’Asia orientale, dall’Oceania e dal Medio Oriente stanno portando a un preoccupante accumulo di armi”, afferma Wezeman. Sipre ha affermato che l’Europa è stata la regione che ha importato più armi negli ultimi cinque anni. “Il grave deterioramento delle relazioni tra la maggior parte dei paesi europei e la Russia è stato uno dei principali motori della crescita delle importazioni europee di armi”.

Negli ultimi cinque anni, secondo Sipri, sono aumentate in particolare le esportazioni statunitensi e francesi. L’istituto opera a intervalli di cinque anni piuttosto che con confronti di anno in anno per superare l’impatto di grandi ordini una tantum (aerei a reazione, per esempio).

Leggi anche: essere un soldato? Ti meriti il ​​meglio da McDonald’s

Non è chiaro con quale rapidità l’industria degli armamenti possa ora beneficiare delle crescenti tensioni nell’Europa orientale e nell’Asia orientale (Taiwan e Mar Cinese Meridionale), afferma Wezeman. Lockheed Martin ha riferito a gennaio che l’azienda stava ancora riscontrando problemi logistici a causa della crisi del coronavirus. Anche la guerra in Ucraina e le sanzioni contro la Russia possono portare a problemi di produzione. La Russia è un importante fornitore di materie prime. L’offerta diminuirà e i costi aumenteranno”.

READ  In un certo senso, l’accordo di Tunisi non fa altro che aggravare il problema.

dominio cibernetico

Frank Slipper, che da anni segue l’industria delle armi per conto del movimento pacifista olandese PAX, non si aspetta che un prodotto specifico dominerà le vendite di armi. “È fondamentalmente individuale. Più esercito, più aviazione, più cyberspazio e forze speciali

Sostiene che ora c’è solo interesse per attrezzature pesanti come aerei e carri armati. Ciò potrebbe essere vantaggioso per la guerra “convenzionale” per difendere il proprio territorio, ma secondo Slipper, le forze armate vogliono anche continuare a investire in attrezzature più leggere per le missioni all’estero.

Sleeper preoccupato per l’aumento degli armamenti. “Non sono d’accordo con l’idea che non siamo all’altezza della Russia. Non ho l’impressione che abbiamo gravemente trascurato le nostre capacità militari. L’Europa deve lavorare di più sulla cooperazione”.

Mette in guardia sul potere dei grandi conglomerati nell’industria delle armi, specialmente negli Stati Uniti. “L’integrazione nell’industria delle armi statunitense è iniziata subito dopo la Guerra Fredda e da allora non si è fermata”. Sia le fusioni che le acquisizioni hanno trasformato l’industria della difesa statunitense in un’enorme centrale elettrica, con molto potere a Washington, DC. secondo Ricerca di un think tank americano Nel 2020, i cinque maggiori produttori di armi hanno speso 60 milioni di dollari in attività di lobbying. Ad esempio, hanno cercato di persuadere il governo degli Stati Uniti ad accettare di fornire armi a clienti “politicamente sensibili”. Patriots per Taiwan, missili per il Cile, caccia per la Giordania.

Ma il tempo della concentrazione sfrenata del potere nell’industria della difesa statunitense potrebbe essere finito. Il mese scorso la Federal Regulatory Authority (FTC) degli Stati Uniti ha preso una decisione speciale: ha bloccato la vendita da 1 miliardo di dollari di Aerojet Rocketdyne. Lockheed Martin era disposta a pagare 4,4 miliardi di dollari al produttore di motori a razzo, l’ultimo grande fornitore indipendente. Secondo la Federal Trade Commission, l’acquisto porterebbe a “un consolidamento del mercato inaccettabile per un’importante sicurezza nazionale”.

Frank Slipper del PAX avverte di un altro pericolo derivante dallo stato attuale del settore della difesa. Ora gli stati membri della NATO Spedizione urgente di armi e munizioni in Ucraina, minaccia di bloccare la vista del dispositivo. Dove vengono donati cento fucili da cecchino dai Paesi Bassi? Migliaia di armi anticarro tedesche? I cinquemila fucili mitragliatori inviati dal Belgio in Ucraina? Per anni, il movimento per la pace ha sostenuto questo Maggiore controllo sul commercio internazionale di armi† Sleeper dice che è più importante che mai. “Certo ora che la porta è spalancata e il commercio di armi crescerà”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24