I rendimenti dell’Eurozona scendono mentre la Fed e la Banca d’Inghilterra mantengono i tassi di interesse – 2 novembre 2023 alle 15:25

I rendimenti dei titoli di stato della zona euro sono scesi ai minimi di diverse settimane giovedì dopo che la Federal Reserve e la Banca d’Inghilterra hanno lasciato invariati i tassi di interesse, alimentando le scommesse secondo cui le banche centrali si stanno avvicinando alla fine della loro stretta monetaria.

Questa settimana il Tesoro ha anche esteso il sostegno alle obbligazioni, affermando che aumenterà lentamente la dimensione delle sue aste a lungo termine, confortando alcuni investitori che si aspettavano un aumento maggiore dell’offerta.

I rendimenti dei titoli tedeschi a 10 anni sono scesi ai livelli più bassi dal 15 settembre, con un calo finale di circa 5 punti base al 2,70%, mentre i rendimenti dei titoli a due anni sono scesi al 3,01%, raggiungendo i livelli più bassi dal 4 settembre.

Il rendimento dei titoli italiani a due anni è sceso di 4 punti base al 3,74%, dopo aver raggiunto il livello più basso in quasi due mesi. Il rendimento dei titoli a 10 anni ha toccato il minimo di sei settimane, scendendo di 10 punti base al 4,54%.

La Banca d’Inghilterra ha mantenuto i tassi di interesse ai livelli più alti degli ultimi 15 anni mentre combatte il tasso di inflazione più alto di qualsiasi delle principali economie ricche del mondo, e ha insistito sul fatto che non prevede di tagliare i tassi di interesse in tempi brevi.

Mercoledì, la Federal Reserve ha lasciato invariati i tassi di interesse e ha riconosciuto che il recente aumento dei rendimenti aveva inasprito le condizioni finanziarie, confermando le aspettative del mercato secondo cui la banca centrale americana si sta avvicinando alla fine della sua campagna di stretta monetaria.

READ  Israele e Libia stanno per unire le forze

“La Banca d’Inghilterra probabilmente si troverà sulla strada prevista e forse sarà un po’ frustrata per non essere andata oltre”, ha affermato Jeff Yu, capo stratega del mercato per Europa, Medio Oriente e Africa presso BNY Mellon.

“I movimenti dei mercati obbligazionari di ieri hanno fatto molto per loro. La gente parla di tornare alle obbligazioni, comprese quelle a lungo termine.”

In un altro segnale dell’umore rialzista nei mercati dei tassi di interesse, lo spread tra i rendimenti dei titoli decennali tedeschi e italiani si è ridotto a 184,8 punti base, dopo aver raggiunto 181, il livello più basso dal 26 settembre.

Lo spread del tasso di interesse era salito a 209 punti base all’inizio di ottobre a causa dei timori di un maggiore deficit di bilancio in Italia e perché la svendita globale dei mercati obbligazionari ha avuto un impatto maggiore sulla periferia della zona euro con l’aumento del peso del debito. .

Nel contesto europeo, ci sono stati commenti da parte del capo economista della Banca Centrale Europea, Philip Lane, secondo cui c’erano ancora “buone possibilità” che l’economia evitasse la recessione nonostante la stretta del mercato del credito.

È probabile che la BCE mantenga i tassi di interesse ai livelli attuali nei prossimi mesi in attesa di ulteriori conferme che l’inflazione è in una tendenza al ribasso, ha detto il membro olandese del Consiglio direttivo della BCE Klaas Knot.

I rendimenti obbligazionari britannici sono scesi in linea con quelli europei, con i rendimenti obbligazionari a due anni scesi al livello più basso da giugno.

Anche i titoli del Tesoro USA sono scesi ai minimi di diverse settimane, con le obbligazioni a due anni che sono scese ai minimi di due mesi, l’ultima volta in calo di 3,4 punti base al 4,937%. (Segnalazione di Alun John; Montaggio di Dara Ranasinghe e Christina Fincher)

READ  "Rispondere ai desideri dei consumatori per un uso ottimale delle opportunità di agricoltura verticale"

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24