I ricercatori svizzeri hanno scoperto come i suoni di pianoforte morbidi possono aiutare a sbarazzarsi degli incubi

Viaggio pazzesco in una terrificante valle profonda, sotto l’attacco di tipi che minacciano i coltelli: gli incubi sono terribilmente realistici. Le persone con disturbo da incubo ne ricevono almeno uno a settimana. Si sentono anche stanchi e ansiosi durante il giorno.

I ricercatori svizzeri hanno trovato un nuovo modo per sbarazzarsi di questi brutti sogni pieni di nervi. I loro pazienti sono stati dotati di una fascia wireless che emette un segnale acustico di notte non appena hanno iniziato a sognare. Questo suono è stato precedentemente combinato con una versione positiva dell’incubo, creata dallo stesso sognatore. I ricercatori hanno scritto la scorsa settimana che gli incubi sono scomparsi per almeno tre mesi Giornale scientifico biologia attuale.

Il disturbo da incubo può perseguitare una persona per decenni. Le persone con disturbo da stress post-traumatico spesso ce l’hanno, ma il disturbo si verifica anche senza che una persona viva un evento traumatico. Circa 1 persona su 25 ce l’ha. Il trattamento più elementare è Prova di terapia (IRT). In tal modo, il sognatore inventa una versione dell’incubo che finisce bene e ripete questo scenario riscritto per cinque o dieci minuti ogni giorno. Questo trattamento funziona bene, ma non funziona bene in circa un terzo dei pazienti e, a volte, gli incubi si ripresentano dopo alcune settimane.

suono o odore

Lo psichiatra Lampros Perogamvros dell’Università di Ginevra ha deciso di combinare l’IRT con una tecnica ben nota: la riattivazione della memoria target. Durante il giorno l’esperienza è associata a un suono oa un odore. Se qualcuno è esposto a questo suono o odore durante la notte durante il sonno profondo, l’apprendimento è ancora migliore. Pergamvros ha applicato questa tecnica durante il sonno REM (movimento oculare rapidoÈ la fase del sonno in cui le persone sognano.

READ  Un computer estrae le parole dal cervello di persone paralizzate e le fa "parlare" di nuovo

Lo studio ha coinvolto 36 persone che hanno avuto incubi senza una causa dolorosa, da due a quattro volte a settimana. Sono stati esaminati da un esperto del sonno e hanno tenuto un diario dei sogni e un diario del sonno per due settimane. In una seconda visita in ospedale, ogni partecipante ha creato una versione positiva dell’incubo più comune e ha fantasticato su di esso per cinque minuti. La metà dei partecipanti ha sentito un suono attraverso le cuffie ogni dieci secondi mentre ripeteva il testo positivo: accordo di pianoforte C69, per un secondo.

Per le due settimane successive, a tutti i partecipanti è stata data una fascia da portare a casa da indossare durante il sonno. Tra le altre cose, registrava le loro onde cerebrali e, non appena iniziava il sonno REM, suonava quell’accordo ogni dieci secondi, in silenzio, ma in un modo che il dormiente poteva sentire, a un volume di circa 40 decibel. Tenevano anche diari e praticavano il testo positivo per cinque minuti ogni giorno.

storia positiva

Dopo due settimane, gli incubi erano meno frequenti nelle persone la cui storia positiva era associata agli accordi di pianoforte. In media, hanno ancora vissuto il loro incubo una volta al mese, persone che hanno avuto un IRT solo una volta alla settimana. Il gruppo trattato con l’accordo aveva anche altri sogni positivi più spesso, il gruppo di controllo no.

Tre mesi dopo, questa differenza è rimasta. La frequenza degli incubi è nuovamente aumentata leggermente, ma è rimasta inferiore in entrambi i gruppi rispetto a prima del trattamento.

READ  Il telescopio Hubble può individuare di nuovo le stelle

“Uno studio molto interessante e dal design elegante, pensa Jaap Lansey, psicologo dell’Università di Amsterdam, specializzato in incubi. “Vedi un pericoloso effetto aggiuntivo di riattivazione della memoria, oltre all’effetto dell’IRT”.

Gli svizzeri affermano che i pazienti non stanno improvvisamente sognando la nuova versione divertente dell’incubo. “Vedi, in IRT, la storia positiva non la sostituisce”, dice Lancee, “ma lo scenario da incubo non si svolge più. La carica emotiva è diventata meno potente e di conseguenza non ti perdi più quella storia .”

Prima che le nuove intuizioni raggiungano la pratica terapeutica, lo studio deve essere ripetuto, anche nelle persone con disturbi psichiatrici in cui spesso si verificano incubi, come il disturbo da stress post-traumatico. Lancee: “Se funziona in questo gruppo clinico, direi di usarlo subito”.

Leggi anche: Svegliarsi idratati con il sudore

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24